Catch and Kill: l’affondo di Ronan Farrow

| Un libro, assicura il giornalista più influente d'America, per cui diversi volti noti saranno costretti a presentarsi davanti alla giustizia. Fra i tanti anche suo padre, Woody Allen

+ Miei preferiti
Per Ronan Farrow, grazie al premio Pulitzer e all’inchiesta che ha svelato il mondo di mezzo di Harvey Weinstein, lo scandalo non si è ancora concluso. Anzi, siamo solo all’inizio.

Figlio di Mia Farrow e Woody Allen, schierato apertamente dalla parte della mamma contro gli atteggiamenti del padre, Ronan si è trasformato di colpo in uno dei più affermati reporter del mondo. Un ragazzo di bell’aspetto, occhi azzurri profondi e capelli biondi, ma con un fiuto infallibile, lo stesso che gli ha fatto annunciare, poche ore fa, l’ennesimo capitolo sullo scandalo Weinstein.

L’idea su cui lavora Farrow, dopo aver assestato un ko tecnico anche a Eric Schneiderman, il general attorney di New York che indagava sulle molestie, finito sotto il peso dello stesso genere di accuse, è un libro, ma che questa volta non si limita a svelare le storie citandole con un volo d’angelo impalpabile, ma che scenda nei dettagli, per raccontare a tutti di quanta violenza e di quali minacce era capace gente come l’ex produttore di Hollywood.

“Le rivelazioni più incredibili devono ancora arrivare”, ha dichiarato anticipando in modo efficace un libro che ancor prima di essere completato fa tremare Hollywood e dintorni. Sconti, prosegue Ronan, per nessuno: “Ci saranno ripercussioni penali per un bel po’ di uomini verso i quali sono state sollevate accuse: Woody Allen è fra questi”.

 Il titolo “Catch and Kill”, caccia e uccidi, la dice tutta e sposa in pieno il movimento #MeToo.

Tutto questo mentre nelle librerie d’America è appena uscito “War on Peace: the end of Diplomacy and the Decline of American Influence”, una raccolta di interviste di Ronan Farrow a tutti i segretari di stato ancora in vita, compreso Rex Tillerson, ex dirigente della “ExxonMobil” rimasto in carica soltanto un anno, dal febbraio 2017 al marzo scorso, quando è stato sollevato dall’incarico dal presidente Trump, ufficialmente per una politica estera troppo in linea con le amministrazioni precedenti. Ufficiosamente per alcune sue uscite, come quella dell’ottobre 2017, quando Tillerson definisce pubblicamente Trump “a moron”, più o meno un deficiente. La tesi del volume, quella che in diversi teatri mondiali che hanno coinvolto l’America, l’uso indiscriminato della forza abbia prevalso sulla diplomazia, con risultati spesso nefasti.

60 secondi
La Cina lancia il primo modulo della nuova stazione spaziale
La Cina lancia il primo modulo della nuova stazione spaziale
Il progetto prevede che la nuova stazione spaziale sia pronta entro il prossimo anno. Le ambizioni spaziali del Paese rinforzate da un recente accordo con la Russia
GB, raggiunta l’immunità di gregge. Forse
GB, raggiunta l’immunità di gregge. Forse
Secondo gli studi di un ateneo inglese, oggi il Paese dovrebbe raggiunge la soglia dell’immunità di gregge. Ma questo, ricordano gli esperti, non mette al riparo da possibili nuove ondate
Sarkozy di nuovo alla sbarra
Sarkozy di nuovo alla sbarra
Dopo la condanna per corruzione, l’ex presidente deve rispondere di finanziamento illecito della campagna elettorale del 2012: per risalire nei sondaggi avrebbe speso 43 milioni di euro contro un tetto massimo di 22,5
Addio a Kyal Sin, l’angelo delle proteste in Myanmar
Addio a Kyal Sin, l’angelo delle proteste in Myanmar
Aveva solo 19 anni ed era sempre in prima fila: è stata raggiunta da numerosi proiettili alla testa nel corso degli scontri a Mandalay. Chiamata “Angel”, era considerata uno dei simboli della protesta
Le allegre guardie di Sua Maestà
Le allegre guardie di Sua Maestà
Ben 13 uomini dei 60 di stanza al castello di Windsor come protezione della Regina e del Principe Filippo, si sono allontanati per partecipare ad una festa. La punizione è stata esemplare
Al via il processo per gli attentati di Parigi
Al via il processo per gli attentati di Parigi
Sono 14 gli imputati che devono rispondere di favoreggiamento e appoggio ai terroristi che nel gennaio del 2015 fecero strage nella sede di “Charlie Hebdo” e nell’Hyper Cacher
Cina, lo show del funzionario corrotto
Cina, lo show del funzionario corrotto
Lai Xiaomin nascondeva tre tonnellate di banconote nei suoi appartamenti: gli servivano per mantenere un centinaio di amanti e vivere come un sovrano
Dove è diretto Juan Carlos?
Dove è diretto Juan Carlos?
L’ex sovrano avrebbe lasciato segretamente la Spagna, ma quale sia la meta finale è diventata una serie di supposizioni che si rincorrono sui media
La vendetta di Donald
La vendetta di Donald
Brad Parscale, responsabile della campagna elettorale del Presidente, rimesso dall’incarico: è considerato il colpevole per il comizio semideserto di Tulsa
Indonesia: pensionato francese arrestato per pedofilia
Indonesia: pensionato francese arrestato per pedofilia
Francois Abello Camille fingeva di essere un fotografo di moda per attirare le giovani vittime nella sua stanza d’albergo: avrebbe violentato più di 300 ragazzini