Snapchat dysmorphia, la sindrome di volersi perfetti

| È un fenomeno in preoccupante aumento negli Stati Uniti, dove in tanti chiedono interventi chirurgici per vedersi più belli sui propri smartphone

+ Miei preferiti
Se perfino il “Boston Medical Center” si è sentito in dovere di analizzare pro e contro dei selfie, allora c’è qualcosa di preoccupante nell’aria. Per essere ancora più precisi, l’equipe di medici parla di una forma di “dismorfia da Snapchat”. Per capire meglio il nuovo disturbo può essere utile sapere che il dismorfismo è un’alterazione scheletrica - come la scoliosi - che porta a una modificazione della morfologia corporea. Snapchat, invece, è un’applicazione per smartphone e tablet che consente di inviare foto e messaggi che hanno un massimo di 24 ore di vita. Mettendo insieme le due cose, si arriva ad una nuova mania tutta americana, ma destinata ad arrivare ovunque: una richiesta crescente di ricorrere alla chirurgia per migliorare l’espressione nei selfie.

Può sembrare folle, ma non è così, tanto è vero che i medici del Boston Medical Center affrontano il tema parlando dei nuovi canoni di bellezza, che pretendono una perfezione fisica, pena apparire in foto peggio di come si è nella realtà. Difetti che possono addirittura incidere sull’autostima e scatenare la “dismorfobia”, problema che induce a preoccuparsi troppo per un difetto percepito solo dall’obiettivo.

“È un nuovo fenomeno che abbiamo definito 'Snapchat dysmorphia' - racconta Neelam Vashi della Boston University School of Medicine - in cui i pazienti cercano un intervento chirurgico che li aiuti ad apparire come le versioni filtrate di se stessi”.

Va da se che la chirurgia, quella seria, non intende correre dietro alle mani del momento, anche perché non è detto che un intervento possa migliorare la parte che il paziente vorrebbe modificata. Si consigliano piuttosto terapie comportamentali e corsi di gestione del disturbo.

Tendenze
Mangiar fuori nel 2019
Mangiar fuori nel 2019
Uno studio realizzato da TheFork e Doxa rivela i 7 trend più hot del 2019: chi mangia fuori casa ormai pretende vere esperienze gastronomiche e piatti sani e tracciabili
Ha sposato un ologramma ed è felice
Ha sposato un ologramma ed è felice
Un 35enne giapponese s'è unito in matrimonio con la cyber star Hatsune Miku. Cerimonia non riconosciuta ma l'episodio preoccupa. Primi segni dell'innamoramento digitale: dire grazie a Siri
YND239-20, un mondo in bianco e nero
YND239-20, un mondo in bianco e nero
È come entrare in un fumetto in 2D: tutto è disegnato a mano, compresi piatti e bicchieri. In poco tempo, è diventato uno dei locali più amati di Seul
Camping? No, Glamping
Camping? No, Glamping
Il campeggio 2.0, votato al lusso ecosostenibile. Fra le proposte più curiose, strutture uguali ai carri dei pionieri della frontiera americana, ma dotate di ogni confort
Professore uomo o donna? Non si sa
Professore uomo o donna? Non si sa
IL pro-rettore dell'Università tedesca di Rostock a volte si veste, cammina e si trucca come una donna, a volte da uomo. "Si chiama crossdressing ma io mi sento un uomo". Stupore di studenti e colleghi
il segreto di Banana Girl che vive nella giungla
il segreto di Banana Girl che vive nella giungla
La modella australiana Leanne Ratcliffe, vegana e YouTuber, ha lasciato il Queensland per la giungla. Mangia solo frutta e ortaggi e decine di banane. Via rasoi, cosmetici, vestiti. "Vivo per me stessa"
Londra, è caccia al tetto
Londra, è caccia al tetto
Una società che punta a realizzare stazioni per droni e taxi volanti sta acquistando decine di rooftop della capitale inglese
New York, la città del pisolino-bar
New York, la città del pisolino-bar
Per 25 dollari si ha diritto a 45 minuti in un letto, con tutto l’occorrente compreso nel prezzo. È l’idea di un’azienda che produce materassi, ormai pronta a invadere gli aeroporti
Per chi ama le grigliate notturne
Per chi ama le grigliate notturne
Nello stato di New York, una macelleria ha inaugurato una vending machine che vende carne di ogni tipo 24 ore su 24
Bruci la città (anzi il deserto)
Bruci la città (anzi il deserto)
In realtà, a bruciare è un pupazzo in legno che rappresenta il momento conclusivo di un esperimento di società all'insegna della massima libertà. A parte i quasi 400 dollari dollari di iscrizione