STATI UNITI
Larry Swearingen ucciso tramite iniezione letale per l’omicidio di una studentessa: si era sempre dichiarato innocente
22 agosto 2019
MONDO
Florida, è allarme alligatori
Animalia - Numerose segnalazioni parlano di rettili avvistati nei giardini e nelle piscine di abitazioni private, mentre alcuni video mostrano l’abilità con cui riescono a superare ostacoli che si pensava per loro fossero invalicabili
Milano, torna in servizio traduttrice peruviana
Cronaca - Era stata allontanata su ordine del Viminale ma i giudici l'hanno reintegrata: "Decisione discriminatoria"
I cani-bagnini salvano decine di persone
Cronaca - Superlavoro per le unità cinofile di salvataggio in tutta penisola. Record di interventi: a Palinuro in salvo coppia di ragazzi travolti dalle onde
CRONACA
Sabrina e Cosima: \
Oltre la notizia - Madre e figlia condannate all'ergastolo non si rassegnano. Imminente l'esito del ricorso alla Corte di Strasburgo. L'avvocato Coppi: "Sabrina è innocente, in carcere da 10 anni. E' il mio tormento"
Hong Kong, la marcia dei professori
Asia - Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Trump, guerra ai transgender: \
Stati Uniti - Chiesto l'intervento della corte suprema. "Buco" nel Civil Right Act: non sono menzionati i transgender nelle categorie da tutelare
LA FOTO DEL GIORNO

L’aeroporto internazionale di San Francisco, in California, è il primo scalo aeroportuale al mondo a bandire la plastica. Dal 20 agosto, i 55 milioni di passeggeri che transitano ogni anno non trovano in nessuno dei bar, ristoranti, lounge e distributori automatici acqua o bevande in bottiglie di plastica, così come cannucce, posate e piatti. All’interno del secondo aeroporto californiano per numero di passeggeri, ogni liquido può circolare soltanto attraverso materiali riciclabili come vetro o alluminio. Per i viaggiatori più attenti, dotati di borraccia, decine di fontanelle in cui potersi rifornire. L’iniziativa si aggancia al desiderio virtuoso della città di San Francisco di diventare entro il 2021 una delle metropoli con il minor impatto inquinante al mondo.

ULTIME NEWS
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Avevamo fatto il fioretto di ignorare le tristi e incomprensibili vicende politiche di questi giorni ma l’intero guardaroba di cappotti e cappottini della Premiata Sartoria Travaglio che ha trasformato il premier a scoppio ritardato Giuseppe Conte in un leader di statura mondiale e universale - ha governato con Salvini 15 mesi, poi, quando gli ha fatto saltare la poltrona, ha scoperto i difetti e la malvagità del suo ex vice-premier -  costituisce un punto di non-ritorno. Fa riflettere la curiosa amnesia del giornalista ridens nei confronti di chi ha avallato le politiche immigratorie, i decreti sicurezza, tutto quello che è passato nella testa della Lega e che gli pure bocciato il suo NO ossessivo alla Tav, facendo ripartire i bandi. La rancorosa dissociazione di un livido Conte sa tanto di vendetta postuma, mentre il professore filo-grillino dava un mesto addio ai G7, ai G20, alla vita glamour di questi mesi. Mattarella lo aveva detto: il potere inebria. Il governo del cambiamento, alla fine, ha cambiato solo il colore della maggioranza, in nome di un caro vecchio slogan: “Prima la poltrona”.