Battisti come Assange

| Cercava rifugio in un’ambasciata. Le ultime novità sulla fuga del terrorista dei Pac, con l’ottimismo della polizia brasiliana: “lo prenderemo”

+ Miei preferiti
Luana Priscila Pereira, per cinque anni – fra il 2012 ed il 2017 compagna di Cesare Battisti – ne è certa: l’ex terrorista su cui pesa un mandato di cattura internazionale, ne è certa: avrebbe voluto fare come Julian Assange, la mente di “WikiLeaks”, trovando rifugio nel consolato di un non meglio precisato paese amico. La donna, 33 anni, insegnante, ha raccontato la sua versione al quotidiano “Folha de S. Paulo”, aggiungendo di non avere alcuna idea di dove possa trovarsi il terrorista dei PAC, fra l’altro definito “un uomo amorevole, pacifico e buono”.

La polizia brasiliana, intanto, continua a mostrare ottimismo: Battisti sarà catturato e riconsegnato all’Italia anche grazie alla cooperazione fra le forze di polizia brasiliane e quelle internazionali di Interpol ed Europol.

“Il Messaggero” ha anche rivelato che ci sarebbe stata una trattativa fra l’avvocato di Battisti e Raul Jungmann, ministro della sicurezza brasiliano, ma senza riuscire a trovare una soluzione. 

Ma è comunque polemica, perché le indiscrezioni della stampa che annunciavano l’arresto per estradizione avrebbero dato a Battisti il tempo di sparire, nella sua migliore tradizione. In più, al governo brasiliano viene anche contestata la mancanza di una taglia per chiunque sia in grado di fornire informazioni. Raul Jungmann si difende: in Brasile non è prevista, “ma nulla vieta all’Italia di farlo”.

Bolsonaro, intervenendo sul caso, ha svelato di 32 blitz effettuati dalla polizia per individuare il rifugio del terrorista italiano. 

Terrorismo
L’Isis non esiste più
L’Isis non esiste più
Lo ha annunciato un portavoce della Casa Bianca: l’ultima roccaforte di Baghouz è caduta. Donald Trump si prende tutto il merito della vittoria: “prima che arrivassi io era un casino”
L’Isis promette vendetta
L’Isis promette vendetta
Il terrorismo islamico torna ad alzare i toni dello scontro promettendo di vendicare i morti in Nuova Zelanda. Massima allerta dell’antiterrorismo in tutto il mondo
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Lorenzo Orsetti, 33 anni, sarebbe rimasto vittima di uno scontro a fuoco a Baghuz nel corso di un’imboscata. La disperazione dei genitori: “Non volevamo che partisse”
Brenton Tarrant
un altro killer della porta accanto
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto
Dietro una vita all’apparenza normale, si nascondeva un crescendo di odio e rancore verso il mondo islamico, che andava punito. Il profilo del farneticante killer che ha insanguinato la Nuova Zelanda
Dopo Battisti tocca all'ex br Casimirri
Dopo Battisti tocca all
L'ex brigatista coinvolto nel caso Moro fa il ristoratore a Managua in Nicaragua ma deve scontare l'ergastolo. La memoria di Fioroni e il ritratto di un fuoriuscito dai contatti "eccellenti". Le mosse di Salvini
E ora Manning rischia decenni di carcere
E ora Manning rischia decenni di carcere
Ha cambiato sesso e ha cambiato il nome da Bradley a Chelsea. Si rifiuta di rispondere alle domande dei giudici nel processo a Wikileaks. Ha già scontato 7 anni di carcere. Perché "protegge" Assange?
ISIS, c'era anche un miliziano casinista
ISIS, c
La storia del neozelandese Mark Taylor che twittava dalla Siria dal suo cellulare, consentendo all'Intelligence di individuare i covi dei terroristi. Sorpreso a bere alcol e a fumarsi uno spinello. Pene miti: "E' uno scemo"
Gli orfani innocenti dell’Isis
Gli orfani innocenti dell’Isis
Sono i figli dei foreign fighters partiti per unirsi al califfato, vivono chiusi in campi profughi in attesa che le diplomazie internazionali decidano il loro destino
Gli ultimi giorni dell’Isis
Gli ultimi giorni dell’Isis
Questione di ore per annientare l’ultima sacca di resistenza del califfato. “Sarà una battaglia difficile, combatteranno fino alla fine”, ammette un generale della coalizione
Br in Francia, decideranno i magistrati
Br in Francia, decideranno i magistrati
Il governo francese interviene sul caso dei terroristi latitanti in Francia: "Non siamo il Brasile di Bolsonaro, ogni caso sarà valutato dai giudici"