Charlie Hebdo, preso capo del commando

| Peter Chérif, alias Abou Hamza, uno dei più ricercati terroristi del mondo è stato arrestato a Gibuti e presto sarà estradato in Francia. E' considerato il pianificatore degli attentati di Parigi. Aveva base in Yemen

+ Miei preferiti

E' stato arrestato a Gibuti il jihadista francese Peter Chérif. L'uomo, che è stato bloccato il 16 dicembre, era conosciuto con lo pseudonimo di Abou Hamza. E' già in viaggio verso la francia, dove è stato immeditamente estradato. Peter Chérif è coinvolto nell'inchiesta sulla strage alla redazione del settimanale "Charlie Hebdo", e secondo alcuni sarebbe addirittura la mente dell'attacco. Chérif era uno dei terroristi più ricercati al mondo, riferisce il settimanale "Marianne". Nel suo curriculum criminale di lunga data, ha militato nelle fila di Al Qaida in Iraq, dove è stato condannato a 15 anni di carcere. Poi un'evasione e la fuga in Siria. E dopo ancora in Yemen da dove manteneva i contatti con i jihadisti francesi. E' un grande successo, atteso da tempo, per i servizi francesi. Il Peter Chérif, in fuga dal 2011, è ora nelle mani della polizia francese. Amico dei fratelli Chérif e Said Kouachi, autori materiali della strage a Charlie Hebdo, noto anche come Abu Hamza, è uno dei terroristi più ricercati al mondo, membro della rete jihadista nella regione di Buttes-Chaumont alla fine degli anni '90.

A 36 anni, il suo curriculum jihadista è già particolarmente denso. Ex delinquente minorenne, ha combattuto in Iraq all'inizio degli anni 2000, prima di essere arrestato, fuggito e poi consegnato alla giustizia francese. Lasciato in libertà, era fuggito l'ultimo giorno del processo, nel gennaio 2011. Nello Yemen si è unito alle file di Al-Qaeda nella Penisola Arabica (AQPA). Un particolare incuriosisce particolarmente gli investigatori: Peter Chérif ha seguito un corso di formazione per autisti di camion a Dammartin-en-Goële, proprio accanto alla tipografia dove si sono rifugiati i fratelli Kouachi. Il jihadista potrà ora essere interrogato.
Terrorismo
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Lorenzo Orsetti, 33 anni, sarebbe rimasto vittima di uno scontro a fuoco a Baghuz nel corso di un’imboscata. La disperazione dei genitori: “Non volevamo che partisse”
L’Isis promette vendetta
L’Isis promette vendetta
Il terrorismo islamico torna ad alzare i toni dello scontro promettendo di vendicare i morti in Nuova Zelanda. Massima allerta dell’antiterrorismo in tutto il mondo
Brenton Tarrant
un altro killer della porta accanto
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto
Dietro una vita all’apparenza normale, si nascondeva un crescendo di odio e rancore verso il mondo islamico, che andava punito. Il profilo del farneticante killer che ha insanguinato la Nuova Zelanda
Dopo Battisti tocca all'ex br Casimirri
Dopo Battisti tocca all
L'ex brigatista coinvolto nel caso Moro fa il ristoratore a Managua in Nicaragua ma deve scontare l'ergastolo. La memoria di Fioroni e il ritratto di un fuoriuscito dai contatti "eccellenti". Le mosse di Salvini
E ora Manning rischia decenni di carcere
E ora Manning rischia decenni di carcere
Ha cambiato sesso e ha cambiato il nome da Bradley a Chelsea. Si rifiuta di rispondere alle domande dei giudici nel processo a Wikileaks. Ha già scontato 7 anni di carcere. Perché "protegge" Assange?
ISIS, c'era anche un miliziano casinista
ISIS, c
La storia del neozelandese Mark Taylor che twittava dalla Siria dal suo cellulare, consentendo all'Intelligence di individuare i covi dei terroristi. Sorpreso a bere alcol e a fumarsi uno spinello. Pene miti: "E' uno scemo"
Gli orfani innocenti dell’Isis
Gli orfani innocenti dell’Isis
Sono i figli dei foreign fighters partiti per unirsi al califfato, vivono chiusi in campi profughi in attesa che le diplomazie internazionali decidano il loro destino
Gli ultimi giorni dell’Isis
Gli ultimi giorni dell’Isis
Questione di ore per annientare l’ultima sacca di resistenza del califfato. “Sarà una battaglia difficile, combatteranno fino alla fine”, ammette un generale della coalizione
Br in Francia, decideranno i magistrati
Br in Francia, decideranno i magistrati
Il governo francese interviene sul caso dei terroristi latitanti in Francia: "Non siamo il Brasile di Bolsonaro, ogni caso sarà valutato dai giudici"
Wanted Hamza bin Laden, live or dead
Wanted Hamza bin Laden, live or dead
Secondo fonti Usa, il figlio dello sceicco del terrore ucciso sarebbe il nuovo capo di Al Quaieda. E Riad gli ritira la cittadinanza