Primi contatti con i rapitori di Luca ed Edith

| L’ipotesi che va rafforzandosi è che il giovane vicentino e la sua fidanzata canadese siano nelle mani di un gruppo terroristico che pretende un riscatto. Il premier Trudeau rassicura la famiglia della ragazza: è ancora viva

+ Miei preferiti
A riaccendere le speranze sulla sorte di Luca Tacchetto e della sua compagna Edith Blais è stato il premier canadese Justin Trudeau: “Da ciò che mi è stato riferito, Edith è viva. Comprendiamo quanto terribile sia questa situazione per la famiglia, per la comunità e per tutto il Canada”. Alle domande dei giornalisti per conoscere ulteriori dettagli, Trudeau ha preferito rimanere sul vago, non chiarendo che tipo di azioni ha in atto il governo per riportare a casa la giovane, anche per non mettere a repentaglio la vita dei due ostaggi ed eventuali trattative in corso. Nelle stesse ore, il Ministro dello Sviluppo Internazionale Marie-Claude Bibeau e la sua collega degli Affari Esteri, Chrystia Freeland, hanno incontrato la madre e la sorella di Edith Blais. Al termine dell’incontro, il ministro Bibeau ha commentato con poche parole la domanda se è plausibile pensare ad un sequestro: “Tutte le opzioni sono ancora sul tavolo. La nostra è stata una conversazione tra “madri”: abbiamo parlato molto di Edith. La mamma e la sorella sono due donne straordinarie e molto forti, e credo che le azioni del nostro governo le abbiano rassicurate”.

Parole che smorzano un po’ la tensione per un’altra notizia poco incoraggiante che arriva dalle stesse zone: lo scorso mercoledì è stato ritrovato il cadavere crivellato di colpi di Kirk Woodman, un geologo canadese: lavorava per la “Vancouver Progress Mineral”, e quando era stato sequestrato da un gruppo di estremisti si trovava nei pressi della miniera di Tiabongou, a circa 20 km da Mansila, sempre in Burkina Faso.

Intanto si rafforza sempre più l’ipotesi che Luca ed Edith siano vittima di un rapimento: secondo alcune indiscrezioni, a Roma e Ottawa sarebbe una richiesta di riscatto, e sono in corso verifiche per stabilire l’attendibilità. Ma sembra ormai chiaro che i due giovani siano finiti nelle mani di un gruppo criminale che agisce nel Burkina Faso: insieme alla richiesta di denaro sarebbero state fornite anche le prove che i due ragazzi sono ancora vivi.

Sviluppi che, curiosamente, coincidono con le dimissioni in massa del premier del Burkina Faso, Paul Kaba Thiebe, e del suo esecutivo, senza fornire alcuna spiegazione. Secondo fonti non confermate, il Paese africano aspira ad una leadership più robusta per debellare le bande di terroristi che ormai agiscono alla luce del sole.

Luca Tacchetto ed Edith Blais sono scomparsi nel nulla lo scorso 15 dicembre, mentre si spostavano fra Bobo-Dioulasso e la capitale, Ouagadougou, per raggiunge la meta del loro viaggio: un progetto umanitario in Togo.

Terrorismo
Strage di Bologna, ecco il quarto uomo
Strage di Bologna, ecco il quarto uomo
Riprende a Bologna il processo contro il terrorista dei Nar Gilberto Cavallini. Avrebbe fatto parte, con Giusta Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini, del commando che mise la bomba: 85 morti e 200 feriti
"Anarchici, non testimoniate nei processi"
"Anarchici, non testimoniate nei processi"
Duro monito della leader dell'area informale Anna Beniamino in una lettera-documento diffusa dal web. Si allarga la frattura con i movimenti anti-autoritari. Analisi dei processi. Controllo remoto e automazione
L'ex Nar denuncia i familiari delle vittime
L
Per la prima in aula l'imputato della strage di Bologna costata decine di morti. Vuole denunciare i familiari delle vittime : "Mi hanno calunniato". Si dichiara innocente. Già condannati Valeria Mambro e Giusva Fioravanti
Bombe islamiche in cattedrale, 27 morti e 56 feriti nella Messa della domenica
Bombe islamiche in cattedrale, 27 morti e 56 feriti nella Messa della domenica
Tensione a Jolo (Filippine) dopo un attentato di matrice islamica nella missione cattolica. Due ordigni sono esplosi a pochi istanti uno dall'altro, provocando anche 56 feriti. La firma dei miliziani del gruppo Abu Sayyaf
Il ritorno dell’IRA
Il ritorno dell’IRA
Secondo la polizia alcuni piccoli gruppi dissidenti si sarebbe uniti per organizzare una nuova stagione di lotta armata. Per molti c’è di mezzo la Brexit e la minaccia del ritorno di un confine fra le due Irlande
Parbleu, les terroristes
Parbleu, les terroristes
I nostri vicini d’oltralpe danno rifugio da anni a terroristi condannati dai tribunali italiani. I precedenti della dottrina Mitterand e della scuola di lingue Hyperion
E ora rivogliamo Alessio Casimirri
E ora rivogliamo Alessio Casimirri
Condannato a 6 ergastoli, faceva parte del commando di via Fani e ha sulla coscienza numerosi omicidi. Ma l’ex BR vive in Nicaragua senza aver mai fatto un solo giorno di galera. Dopo Battisti, dovrebbe toccare a lui
Battisti indottrinato dall'ex ideologo dei PAC
Battisti indottrinato dall
Fatale l'incontro con Arrigo Cavallina, tra i fondatori dei PAC, poi dissociato, nel 1977. Lui era un delinquente comune, evase e divenne un guerrigliero puri-assassino. Le sue vittime
Battisti, solo con due dollari e odore di alcol
E presto sarà in Italia, lo dice Conte su Facebook
Battisti, solo con due dollari e odore di alcol<br>E presto sarà in Italia, lo dice Conte su Facebook
L'ex terrorista vagava ozioso nel centro storico della città boliviana di Santa Cruz de la Sierra, maldestramente travestito. Preso da una task force Interpol. Per ora tace, subito estradizione in Italia dove lo attende una cella
I nove italiani svaniti nel nulla
I nove italiani svaniti nel nulla
Luca, Silvia, Luigi, Alessandro, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Sergio e Paolo: sono i nomi dei nostri connazionali inghiottiti da silenzi che per qualcuno si trascinano ormai da anni. Alle loro storie manca ancora un finale