Br in Francia, decideranno i magistrati

| Il governo francese interviene sul caso dei terroristi latitanti in Francia: "Non siamo il Brasile di Bolsonaro, ogni caso sarà valutato dai giudici"

+ Miei preferiti

La Francia non è il Brasile di Jair Bolsonaro e spetterà ai magistrati valutare “caso per caso” le richieste di estradizione di una dozzina di ex brigatisti italiani da decenni in esilio Oltralpe. Lo ha detto oggi la ministra degli Affari europei, Nathalie Loiseau, ribadendo la disponibilità annunciata nelle scorse settimane a valutare la richiesta di Roma. E' una risposta indiretta agli interventi del ministro Salvini per riportare in Italia gli ex terroristi con condanne in giudicato. “Spetta alla giustizia valutare chi debba essere estradato”, ha detto ai microfoni della tv CNEWS, rimarcando ancora una volta che “per anni in Francia si è sottovalutato il trauma inflitto all’Italia dai terroristi delle Brigate rosse, questo non lo condivido e mi colpisce”. “Oggi saranno i magistrati in funzione di diritto che determineranno caso per caso” se accogliere o meno le richieste italiane. In ogni caso, ha aggiunto, “non tocca al ministro degli Interni italiano immischiarsi nei procedimenti giudiziari”. Alla domanda se “la Francia agirà come il Brasile di Jair Bolsonaro con la spettacolare estradizione di Cesare Battisti”, la ministra ha risposto: “Non farei paragoni con Bolsonaro, in questo caso è la giustizia francese che ha l’autorità di procedere… i magistrati valuteranno caso per caso”.

Terrorismo
Cesare Battisti si dichiara colpevole
Cesare Battisti si dichiara colpevole
Per la prima volta, davanti ai magistrati italiano, l’ex terrorista dei Pac ammette “ciò che è ricostruito negli atti giudiziari corrisponde al vero”
L’Isis non esiste più
L’Isis non esiste più
Lo ha annunciato un portavoce della Casa Bianca: l’ultima roccaforte di Baghouz è caduta. Donald Trump si prende tutto il merito della vittoria: “prima che arrivassi io era un casino”
L’Isis promette vendetta
L’Isis promette vendetta
Il terrorismo islamico torna ad alzare i toni dello scontro promettendo di vendicare i morti in Nuova Zelanda. Massima allerta dell’antiterrorismo in tutto il mondo
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Lorenzo Orsetti, 33 anni, sarebbe rimasto vittima di uno scontro a fuoco a Baghuz nel corso di un’imboscata. La disperazione dei genitori: “Non volevamo che partisse”
Brenton Tarrant
un altro killer della porta accanto
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto
Dietro una vita all’apparenza normale, si nascondeva un crescendo di odio e rancore verso il mondo islamico, che andava punito. Il profilo del farneticante killer che ha insanguinato la Nuova Zelanda
Dopo Battisti tocca all'ex br Casimirri
Dopo Battisti tocca all
L'ex brigatista coinvolto nel caso Moro fa il ristoratore a Managua in Nicaragua ma deve scontare l'ergastolo. La memoria di Fioroni e il ritratto di un fuoriuscito dai contatti "eccellenti". Le mosse di Salvini
E ora Manning rischia decenni di carcere
E ora Manning rischia decenni di carcere
Ha cambiato sesso e ha cambiato il nome da Bradley a Chelsea. Si rifiuta di rispondere alle domande dei giudici nel processo a Wikileaks. Ha già scontato 7 anni di carcere. Perché "protegge" Assange?
ISIS, c'era anche un miliziano casinista
ISIS, c
La storia del neozelandese Mark Taylor che twittava dalla Siria dal suo cellulare, consentendo all'Intelligence di individuare i covi dei terroristi. Sorpreso a bere alcol e a fumarsi uno spinello. Pene miti: "E' uno scemo"
Gli orfani innocenti dell’Isis
Gli orfani innocenti dell’Isis
Sono i figli dei foreign fighters partiti per unirsi al califfato, vivono chiusi in campi profughi in attesa che le diplomazie internazionali decidano il loro destino
Gli ultimi giorni dell’Isis
Gli ultimi giorni dell’Isis
Questione di ore per annientare l’ultima sacca di resistenza del califfato. “Sarà una battaglia difficile, combatteranno fino alla fine”, ammette un generale della coalizione