ISIS, c'era anche un miliziano casinista

| La storia del neozelandese Mark Taylor che twittava dalla Siria dal suo cellulare, consentendo all'Intelligence di individuare i covi dei terroristi. Sorpreso a bere alcol e a fumarsi uno spinello. Pene miti: "E' uno scemo"

+ Miei preferiti

Un foreign fighter neozelandese che ha combattuto con lo Stato islamico in Iraq e la Grande Siria (ISIS) aveva inavvertitamente rivelato la sua esatta posizione pubblicando un tweet consentendo all’Intelligence britannica di invidiare i covi dei terroristi, subito spianati da una serie di bombardamenti mirati, ha rivelato una fonte della sicurezza. Abu Abdul-Rahman, che una volta si chiamava Mark Taylor, aveva lasciato la Nuova Zelanda per unirsi alla lotta con l'ISIS nel maggio 2012. Poco dopo, aveva twittato che la sua missione in Siria era un "viaggio di sola andata" con una foto del suo passaporto bruciato, come riferisce il Guardian. Taylor aveva cancellato - troppo tardi -  45 tweet dopo aver appreso che erano gelo-localizzati. con le sue coordinate precise. L’agente Jeff Wyers, che gestisce un gruppo di intelligence open-source chiamato iBrado, ha utilizzato le informazioni sulla geo-localizzazione dei tweet per individuare Taylor in una casa nella città siriana di al-Taqbah. Sin dal suo primo viaggio in Siria, Taylor si era messo in contatto con l'ufficio passaporti neozelandese per ottenere un documento di viaggio sostitutivo. Niente a che fare con l’attento 'Jihadi John', il kuwaitiano naturalizzato britannico responsabile della decapitazione di diversi ostaggi, neutralizzato finalmente da un drone a Raqqa nel 2015. Gli ultimi miliziani di Daesh catturati a Baghouz dalle forze curde e Usa nell’area di Deir Ezor,  sono poco più che ragazzi o adulti totalmente sprovveduti. Mark Taylor, era una caricatura di miliziano, oggetti di scherni e risate anche da parte dei suoi commilitoni che, invece di decapitarlo, tanto era chiaramente stupido, da sbatterlo qualche volta in prigione per le sue marachelle. Fu sorpreso a bere alcol autoprodotte in uno scantinato della caserma, a fumarsi uno spinello. Rischò la vita quando i suoi capi scoprirono che aveva diffuso 12 tweet utilizzando la rete locale e scoppiò il finimondo. "Nel gennaio 2015 fui convocato con una lettera da uno degli ufficiali, mi portarono in una stanza, mi tolsero la mia arma e ogni altra cosa, compreso il mio telefono cellulare, che non avrei più visto, e mi dissero che ero sospettato di aver contribuito a localizzare via Gps 12 luoghi all'interno dello Stato Islamico”. Accuse da brivido, roba da pena di morte e di sessioni di tortura. I jihadisti lo hanno invece sbattuto inuma cella eper 50 giorni. Appurarono che era solo un cretino e non una spia,

 
Terrorismo
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Lorenzo Orsetti, 33 anni, sarebbe rimasto vittima di uno scontro a fuoco a Baghuz nel corso di un’imboscata. La disperazione dei genitori: “Non volevamo che partisse”
L’Isis promette vendetta
L’Isis promette vendetta
Il terrorismo islamico torna ad alzare i toni dello scontro promettendo di vendicare i morti in Nuova Zelanda. Massima allerta dell’antiterrorismo in tutto il mondo
Brenton Tarrant
un altro killer della porta accanto
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto
Dietro una vita all’apparenza normale, si nascondeva un crescendo di odio e rancore verso il mondo islamico, che andava punito. Il profilo del farneticante killer che ha insanguinato la Nuova Zelanda
Dopo Battisti tocca all'ex br Casimirri
Dopo Battisti tocca all
L'ex brigatista coinvolto nel caso Moro fa il ristoratore a Managua in Nicaragua ma deve scontare l'ergastolo. La memoria di Fioroni e il ritratto di un fuoriuscito dai contatti "eccellenti". Le mosse di Salvini
E ora Manning rischia decenni di carcere
E ora Manning rischia decenni di carcere
Ha cambiato sesso e ha cambiato il nome da Bradley a Chelsea. Si rifiuta di rispondere alle domande dei giudici nel processo a Wikileaks. Ha già scontato 7 anni di carcere. Perché "protegge" Assange?
Gli orfani innocenti dell’Isis
Gli orfani innocenti dell’Isis
Sono i figli dei foreign fighters partiti per unirsi al califfato, vivono chiusi in campi profughi in attesa che le diplomazie internazionali decidano il loro destino
Gli ultimi giorni dell’Isis
Gli ultimi giorni dell’Isis
Questione di ore per annientare l’ultima sacca di resistenza del califfato. “Sarà una battaglia difficile, combatteranno fino alla fine”, ammette un generale della coalizione
Br in Francia, decideranno i magistrati
Br in Francia, decideranno i magistrati
Il governo francese interviene sul caso dei terroristi latitanti in Francia: "Non siamo il Brasile di Bolsonaro, ogni caso sarà valutato dai giudici"
Wanted Hamza bin Laden, live or dead
Wanted Hamza bin Laden, live or dead
Secondo fonti Usa, il figlio dello sceicco del terrore ucciso sarebbe il nuovo capo di Al Quaieda. E Riad gli ritira la cittadinanza
Teste mozzate di 53 donne Yazide trovate a Baghouz
Teste mozzate di 53 donne Yazide trovate a Baghouz
Uccise in modo rituale dai miliziani ISIS. Ragazze rapite e costrette a prostituirsi per gli aspiranti "martiri". Le hanno scoperte in un tunnel gli incursori del SAS britannico, ora sotto choc. Caccia agli islamici assassini