Casaleggio Associati in stile Orwell

| Documento del Garante dell'Authority, i dati di chi ha votato, comprese le scelte dei candidati, nel data base della piattaforma Rousseau. In vista sanzioni e provvedimenti. Problemi tecnici e vecchi software. Hackers e "buchi"

+ Miei preferiti

Il Garante della privacy si riserva di valutare sanzioni nei confronti dell'Associazione Rousseau, responsabile del trattamento dati del sito del Movimento 5 Stelle e della piattaforma Rousseau, al termine dell'indagine sugli attacchi hacker che nei mesi scorsi hanno coinvolto il sistema operativo e altri siti web riconducibili al M5S.  AdnKronos: "Nei mesi di agosto e settembre, a seguito di notizie di stampa e di alcune segnalazioni pervenute all'Ufficio, il Garante ha infatti aperto un'istruttoria in relazione agli episodi di violazione dei sistemi informatici M5S. "La mancata designazione delle società Wind Tre S.p.a. e Itnet S.r.l. quali responsabili del trattamento dei dati personali degli utenti dei diversi siti riferibili al Movimento 5 Stelle - si legge nel provvedimento del 21 dicembre, reso noto oggi - configura l'illiceità del trattamento medesimo in ragione della comunicazione dei dati a soggetti terzi, in mancanza del consenso degli interessati". Pertanto, l'Authority "si riserva di verificare, con autonomo procedimento, la sussistenza dei presupposti per l'eventuale contestazione delle sanzioni amministrative di cui all'art. 162, comma 2bis del Codice". Una serie di misure per aumentare il livello di sicurezza del sistema operativo, per rendere più consapevoli gli utenti dei flussi di dati personali (sia rispetto alle varie componenti della cosiddetta galassia 5 Stelle, sia rispetto alle società esterne che svolgono ruoli di supporto tecnico) e per evitare il ripetersi di episodi simili.

 Il Garante ricorda inoltre che dopo gli attacchi informatici, l'Associazione Rousseau ha presentato una denuncia per il tramite della Polizia Postale e delle telecomunicazioni di Milano. "Nel corso dell'accertamento ispettivo - si legge nel provvedimento - l'Autorità ha chiesto informazioni in ordine ai soggetti addetti alle funzioni di 'amministratore di sistema' relativamente ai sistemi software di base (sistemi operativi, sistemi di gestione di base dati e sistemi di gestione dei contenuti) a servizio della piattaforma Rousseau". Al riguardo Davide Casaleggio, legale rappresentante dell'Associazione Rousseau, "nel fornire copia di un contratto per servizi di housing e sicurezza gestita stipulato dall'Associazione Rousseau con Wind Tre S.p.a., ha dichiarato che 'le funzioni sistemistiche sono affidate da Wind Tre S.p.a. alla società Itnet S.r.l. che mette a disposizione dell'Associazione alcuni tecnici'; peraltro, con successiva nota trasmessa in data 18 ottobre 2017, il dottor Casaleggio ha fornito i nominativi di quattro soggetti ai quali sono stati conferiti ruoli (e relative funzioni) riconducibili alla figura del c.d. 'amministratore di sistema'". Ma le due società, evidenzia il Garante, "dovrebbero essere entrambe nominate quali responsabili del trattamento da parte del relativo titolare".

 "Il portale web del Movimento 5 Stelle e parte della piattaforma Rousseau sono stati realizzati avvalendosi di un prodotto software, il Cms Movable Type che, nella versione Enterprise 4.31-en, è risultata affetta da indiscutibile obsolescenza tecnica", mentre "il blog www.beppegrillo.it utilizza invece una versione del Cms Movable Type ancora più risalente (versione 3.35), con la quale la registrazione delle password avveniva in chiaro" sottolinea l'Authority a chiusura dell'indagine sugli attacchi hacker che ad agosto hanno colpito il sistema operativo del M5S. "Le obsolescenze dei Cms (sistemi di gestione dei contenuti), oltre a esporre i dati personali trattati a rischi di accesso abusivo (rischi derivanti dalle vulnerabilità informatiche già note e segnalate dallo stesso produttore), ha condizionato l'efficacia di alcuni accorgimenti tecnici adottati successivamente dall'Associazione a seguito delle intrusioni informatiche; ad esempio il portale non realizzava policy efficaci sulla qualità delle password, ammettendo l'uso di password banali, facilmente esposte alla decifrazione e ad attacchi di tipo brute force anche in modalità interattiva online", spiega il Garante della privacy. Inoltre, "i vulnerability assessment commissionati dall'Associazione Rousseau hanno evidenziato una serie di criticità cui sarebbe stato possibile porre rimedio avvalendosi di una metodologia di sviluppo del software maggiormente strutturata, che avesse contemperato la tempestività realizzativa delle nuove funzionalità con una attenta valutazione e prevenzione dei rischi informatici".

