E ora Manning rischia decenni di carcere

| Ha cambiato sesso e ha cambiato il nome da Bradley a Chelsea. Si rifiuta di rispondere alle domande dei giudici nel processo a Wikileaks. Ha già scontato 7 anni di carcere. Perché "protegge" Assange?

+ Miei preferiti

Bradley Edward Manning, l’ex militare analista dell'intelligence Usa, 33 anni, che passò 95mila 486 documenti segreti sulla guerra in Afghanistan, 391.832 file sulla guerra in Iraq, 251.287 cablo della diplomazia Usa e 779 schede segrete dei detenuti di Guantanamo torna in carcere. Nel drattmpo ha cambiato sesso e ha ssunto il nome di Chelsea. I documenti segreti del governo americano finirono a Wikileaks, creando un danno enorme alla sicurezza dell’Occidente e mettendo anche in pericolo la vita degli agenti di cui aveva rivelato nomi e sedi, poi diffusi da Julian Assange torna in prigione perché s’è rifiutata di rispondere alle domande del Grand Jury di Alexandria, in merito ai file che 9 anni fa passò a WikiLeaks. Condannata a 35 anni per spionaggio, ne ha scontato solo 7 grazie a Obama che la scarcerò motu proprio. Secondo i giudici, è un oltraggio alla corte e pertanto va punito con la detenzione di durata non meglio indeterminata “fino a quando non cambierà idea oppure fino a quando l'inchiesta del Grand Jury non sarà chiusa”. E’ una persona fragile, che ha cambiato sesso dopo un lungo travaglio interiore e che per due volte, quando era detenuta in una prigione militare, aveva tentato il suicidio. L'anno scorso, mentre era ospite a Milano del Wired Festival, Chelsea avrebbe tentato di nuovo il suicidio, cercando di lanciarsi da una finestra, rinunciando però all’ultimo momento.

L’indagine degli giudici della Virginia è iniziata nove anni fa con il chiaro obiettivo di far pagare ad Assange le sue responsabilità sul travaso di documenti, compreso il il video “Collateral Murder”, da cui l’equipaggio di un elicottero americano Apache sparava su civili inermi a Baghdad, tra le risate dei militari.

Fin dal 2010, le autorità americane hanno provato a incriminare Assange e la sua organizzazione per queste pubblicazioni ma è incerta la posizione giuridica di WikiLeaks, in quello stretto imbuto in cui confluiscono sicurezza, spionaggio e libertà di espressione. 

Uno degli ex avvocati di Chelsea Manning è diventato un teste-chiave e sta ricostruendo ogni passaggio di un’operazione criminale e devastante per la coalizione. E l’ex soldato Manning rischia di restare in cella per decenni.

Terrorismo
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Lorenzo Orsetti, 33 anni, sarebbe rimasto vittima di uno scontro a fuoco a Baghuz nel corso di un’imboscata. La disperazione dei genitori: “Non volevamo che partisse”
L’Isis promette vendetta
L’Isis promette vendetta
Il terrorismo islamico torna ad alzare i toni dello scontro promettendo di vendicare i morti in Nuova Zelanda. Massima allerta dell’antiterrorismo in tutto il mondo
Brenton Tarrant
un altro killer della porta accanto
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto
Dietro una vita all’apparenza normale, si nascondeva un crescendo di odio e rancore verso il mondo islamico, che andava punito. Il profilo del farneticante killer che ha insanguinato la Nuova Zelanda
Dopo Battisti tocca all'ex br Casimirri
Dopo Battisti tocca all
L'ex brigatista coinvolto nel caso Moro fa il ristoratore a Managua in Nicaragua ma deve scontare l'ergastolo. La memoria di Fioroni e il ritratto di un fuoriuscito dai contatti "eccellenti". Le mosse di Salvini
ISIS, c'era anche un miliziano casinista
ISIS, c
La storia del neozelandese Mark Taylor che twittava dalla Siria dal suo cellulare, consentendo all'Intelligence di individuare i covi dei terroristi. Sorpreso a bere alcol e a fumarsi uno spinello. Pene miti: "E' uno scemo"
Gli orfani innocenti dell’Isis
Gli orfani innocenti dell’Isis
Sono i figli dei foreign fighters partiti per unirsi al califfato, vivono chiusi in campi profughi in attesa che le diplomazie internazionali decidano il loro destino
Gli ultimi giorni dell’Isis
Gli ultimi giorni dell’Isis
Questione di ore per annientare l’ultima sacca di resistenza del califfato. “Sarà una battaglia difficile, combatteranno fino alla fine”, ammette un generale della coalizione
Br in Francia, decideranno i magistrati
Br in Francia, decideranno i magistrati
Il governo francese interviene sul caso dei terroristi latitanti in Francia: "Non siamo il Brasile di Bolsonaro, ogni caso sarà valutato dai giudici"
Wanted Hamza bin Laden, live or dead
Wanted Hamza bin Laden, live or dead
Secondo fonti Usa, il figlio dello sceicco del terrore ucciso sarebbe il nuovo capo di Al Quaieda. E Riad gli ritira la cittadinanza
Teste mozzate di 53 donne Yazide trovate a Baghouz
Teste mozzate di 53 donne Yazide trovate a Baghouz
Uccise in modo rituale dai miliziani ISIS. Ragazze rapite e costrette a prostituirsi per gli aspiranti "martiri". Le hanno scoperte in un tunnel gli incursori del SAS britannico, ora sotto choc. Caccia agli islamici assassini