Géraldine Blanc, condannata a ricordare

| Agente di polizia di Parigi, è stata fra le prime ad arrivare alla redazione di Charlie Hebdo il giorno della strage. E solo oggi ha accettato di parlare dei minuti che le hanno cambiato la vita per sempre

+ Miei preferiti
“Riesco ancora a sentire il sibilo dei proiettili”. Géraldine Blanc non sa come cancellare dalla mente la mattina del 7 gennaio 2015, quando in Rue Nicolas-Appert, XI arrondissement, a Parigi, si scatena l’inferno. È l’indirizzo della redazione di “Charlie Hebdo”, il luogo scelto dai due fratelli Kouachi per fare una strage. Sotto i colpi degli AK-47 muoiono “Charb”, Stéphane Charbonnier, il direttore, i vignettisti Jean Cabut, Georges Wolinski, Bernard Verlhac e Philippe Honoré, il curatore editoriale Mustapha Ourrad, la giornalista Elsa Cayat, l’economista Bernard Maris, l’organizzatore di eventi Michel Renauld, l’addetto alla manutezione Frederic Boisseau e gli agenti di polizia Ahmed Merabet e Franck Brinsolaro.

Per la prima volta, quattro anni dopo, Géraldine Blanc ha accettato di parlare, quattro anni dopo: “Ricordo tutto con precisione, ogni dettaglio”. Per lei, la vita ha una linea di demarcazione netta: prima e dopo il 7 gennaio 2015. L’attacco le ha cambiato la vita.

Géraldine Blanc era una donna poliziotto di Parigi: quella mattina è stata fra i primi ad arrivare sul posto con la sua mountain bike in dotazione. Aveva 32 anni, era un membro della brigata MTB dell’11° arrondissement di Parigi. Quando alla radio sente che sono stati segnalati colpi di pistola in Rue Nicolas Appert, le viene in mente che possano essere bambini che giocano con i petardi per strada.

Quando arriva sul posto, c’è gente che fa dei gesti dal tetto dell’edificio di Charlie Hebdo, ma erano troppo lontani e lei non riusciva a capire quello che tentano di dirle. Improvvisamente, i fratelli Kouachi appaiono in strada: “Erano vestiti di nero, con i giubbotti antiproiettile e armi da guerra in mano”. Sparano nella sua direzione: “Getto via la mia bici e corro più veloce che posso. I proiettili mi sfiorano di pochi centimetri”. Riesce a rifugiarsi in una strada poco distante, poi sente alla radio “agente a terra”. Torna sulla scena e vede Ahmed Mérabet, ferito a morte dai terroristi. Chiama i soccorsi: “Non avevo più idea del tempo, ero in uno stato di shock, ho capito più tardi che si trattava di un attacco”.

Da allora, tutto è cambiato. “Mi sono fermata per quattro mesi: non riuscivo a uscire di casa da sola, pensavo che i terroristi avrebbero finito il lavoro uccidendomi. Poi è tornata al lavoro, ma ha capito di non poter più indossare l’uniforme: “È impossibile”. Resta in servizio in borghese a Parigi, ma dopo il Bataclan e soprattutto l’assassinio di un poliziotto sugli Champs-Elysées, cede. Chiede un trasferimento a Valence per avvicinarsi alla sua famiglia che vive a Tournon-sur-Rhône. Ancora oggi, dice di soffrire per i sensi di colpa del sopravvissuto e “Penso ogni giorno, davvero ogni giorno, a Charlie Hebdo”.

Il 13 novembre dello stesso anno, il terrore sarebbe tornato sulle strade di Parigi facendo altri 137 morti e 368 feriti. Poi ancora a Nizza, il 14 luglio 2016, con 86 vittime e 458 feriti.

Galleria fotografica
Géraldine Blanc, condannata a ricordare - immagine 1
Géraldine Blanc, condannata a ricordare - immagine 2
Terrorismo
L’Isis non esiste più
L’Isis non esiste più
Lo ha annunciato un portavoce della Casa Bianca: l’ultima roccaforte di Baghouz è caduta. Donald Trump si prende tutto il merito della vittoria: “prima che arrivassi io era un casino”
L’Isis promette vendetta
L’Isis promette vendetta
Il terrorismo islamico torna ad alzare i toni dello scontro promettendo di vendicare i morti in Nuova Zelanda. Massima allerta dell’antiterrorismo in tutto il mondo
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Lorenzo Orsetti, 33 anni, sarebbe rimasto vittima di uno scontro a fuoco a Baghuz nel corso di un’imboscata. La disperazione dei genitori: “Non volevamo che partisse”
Brenton Tarrant
un altro killer della porta accanto
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto
Dietro una vita all’apparenza normale, si nascondeva un crescendo di odio e rancore verso il mondo islamico, che andava punito. Il profilo del farneticante killer che ha insanguinato la Nuova Zelanda
Dopo Battisti tocca all'ex br Casimirri
Dopo Battisti tocca all
L'ex brigatista coinvolto nel caso Moro fa il ristoratore a Managua in Nicaragua ma deve scontare l'ergastolo. La memoria di Fioroni e il ritratto di un fuoriuscito dai contatti "eccellenti". Le mosse di Salvini
E ora Manning rischia decenni di carcere
E ora Manning rischia decenni di carcere
Ha cambiato sesso e ha cambiato il nome da Bradley a Chelsea. Si rifiuta di rispondere alle domande dei giudici nel processo a Wikileaks. Ha già scontato 7 anni di carcere. Perché "protegge" Assange?
ISIS, c'era anche un miliziano casinista
ISIS, c
La storia del neozelandese Mark Taylor che twittava dalla Siria dal suo cellulare, consentendo all'Intelligence di individuare i covi dei terroristi. Sorpreso a bere alcol e a fumarsi uno spinello. Pene miti: "E' uno scemo"
Gli orfani innocenti dell’Isis
Gli orfani innocenti dell’Isis
Sono i figli dei foreign fighters partiti per unirsi al califfato, vivono chiusi in campi profughi in attesa che le diplomazie internazionali decidano il loro destino
Gli ultimi giorni dell’Isis
Gli ultimi giorni dell’Isis
Questione di ore per annientare l’ultima sacca di resistenza del califfato. “Sarà una battaglia difficile, combatteranno fino alla fine”, ammette un generale della coalizione
Br in Francia, decideranno i magistrati
Br in Francia, decideranno i magistrati
Il governo francese interviene sul caso dei terroristi latitanti in Francia: "Non siamo il Brasile di Bolsonaro, ogni caso sarà valutato dai giudici"