Battisti come Assange

| Cercava rifugio in un’ambasciata. Le ultime novità sulla fuga del terrorista dei Pac, con l’ottimismo della polizia brasiliana: “lo prenderemo”

+ Miei preferiti
Luana Priscila Pereira, per cinque anni – fra il 2012 ed il 2017 compagna di Cesare Battisti – ne è certa: l’ex terrorista su cui pesa un mandato di cattura internazionale, ne è certa: avrebbe voluto fare come Julian Assange, la mente di “WikiLeaks”, trovando rifugio nel consolato di un non meglio precisato paese amico. La donna, 33 anni, insegnante, ha raccontato la sua versione al quotidiano “Folha de S. Paulo”, aggiungendo di non avere alcuna idea di dove possa trovarsi il terrorista dei PAC, fra l’altro definito “un uomo amorevole, pacifico e buono”.

La polizia brasiliana, intanto, continua a mostrare ottimismo: Battisti sarà catturato e riconsegnato all’Italia anche grazie alla cooperazione fra le forze di polizia brasiliane e quelle internazionali di Interpol ed Europol.

“Il Messaggero” ha anche rivelato che ci sarebbe stata una trattativa fra l’avvocato di Battisti e Raul Jungmann, ministro della sicurezza brasiliano, ma senza riuscire a trovare una soluzione. 

Ma è comunque polemica, perché le indiscrezioni della stampa che annunciavano l’arresto per estradizione avrebbero dato a Battisti il tempo di sparire, nella sua migliore tradizione. In più, al governo brasiliano viene anche contestata la mancanza di una taglia per chiunque sia in grado di fornire informazioni. Raul Jungmann si difende: in Brasile non è prevista, “ma nulla vieta all’Italia di farlo”.

Bolsonaro, intervenendo sul caso, ha svelato di 32 blitz effettuati dalla polizia per individuare il rifugio del terrorista italiano. 

Terrorismo
Il ritorno dell’IRA
Il ritorno dell’IRA
Secondo la polizia alcuni piccoli gruppi dissidenti si sarebbe uniti per organizzare una nuova stagione di lotta armata. Per molti c’è di mezzo la Brexit e la minaccia del ritorno di un confine fra le due Irlande
Primi contatti con i rapitori di Luca ed Edith
Primi contatti con i rapitori di Luca ed Edith
L’ipotesi che va rafforzandosi è che il giovane vicentino e la sua fidanzata canadese siano nelle mani di un gruppo terroristico che pretende un riscatto. Il premier Trudeau rassicura la famiglia della ragazza: è ancora viva
Parbleu, les terroristes
Parbleu, les terroristes
I nostri vicini d’oltralpe danno rifugio da anni a terroristi condannati dai tribunali italiani. I precedenti della dottrina Mitterand e della scuola di lingue Hyperion
E ora rivogliamo Alessio Casimirri
E ora rivogliamo Alessio Casimirri
Condannato a 6 ergastoli, faceva parte del commando di via Fani e ha sulla coscienza numerosi omicidi. Ma l’ex BR vive in Nicaragua senza aver mai fatto un solo giorno di galera. Dopo Battisti, dovrebbe toccare a lui
Battisti indottrinato dall'ex ideologo dei PAC
Battisti indottrinato dall
Fatale l'incontro con Arrigo Cavallina, tra i fondatori dei PAC, poi dissociato, nel 1977. Lui era un delinquente comune, evase e divenne un guerrigliero puri-assassino. Le sue vittime
Battisti, solo con due dollari e odore di alcol
E presto sarà in Italia, lo dice Conte su Facebook
Battisti, solo con due dollari e odore di alcol<br>E presto sarà in Italia, lo dice Conte su Facebook
L'ex terrorista vagava ozioso nel centro storico della città boliviana di Santa Cruz de la Sierra, maldestramente travestito. Preso da una task force Interpol. Per ora tace, subito estradizione in Italia dove lo attende una cella
I nove italiani svaniti nel nulla
I nove italiani svaniti nel nulla
Luca, Silvia, Luigi, Alessandro, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Sergio e Paolo: sono i nomi dei nostri connazionali inghiottiti da silenzi che per qualcuno si trascinano ormai da anni. Alle loro storie manca ancora un finale
Ex terroristi Eta, malati 21 detenuti
Ex terroristi Eta, malati 21 detenuti
I protagonisti di decine di attentati costati la vita a decine di innocenti denunciano di avere contratto gravi malattie in carcere e chiedono la scarcerazione di 21 detenuti gravi
Géraldine Blanc, condannata a ricordare
Géraldine Blanc, condannata a ricordare
Agente di polizia di Parigi, è stata fra le prime ad arrivare alla redazione di Charlie Hebdo il giorno della strage. E solo oggi ha accettato di parlare dei minuti che le hanno cambiato la vita per sempre
Giustiziato killer dei marinai dello USS Cole
Giustiziato killer dei marinai dello USS Cole
Dopo 19 anni gli americani lanciano un missile sull'auto di Jamel Ahmed Mohammed Ali Al-Badawi, esponente di rilievo di Al Qaeda. Era il pianificatore dell'attacco alla nave US Cole, in cui morirono 17 marinai, 39 i feriti