Ex terroristi Eta, malati 21 detenuti

| I protagonisti di decine di attentati costati la vita a decine di innocenti denunciano di avere contratto gravi malattie in carcere e chiedono la scarcerazione di 21 detenuti gravi

+ Miei preferiti

La stagione del sangue voluta dall’Eta nei decenni scorsi fa pagare un prezzo altissimo ai terroristi in carcere, responsabili di decine di omicidi di innocenti e di esponenti delle istituzioni spagnole, tra cui l’ammiraglio Carrero Balnco e la sua scorta, vittima dell’operazione Ogro. L’aumento dell'età media e della durata delle detenzioni ha portato ad un aumento della percentuale di detenuti baschi malati. Ad oggi, 21 detenuti sarebbero alle prese con malattie gravi e incurabili: 15 sono sulla lista pubblica e 6 per il momento preferiscono rimanere anonimi.

L’ex terrorista Kepa Arronategi, che soffre di una grave malattia psicologica riconosciuta dalle autorità, è stato trasferito a Zuera. L'elenco comprende anche Gurutz Maiza, 69 anni, e Joseba Erostegi (66 anni, affetto da diverse malattie gravi). Si aggiungono ai casi noti di Txus Martin, Josetxo Arizkuren, Gari Arruarte, Iñaki Etxeberria, Aitzol Gogorza, Ibon Iparragirre, Ibon Fernández Iradi, Jagoba Codó, Gorka Fraile, Joseba Borde, Mikel Arrieta e Mikel Otegi.

La mancanza di cure e i problemi psicologici, sarebbero preoccupanti. L'anno scorso il suicidio di Xabier Rey a Puerto de Xabier Rey. Il caso di Kepa del Hoyo, morto nel luglio 2017 a Badajoz, è il risultato di un precedente attacco cardiaco non diagnosticato correttamente in prigione. "Secour Rouge" ricorda che le loro vittime, saltate in aria con gli esplosivi o assassinate per strade, non hanno neppure avuto il tempo di ammalarsi.

 
Terrorismo
L’Isis non esiste più
L’Isis non esiste più
Lo ha annunciato un portavoce della Casa Bianca: l’ultima roccaforte di Baghouz è caduta. Donald Trump si prende tutto il merito della vittoria: “prima che arrivassi io era un casino”
L’Isis promette vendetta
L’Isis promette vendetta
Il terrorismo islamico torna ad alzare i toni dello scontro promettendo di vendicare i morti in Nuova Zelanda. Massima allerta dell’antiterrorismo in tutto il mondo
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Lorenzo Orsetti, 33 anni, sarebbe rimasto vittima di uno scontro a fuoco a Baghuz nel corso di un’imboscata. La disperazione dei genitori: “Non volevamo che partisse”
Brenton Tarrant
un altro killer della porta accanto
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto
Dietro una vita all’apparenza normale, si nascondeva un crescendo di odio e rancore verso il mondo islamico, che andava punito. Il profilo del farneticante killer che ha insanguinato la Nuova Zelanda
Dopo Battisti tocca all'ex br Casimirri
Dopo Battisti tocca all
L'ex brigatista coinvolto nel caso Moro fa il ristoratore a Managua in Nicaragua ma deve scontare l'ergastolo. La memoria di Fioroni e il ritratto di un fuoriuscito dai contatti "eccellenti". Le mosse di Salvini
E ora Manning rischia decenni di carcere
E ora Manning rischia decenni di carcere
Ha cambiato sesso e ha cambiato il nome da Bradley a Chelsea. Si rifiuta di rispondere alle domande dei giudici nel processo a Wikileaks. Ha già scontato 7 anni di carcere. Perché "protegge" Assange?
ISIS, c'era anche un miliziano casinista
ISIS, c
La storia del neozelandese Mark Taylor che twittava dalla Siria dal suo cellulare, consentendo all'Intelligence di individuare i covi dei terroristi. Sorpreso a bere alcol e a fumarsi uno spinello. Pene miti: "E' uno scemo"
Gli orfani innocenti dell’Isis
Gli orfani innocenti dell’Isis
Sono i figli dei foreign fighters partiti per unirsi al califfato, vivono chiusi in campi profughi in attesa che le diplomazie internazionali decidano il loro destino
Gli ultimi giorni dell’Isis
Gli ultimi giorni dell’Isis
Questione di ore per annientare l’ultima sacca di resistenza del califfato. “Sarà una battaglia difficile, combatteranno fino alla fine”, ammette un generale della coalizione
Br in Francia, decideranno i magistrati
Br in Francia, decideranno i magistrati
Il governo francese interviene sul caso dei terroristi latitanti in Francia: "Non siamo il Brasile di Bolsonaro, ogni caso sarà valutato dai giudici"