Allah Akbhar! E accoltella una coppia

| Terrore nella stazione ferroviaria di Manchester, donna ferita al volto e allo stomaco, un uomo grave per lesioni addominali. Poliziotto pugnalato a una spalla. Attentatore subito neutralizzato. E' già in carcere

+ Miei preferiti

Il 2019 in Europa comincia con il terrorismo islamico. A Manchester, nella hall della Victoria Station, un uomo armato di un lungo coltello ha pugnalato due persone e ferito un poliziotto. L’uomo, che durante l'attacco ha urlato "Allah Akbar", è stato arrestato.

L’ennesimo episodio di violenza religiosa è avvenuto poco dopo le 21, non distante dalla Manchester Arena, dove il terrorista Salman Abedi aveva ucciso 22 persone in un attentato suicida nel maggio 2017, durante il concerto della popstar Ariana Grande.

Testimoni raccontato di avere udito le urla dell’accoltellatore mentre colpiva due persone indifese, con il coltello ancora in pugno. Gli agenti di servizio della stazione sono immediatamente intervenuti e lo hanno bloccato a terra, sotto gli occhi di decine di viaggiatori spaventati. Una donna è stata pugnalata in pieno viso e allo stomaco e un uomo è stato ferito nell’addome, riportando la lacerazione dell’intestino, sono entranbi sui 50 anni. Un ufficiale di polizia è stato pugnalato alla spalla, ma è già stato dimesso dall’ospedale. Uno dei testimoni oculari, il produttore della BBC Sam Clack, ha raccontato che i poliziotti hanno usato un Taser e uno spray al peperoncino prima che "sei o sette" agenti saltassero sull'uomo che si lamentava ad alta voce della politica estera britannica, rivela il Sun. La stazione è stata chiusa per ore e tenuta in isolamento, mentre i poliziotti dell’anti-terrorismo portavano avanti l’indagine. Uno dei testimoni ha ricordi precisi: era con alcuni amici e aspettavano un tram per fare ancora un giro nel pub del centro. "Ho sentito un grido e ho guardato verso l’atrio, in basso. Una coppia sui 50 anni era stata appena aggredita da un ragazzo vestito di nero. Sembrava che stessero litigando, ma lei urlava in preda al dolore e al terrore mentre l’uomo in nero correva verso di me: aveva un coltello con manico nero in mano”.

 
Terrorismo
L’Isis non esiste più
L’Isis non esiste più
Lo ha annunciato un portavoce della Casa Bianca: l’ultima roccaforte di Baghouz è caduta. Donald Trump si prende tutto il merito della vittoria: “prima che arrivassi io era un casino”
L’Isis promette vendetta
L’Isis promette vendetta
Il terrorismo islamico torna ad alzare i toni dello scontro promettendo di vendicare i morti in Nuova Zelanda. Massima allerta dell’antiterrorismo in tutto il mondo
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Lorenzo Orsetti, 33 anni, sarebbe rimasto vittima di uno scontro a fuoco a Baghuz nel corso di un’imboscata. La disperazione dei genitori: “Non volevamo che partisse”
Brenton Tarrant
un altro killer della porta accanto
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto
Dietro una vita all’apparenza normale, si nascondeva un crescendo di odio e rancore verso il mondo islamico, che andava punito. Il profilo del farneticante killer che ha insanguinato la Nuova Zelanda
Dopo Battisti tocca all'ex br Casimirri
Dopo Battisti tocca all
L'ex brigatista coinvolto nel caso Moro fa il ristoratore a Managua in Nicaragua ma deve scontare l'ergastolo. La memoria di Fioroni e il ritratto di un fuoriuscito dai contatti "eccellenti". Le mosse di Salvini
E ora Manning rischia decenni di carcere
E ora Manning rischia decenni di carcere
Ha cambiato sesso e ha cambiato il nome da Bradley a Chelsea. Si rifiuta di rispondere alle domande dei giudici nel processo a Wikileaks. Ha già scontato 7 anni di carcere. Perché "protegge" Assange?
ISIS, c'era anche un miliziano casinista
ISIS, c
La storia del neozelandese Mark Taylor che twittava dalla Siria dal suo cellulare, consentendo all'Intelligence di individuare i covi dei terroristi. Sorpreso a bere alcol e a fumarsi uno spinello. Pene miti: "E' uno scemo"
Gli orfani innocenti dell’Isis
Gli orfani innocenti dell’Isis
Sono i figli dei foreign fighters partiti per unirsi al califfato, vivono chiusi in campi profughi in attesa che le diplomazie internazionali decidano il loro destino
Gli ultimi giorni dell’Isis
Gli ultimi giorni dell’Isis
Questione di ore per annientare l’ultima sacca di resistenza del califfato. “Sarà una battaglia difficile, combatteranno fino alla fine”, ammette un generale della coalizione
Br in Francia, decideranno i magistrati
Br in Francia, decideranno i magistrati
Il governo francese interviene sul caso dei terroristi latitanti in Francia: "Non siamo il Brasile di Bolsonaro, ogni caso sarà valutato dai giudici"