Inoltre, "con riferimento al database Rousseau, il documento trasmesso all'Autorità recante 'Estratto delle tabelle principali di Rousseau' ha permesso di valutare alcuni aspetti relativi alla riservatezza delle operazioni di voto elettronico svolte tramite la piattaforma; in particolare, l'esame delle predette tabelle ha mostrato come l'espressione del voto da parte degli iscritti, in occasione della scelta di candidati da includere nelle liste elettorali del Movimento o per orientare altre scelte di rilevanza politica, venga registrata in forma elettronica mantenendo uno stretto legame, per ciascun voto espresso, con i dati identificativi riferiti ai votanti" sottolinea il Garante.

"Nello schema del database risulta infatti che ciascun voto espresso sia effettivamente associato a un numero telefonico corrispondente (come del resto confermato dal dottor Casaleggio in sede ispettiva, cfr. verbale 5 ottobre 2017) al rispettivo iscritto-votante. Tale riferimento sarebbe mantenuto nel database per asserite esigenze di sicurezza, comportando, tuttavia, la concreta possibilità di associare, in ogni momento successivo alla votazione, oltre che durante le operazioni di voto, i voti espressi ai rispettivi votanti", spiega l'Authority. "La possibilità di tracciare a ritroso il voto espresso dagli interessati - prosegue il Garante - non risulta neppure bilanciata, per esempio, da un robusto sistema di log degli accessi e delle operazioni svolte da persone dotate dei privilegi di amministratore della piattaforma che consenta, almeno, di condurre a posteriori azioni di auditing sulla liceità dei trattamenti attuati dal detentore dell'archivio elettronico".

  
 
 

60 secondi
Bourkina Faso, uccisi 5 cattolici e il prete
Bourkina Faso, uccisi 5 cattolici e il prete
Ancora un raid islamico contro le chiese dopo le stragi dello Sri-Lanka. Secondo attacco in Bourkina in pochi giorni. E' accaduto a Dablo, nel Nord. Attacco durante la messa. Scopo chiaro: spazzare via cattolici e cristiani dall'Africa
Ninja Bomb, il missile americano top-secret
Ninja Bomb, il missile americano top-secret
Non esplode perché privo di cariche, ma poco prima dell’impatto libera sei lame che eliminano in modo chirurgico l’obiettivo evitando il rischio di vittime collaterali
Ondata di migranti, Trump silura la ministra
Ondata di migranti, Trump silura la ministra
Kirstjen Nielsen, ministro dell’interno dal 2017, accusata di non aver saputo fermare l’ondata di migranti che continua a premere al confine con il Messico. Al suo posto il commissario per le dogane e i confini
Michael Madsen arrestato per guida in stato di ebbrezza
Michael Madsen arrestato per guida in stato di ebbrezza
Il duro per eccellenza dei film di Quentin Tarantino finisce per la seconda volta dietro le sbarre perché guidava con troppo alcol in corpo
Matteo, Antonio e Chiara.
Gelosia, odio, soldi e la vendetta
Matteo, Antonio e Chiara.<br> Gelosia, odio, soldi e la vendetta
Tre delitti con un denominatore comune: gelosia, soldi e odio. Sequestrati beni del medico Vip, uccise la moglie per "la sua immagine"; Roberta Ragusa sparita per non perdere "il reddito". Chiara Alessandri: "Ballerei sulla sua tomba"
"Mai dimenticherò il tuo sorriso..."
"Mai dimenticherò il tuo sorriso..."
Commosso messaggio della grande alpinista francese Elisabeth Revol a Daniele Nardi e Tom Ballard. "Felice di avere imparato da lui, di essere ispirata, in una stella ritroverò il tuo sguardo"
Emanuela, i suoi resti nel cimitero teutonico?
Emanuela, i suoi resti nel cimitero teutonico?
Una lettera anonima inviata alla famiglia nell'estate scorsa indica una tomba in cui sarebbe stato nascosto il corpo di Emanuela. Chiesta la riapertura al Vaticano, presto la risposta. Dettagli inquietanti
"Rivivo l'incubo di 24 anni fa"
"Rivivo l
Jim Ballard, il padre di Tom, rievoca le ore in cui la moglie Alison morì travolta da un Ana valanga durante la discesa dal k2 nel 1995
NANGA PARBAT KILLER DEGLI ALPINISTI
La tenda vuota e invasa dalla neve
NANGA PARBAT KILLER DEGLI ALPINISTI<br>La tenda vuota e invasa dalla neve
Daniele Nardi e Tom Ballard in silenzio radio da domenica, a oltre 6mila metri del Nanga Pargat (8162 mt. Riprese le ricerche con l'elicottero. Alpinisti esperti e preparati, la sfida allo Sperone Mummery
Uccide la madre a la mangia insieme al cane
Uccide la madre a la mangia insieme al cane
La vita difficile fra madre e figlio si trasforma in una tragedia dai contorni macabri: dopo l’omicidio, il giovane ha sezionato il corpo della madre per mangiarlo, dividendolo con il suo cane. A dare l'allarme un'amica della vittima