Géraldine Blanc, condannata a ricordare

| Agente di polizia di Parigi, è stata fra le prime ad arrivare alla redazione di Charlie Hebdo il giorno della strage. E solo oggi ha accettato di parlare dei minuti che le hanno cambiato la vita per sempre

+ Miei preferiti
“Riesco ancora a sentire il sibilo dei proiettili”. Géraldine Blanc non sa come cancellare dalla mente la mattina del 7 gennaio 2015, quando in Rue Nicolas-Appert, XI arrondissement, a Parigi, si scatena l’inferno. È l’indirizzo della redazione di “Charlie Hebdo”, il luogo scelto dai due fratelli Kouachi per fare una strage. Sotto i colpi degli AK-47 muoiono “Charb”, Stéphane Charbonnier, il direttore, i vignettisti Jean Cabut, Georges Wolinski, Bernard Verlhac e Philippe Honoré, il curatore editoriale Mustapha Ourrad, la giornalista Elsa Cayat, l’economista Bernard Maris, l’organizzatore di eventi Michel Renauld, l’addetto alla manutezione Frederic Boisseau e gli agenti di polizia Ahmed Merabet e Franck Brinsolaro.

Per la prima volta, quattro anni dopo, Géraldine Blanc ha accettato di parlare, quattro anni dopo: “Ricordo tutto con precisione, ogni dettaglio”. Per lei, la vita ha una linea di demarcazione netta: prima e dopo il 7 gennaio 2015. L’attacco le ha cambiato la vita.

Géraldine Blanc era una donna poliziotto di Parigi: quella mattina è stata fra i primi ad arrivare sul posto con la sua mountain bike in dotazione. Aveva 32 anni, era un membro della brigata MTB dell’11° arrondissement di Parigi. Quando alla radio sente che sono stati segnalati colpi di pistola in Rue Nicolas Appert, le viene in mente che possano essere bambini che giocano con i petardi per strada.

Quando arriva sul posto, c’è gente che fa dei gesti dal tetto dell’edificio di Charlie Hebdo, ma erano troppo lontani e lei non riusciva a capire quello che tentano di dirle. Improvvisamente, i fratelli Kouachi appaiono in strada: “Erano vestiti di nero, con i giubbotti antiproiettile e armi da guerra in mano”. Sparano nella sua direzione: “Getto via la mia bici e corro più veloce che posso. I proiettili mi sfiorano di pochi centimetri”. Riesce a rifugiarsi in una strada poco distante, poi sente alla radio “agente a terra”. Torna sulla scena e vede Ahmed Mérabet, ferito a morte dai terroristi. Chiama i soccorsi: “Non avevo più idea del tempo, ero in uno stato di shock, ho capito più tardi che si trattava di un attacco”.

Da allora, tutto è cambiato. “Mi sono fermata per quattro mesi: non riuscivo a uscire di casa da sola, pensavo che i terroristi avrebbero finito il lavoro uccidendomi. Poi è tornata al lavoro, ma ha capito di non poter più indossare l’uniforme: “È impossibile”. Resta in servizio in borghese a Parigi, ma dopo il Bataclan e soprattutto l’assassinio di un poliziotto sugli Champs-Elysées, cede. Chiede un trasferimento a Valence per avvicinarsi alla sua famiglia che vive a Tournon-sur-Rhône. Ancora oggi, dice di soffrire per i sensi di colpa del sopravvissuto e “Penso ogni giorno, davvero ogni giorno, a Charlie Hebdo”.

Il 13 novembre dello stesso anno, il terrore sarebbe tornato sulle strade di Parigi facendo altri 137 morti e 368 feriti. Poi ancora a Nizza, il 14 luglio 2016, con 86 vittime e 458 feriti.

Galleria fotografica
Géraldine Blanc, condannata a ricordare - immagine 1
Géraldine Blanc, condannata a ricordare - immagine 2
Terrorismo
Il ritorno dell’IRA
Il ritorno dell’IRA
Secondo la polizia alcuni piccoli gruppi dissidenti si sarebbe uniti per organizzare una nuova stagione di lotta armata. Per molti c’è di mezzo la Brexit e la minaccia del ritorno di un confine fra le due Irlande
Primi contatti con i rapitori di Luca ed Edith
Primi contatti con i rapitori di Luca ed Edith
L’ipotesi che va rafforzandosi è che il giovane vicentino e la sua fidanzata canadese siano nelle mani di un gruppo terroristico che pretende un riscatto. Il premier Trudeau rassicura la famiglia della ragazza: è ancora viva
Parbleu, les terroristes
Parbleu, les terroristes
I nostri vicini d’oltralpe danno rifugio da anni a terroristi condannati dai tribunali italiani. I precedenti della dottrina Mitterand e della scuola di lingue Hyperion
E ora rivogliamo Alessio Casimirri
E ora rivogliamo Alessio Casimirri
Condannato a 6 ergastoli, faceva parte del commando di via Fani e ha sulla coscienza numerosi omicidi. Ma l’ex BR vive in Nicaragua senza aver mai fatto un solo giorno di galera. Dopo Battisti, dovrebbe toccare a lui
Battisti indottrinato dall'ex ideologo dei PAC
Battisti indottrinato dall
Fatale l'incontro con Arrigo Cavallina, tra i fondatori dei PAC, poi dissociato, nel 1977. Lui era un delinquente comune, evase e divenne un guerrigliero puri-assassino. Le sue vittime
Battisti, solo con due dollari e odore di alcol
E presto sarà in Italia, lo dice Conte su Facebook
Battisti, solo con due dollari e odore di alcol<br>E presto sarà in Italia, lo dice Conte su Facebook
L'ex terrorista vagava ozioso nel centro storico della città boliviana di Santa Cruz de la Sierra, maldestramente travestito. Preso da una task force Interpol. Per ora tace, subito estradizione in Italia dove lo attende una cella
I nove italiani svaniti nel nulla
I nove italiani svaniti nel nulla
Luca, Silvia, Luigi, Alessandro, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Sergio e Paolo: sono i nomi dei nostri connazionali inghiottiti da silenzi che per qualcuno si trascinano ormai da anni. Alle loro storie manca ancora un finale
Ex terroristi Eta, malati 21 detenuti
Ex terroristi Eta, malati 21 detenuti
I protagonisti di decine di attentati costati la vita a decine di innocenti denunciano di avere contratto gravi malattie in carcere e chiedono la scarcerazione di 21 detenuti gravi
Giustiziato killer dei marinai dello USS Cole
Giustiziato killer dei marinai dello USS Cole
Dopo 19 anni gli americani lanciano un missile sull'auto di Jamel Ahmed Mohammed Ali Al-Badawi, esponente di rilievo di Al Qaeda. Era il pianificatore dell'attacco alla nave US Cole, in cui morirono 17 marinai, 39 i feriti
"Riprendetevi la vostra spazzatura Isis"
"Riprendetevi la vostra spazzatura Isis"
La Siria accusa il Regno Unito di non chiedere l'estradizione dei suoi cittadini combattenti Isis, responsabili di orrendi delitti, come Jihadi John e la cellula dei boia "The Beatles". "Non siamo la discarica dell'Europa"