"Riprendetevi la vostra spazzatura Isis"

| La Siria accusa il Regno Unito di non chiedere l'estradizione dei suoi cittadini combattenti Isis, responsabili di orrendi delitti, come Jihadi John e la cellula dei boia "The Beatles". "Non siamo la discarica dell'Europa"

+ Miei preferiti

“Noi non siamo una discarica per l’Europa e l’Inghilterra”. Le forze siriane chiedono che i jihadisti britannici catturati che hanno combattuto per l'ISIS siano estradati al più presto nel Regno Unito per affrontare il processo. Le forze lealiste nel paese devastato dalla guerra hanno già incriminato  i combattenti catturati e ora chiedono alla Gran Bretagna di riprenderseli o di creare un tribunale internazionale in Siria. La Siria non è una "discarica" per gli stranieri ritenuti un pericolo per il proprio paese, dicono.

Alexanda Amon Kotey, a sinistra, e El Shafee Elsheikh sono stati presumibilmente tra i quattro jihadisti britannici che hanno costituito la brutale cellula dello Stato islamico chiamata 'The Beatles'.

Hanno anche rivelato che i combattenti Isis in carcere - tra cui due membri della banda omicida dei Beatles - sono trattati meglio dei rifugiati perché hanno una TV e tre pasti caldi al giorno.

Attualmente sono sei i britannici attualmente detenuti tra i 795 prigionieri ISIS nel nord della Siria, riporta il Daily Mail. Ci sono anche mogli jihadiste britanniche e i loro figli detenuti in due campi, ma il Regno Unito si è finora rifiutato di chiederne l’estradizione e li ha (furbascamente) privati della cittadinanza.

Tuttavia, secondo fonti governative, vi sono prove sufficienti per trasportarli dinanzi ai tribunali britannici con accuse di terrorismo. Mustafa Bali, delle forze democratiche siriane, ha detto: "Ciò che comprendiamo è che gli europei pensano..... la sporcizia che avevano tra di loro è fuori e non la rivogliono indietro. Non vediamo il nostro Paese come una discarica e non li accettiamo. Il compromesso è quello di avere un tribunale qui e il tribunale può decidere del loro destino”. Egli ha sostenuto che c'è una "responsabilità morale per l'Europa di sostenere" le aree in cui il barbaro gruppo terroristico ha compiuto massacri. Jihadi John (nella foto), il miliziano che decapitava i prigionieri occidentali, è diventato il volto-simbolo del terrorismo Isis, ed era un cittadino britannico di seconda generazione, poi ucciso da un drone pochi mesi dopo le sue terrificanti imprese.

Bali ha anche lanciato un ultimatum al Regno Unito - o riportare i jihadisti britannici nel Regno Unito per affrontare il processo o creare un tribunale internazionale per processarli in Siria. Ha detto: "Se questi tribunali saranno costruiti, la paura di avere quei terroristi in Inghilterra sarà dissipata, dato che saranno processati qui”. Anche Nuri Mahmud, delle Unità di Protezione del Popolo guidate dai curdi, ha sostenuto gli appelli per il ritorno dei combattenti dell'ISIS britannica, esortando la Gran Bretagna ad "assumersi le proprie responsabilità” anche a proposito dei noti combattenti della cellula "th Beatles ISIS El Shafee Elsheikh e Alexanda Kotey, accusati di far parte del gruppo di boia di "Jihadi John" Mohammed Emwazi - sono stati a loro volta privati della cittadinanza britannica. Sono detenuti dalle milizie curde in Siria dopo essere stati catturati dopo la caduta della capitale dell'ISIS un anno fa.

 
Terrorismo
L’Isis non esiste più
L’Isis non esiste più
Lo ha annunciato un portavoce della Casa Bianca: l’ultima roccaforte di Baghouz è caduta. Donald Trump si prende tutto il merito della vittoria: “prima che arrivassi io era un casino”
L’Isis promette vendetta
L’Isis promette vendetta
Il terrorismo islamico torna ad alzare i toni dello scontro promettendo di vendicare i morti in Nuova Zelanda. Massima allerta dell’antiterrorismo in tutto il mondo
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Isis: abbiamo ucciso un crociato italiano
Lorenzo Orsetti, 33 anni, sarebbe rimasto vittima di uno scontro a fuoco a Baghuz nel corso di un’imboscata. La disperazione dei genitori: “Non volevamo che partisse”
Brenton Tarrant
un altro killer della porta accanto
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto
Dietro una vita all’apparenza normale, si nascondeva un crescendo di odio e rancore verso il mondo islamico, che andava punito. Il profilo del farneticante killer che ha insanguinato la Nuova Zelanda
Dopo Battisti tocca all'ex br Casimirri
Dopo Battisti tocca all
L'ex brigatista coinvolto nel caso Moro fa il ristoratore a Managua in Nicaragua ma deve scontare l'ergastolo. La memoria di Fioroni e il ritratto di un fuoriuscito dai contatti "eccellenti". Le mosse di Salvini
E ora Manning rischia decenni di carcere
E ora Manning rischia decenni di carcere
Ha cambiato sesso e ha cambiato il nome da Bradley a Chelsea. Si rifiuta di rispondere alle domande dei giudici nel processo a Wikileaks. Ha già scontato 7 anni di carcere. Perché "protegge" Assange?
ISIS, c'era anche un miliziano casinista
ISIS, c
La storia del neozelandese Mark Taylor che twittava dalla Siria dal suo cellulare, consentendo all'Intelligence di individuare i covi dei terroristi. Sorpreso a bere alcol e a fumarsi uno spinello. Pene miti: "E' uno scemo"
Gli orfani innocenti dell’Isis
Gli orfani innocenti dell’Isis
Sono i figli dei foreign fighters partiti per unirsi al califfato, vivono chiusi in campi profughi in attesa che le diplomazie internazionali decidano il loro destino
Gli ultimi giorni dell’Isis
Gli ultimi giorni dell’Isis
Questione di ore per annientare l’ultima sacca di resistenza del califfato. “Sarà una battaglia difficile, combatteranno fino alla fine”, ammette un generale della coalizione
Br in Francia, decideranno i magistrati
Br in Francia, decideranno i magistrati
Il governo francese interviene sul caso dei terroristi latitanti in Francia: "Non siamo il Brasile di Bolsonaro, ogni caso sarà valutato dai giudici"