"Riprendetevi la vostra spazzatura Isis"

| La Siria accusa il Regno Unito di non chiedere l'estradizione dei suoi cittadini combattenti Isis, responsabili di orrendi delitti, come Jihadi John e la cellula dei boia "The Beatles". "Non siamo la discarica dell'Europa"

+ Miei preferiti

“Noi non siamo una discarica per l’Europa e l’Inghilterra”. Le forze siriane chiedono che i jihadisti britannici catturati che hanno combattuto per l'ISIS siano estradati al più presto nel Regno Unito per affrontare il processo. Le forze lealiste nel paese devastato dalla guerra hanno già incriminato  i combattenti catturati e ora chiedono alla Gran Bretagna di riprenderseli o di creare un tribunale internazionale in Siria. La Siria non è una "discarica" per gli stranieri ritenuti un pericolo per il proprio paese, dicono.

Alexanda Amon Kotey, a sinistra, e El Shafee Elsheikh sono stati presumibilmente tra i quattro jihadisti britannici che hanno costituito la brutale cellula dello Stato islamico chiamata 'The Beatles'.

Hanno anche rivelato che i combattenti Isis in carcere - tra cui due membri della banda omicida dei Beatles - sono trattati meglio dei rifugiati perché hanno una TV e tre pasti caldi al giorno.

Attualmente sono sei i britannici attualmente detenuti tra i 795 prigionieri ISIS nel nord della Siria, riporta il Daily Mail. Ci sono anche mogli jihadiste britanniche e i loro figli detenuti in due campi, ma il Regno Unito si è finora rifiutato di chiederne l’estradizione e li ha (furbascamente) privati della cittadinanza.

Tuttavia, secondo fonti governative, vi sono prove sufficienti per trasportarli dinanzi ai tribunali britannici con accuse di terrorismo. Mustafa Bali, delle forze democratiche siriane, ha detto: "Ciò che comprendiamo è che gli europei pensano..... la sporcizia che avevano tra di loro è fuori e non la rivogliono indietro. Non vediamo il nostro Paese come una discarica e non li accettiamo. Il compromesso è quello di avere un tribunale qui e il tribunale può decidere del loro destino”. Egli ha sostenuto che c'è una "responsabilità morale per l'Europa di sostenere" le aree in cui il barbaro gruppo terroristico ha compiuto massacri. Jihadi John (nella foto), il miliziano che decapitava i prigionieri occidentali, è diventato il volto-simbolo del terrorismo Isis, ed era un cittadino britannico di seconda generazione, poi ucciso da un drone pochi mesi dopo le sue terrificanti imprese.

Bali ha anche lanciato un ultimatum al Regno Unito - o riportare i jihadisti britannici nel Regno Unito per affrontare il processo o creare un tribunale internazionale per processarli in Siria. Ha detto: "Se questi tribunali saranno costruiti, la paura di avere quei terroristi in Inghilterra sarà dissipata, dato che saranno processati qui”. Anche Nuri Mahmud, delle Unità di Protezione del Popolo guidate dai curdi, ha sostenuto gli appelli per il ritorno dei combattenti dell'ISIS britannica, esortando la Gran Bretagna ad "assumersi le proprie responsabilità” anche a proposito dei noti combattenti della cellula "th Beatles ISIS El Shafee Elsheikh e Alexanda Kotey, accusati di far parte del gruppo di boia di "Jihadi John" Mohammed Emwazi - sono stati a loro volta privati della cittadinanza britannica. Sono detenuti dalle milizie curde in Siria dopo essere stati catturati dopo la caduta della capitale dell'ISIS un anno fa.

 
Terrorismo
Il ritorno dell’IRA
Il ritorno dell’IRA
Secondo la polizia alcuni piccoli gruppi dissidenti si sarebbe uniti per organizzare una nuova stagione di lotta armata. Per molti c’è di mezzo la Brexit e la minaccia del ritorno di un confine fra le due Irlande
Primi contatti con i rapitori di Luca ed Edith
Primi contatti con i rapitori di Luca ed Edith
L’ipotesi che va rafforzandosi è che il giovane vicentino e la sua fidanzata canadese siano nelle mani di un gruppo terroristico che pretende un riscatto. Il premier Trudeau rassicura la famiglia della ragazza: è ancora viva
Parbleu, les terroristes
Parbleu, les terroristes
I nostri vicini d’oltralpe danno rifugio da anni a terroristi condannati dai tribunali italiani. I precedenti della dottrina Mitterand e della scuola di lingue Hyperion
E ora rivogliamo Alessio Casimirri
E ora rivogliamo Alessio Casimirri
Condannato a 6 ergastoli, faceva parte del commando di via Fani e ha sulla coscienza numerosi omicidi. Ma l’ex BR vive in Nicaragua senza aver mai fatto un solo giorno di galera. Dopo Battisti, dovrebbe toccare a lui
Battisti indottrinato dall'ex ideologo dei PAC
Battisti indottrinato dall
Fatale l'incontro con Arrigo Cavallina, tra i fondatori dei PAC, poi dissociato, nel 1977. Lui era un delinquente comune, evase e divenne un guerrigliero puri-assassino. Le sue vittime
Battisti, solo con due dollari e odore di alcol
E presto sarà in Italia, lo dice Conte su Facebook
Battisti, solo con due dollari e odore di alcol<br>E presto sarà in Italia, lo dice Conte su Facebook
L'ex terrorista vagava ozioso nel centro storico della città boliviana di Santa Cruz de la Sierra, maldestramente travestito. Preso da una task force Interpol. Per ora tace, subito estradizione in Italia dove lo attende una cella
I nove italiani svaniti nel nulla
I nove italiani svaniti nel nulla
Luca, Silvia, Luigi, Alessandro, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Sergio e Paolo: sono i nomi dei nostri connazionali inghiottiti da silenzi che per qualcuno si trascinano ormai da anni. Alle loro storie manca ancora un finale
Ex terroristi Eta, malati 21 detenuti
Ex terroristi Eta, malati 21 detenuti
I protagonisti di decine di attentati costati la vita a decine di innocenti denunciano di avere contratto gravi malattie in carcere e chiedono la scarcerazione di 21 detenuti gravi
Géraldine Blanc, condannata a ricordare
Géraldine Blanc, condannata a ricordare
Agente di polizia di Parigi, è stata fra le prime ad arrivare alla redazione di Charlie Hebdo il giorno della strage. E solo oggi ha accettato di parlare dei minuti che le hanno cambiato la vita per sempre
Giustiziato killer dei marinai dello USS Cole
Giustiziato killer dei marinai dello USS Cole
Dopo 19 anni gli americani lanciano un missile sull'auto di Jamel Ahmed Mohammed Ali Al-Badawi, esponente di rilievo di Al Qaeda. Era il pianificatore dell'attacco alla nave US Cole, in cui morirono 17 marinai, 39 i feriti