Professore uomo o donna? Non si sa

| IL pro-rettore dell'Università tedesca di Rostock a volte si veste, cammina e si trucca come una donna, a volte da uomo. "Si chiama crossdressing ma io mi sento un uomo". Stupore di studenti e colleghi

+ Miei preferiti

Di che sesso è il professore di ingegneria meccanica e costruzione navale, pro-rettore dell'Università di Rostock? Un uomo che si sente donna o uomo che solo talvolta si sente di sesso femminile? E’ l’interrogativo che si pongono studenti e colleghi, e ora anche l’opinione pubblica, perché

Patrick Kaeding appare, in occasioni ufficiali e davanti ai suoi studenti, vestito in abiti da donna e con il volto truccato anche in modo vistoso oppure regolarmente in giacca e cravatta. "Sono un vero uomo", rassicura però lo scienziato della rivista studentesca “Heuler". "Naturalmente sono consapevole che in molti casi il mio modo di vivere viene percepito come provocatorio in un modo o nell'altro. Non ti sto chiedendo di farlo. Se voglio camminare ancheggiando, lo faccio”.

Si chiama crossdressing, "e favorisce l'abbigliamento specifico del sesso opposto indipendentemente dalle identità di genere”, spiega compunto. Aggiunge Kaeding: "Prima di tutto, quelli che mi vedono per la prima volta sono stupiti. Ma questo non ha importanza per me su larga scala. Naturalmente, ci sono situazioni in cui si nota un gruppo che spettegolare su di te, ma è così. Ho notato che dopo un certo periodo di superamento e sorpresa, anche quando vado a lavorare nei  cantieri, sta tornando una certa normalità".

E così conclude con la Bild Zeitung: "Le persone che mi conoscono bene sono a volte più sorprese quando mi vedono diversamente da come mi vedono oggi. Un piccolo aneddoto: un collega della cantieristica navale che ho incontrato in una conferenza mi ha guardato le unghie, molto discrete, quasi trasparenti, verniciate e mi ha salutato, con lo stupore di altri che non mi avevano ancora visto così, con 'Sei malato, sembri così pallido'".

 
Tendenze
Ha sposato un ologramma ed è felice
Ha sposato un ologramma ed è felice
Un 35enne giapponese s'è unito in matrimonio con la cyber star Hatsune Miku. Cerimonia non riconosciuta ma l'episodio preoccupa. Primi segni dell'innamoramento digitale: dire grazie a Siri
YND239-20, un mondo in bianco e nero
YND239-20, un mondo in bianco e nero
È come entrare in un fumetto in 2D: tutto è disegnato a mano, compresi piatti e bicchieri. In poco tempo, è diventato uno dei locali più amati di Seul
Camping? No, Glamping
Camping? No, Glamping
Il campeggio 2.0, votato al lusso ecosostenibile. Fra le proposte più curiose, strutture uguali ai carri dei pionieri della frontiera americana, ma dotate di ogni confort
il segreto di Banana Girl che vive nella giungla
il segreto di Banana Girl che vive nella giungla
La modella australiana Leanne Ratcliffe, vegana e YouTuber, ha lasciato il Queensland per la giungla. Mangia solo frutta e ortaggi e decine di banane. Via rasoi, cosmetici, vestiti. "Vivo per me stessa"
Londra, è caccia al tetto
Londra, è caccia al tetto
Una società che punta a realizzare stazioni per droni e taxi volanti sta acquistando decine di rooftop della capitale inglese
New York, la città del pisolino-bar
New York, la città del pisolino-bar
Per 25 dollari si ha diritto a 45 minuti in un letto, con tutto l’occorrente compreso nel prezzo. È l’idea di un’azienda che produce materassi, ormai pronta a invadere gli aeroporti
Per chi ama le grigliate notturne
Per chi ama le grigliate notturne
Nello stato di New York, una macelleria ha inaugurato una vending machine che vende carne di ogni tipo 24 ore su 24
Bruci la città (anzi il deserto)
Bruci la città (anzi il deserto)
In realtà, a bruciare è un pupazzo in legno che rappresenta il momento conclusivo di un esperimento di società all'insegna della massima libertà. A parte i quasi 400 dollari dollari di iscrizione
Quest’estate non cambiare, c’è tanto da dimenticare
Quest’estate non cambiare, c’è tanto da dimenticare
Stilata la classifica degli oggetti dimenticati dagli italiani sulla spiaggia: un campionario infinito di stranezze su cui svettano, da sempre, gli occhiali
Quelli che vogliono lo scolapasta in testa
Quelli che vogliono lo scolapasta in testa
È una battaglia legale che la sacerdotessa del culto dei pastafariani, sta combattendo con la UE