Delitto Macchi, "Se davvero sai chi è il killer, adesso parla"

| Lidia Macchi fu uccisa nel gennaio 1987 a Varese. E' finito in cella due anni fa con l'accusa di omicidio Stefano Binda, attualmente sotto processo. Le conversazioni intercettate di due testimoni. Una fu l'ultima a vedere Lidia

+ Miei preferiti

Nel delitto Macchi, dopo il colpo di scena dei capelli il cui Dna non è quello dell'uomo in carcere, il giallo delle testimonianza. tra Paola Bonari e Daniela Rotelli, il 22 gennaio e il 23 marzo del 2016 ci fu un scompabio di messaggi, iniziato poco dopo l’arresto di Stefano Binda, il 15 gennaio. I difensori Patrizia Esposito e Sergio Martelli li hanno prodotti alla Corte d’Assise di Varese che processa Stefano Binda per l’omicidio di Lidia Macchi. Daniela Rotelli, 49 anni, mantovana di Bozzolo si mette in contatto con Paola Bonari, sua compagna di università alla Statale di Milano. Paola è l’amica a cui Lidia fa visita all’ospedale di Cittiglio, la sera del 5 gennaio 1987, poco prima di essere assassinata con 29 coltellate. È la telefonata intercettata il 9 febbraio 2016 alle 21.38. «Perché - dice Bonari - comunque lui conosce tutte le vicende bene... cioè certamente se è una cosa che può essere utile non ti impedisce, non ti dissuade ma magari ti dà un consiglio, cioè ... spassionato, anche magari eventualmente su come muoverti su chi sentire così». Daniela annuisce. «Cioè - prosegue Paola - non mi sembrerebbe una cosa così cioè male non fa e magari ti... lì ti da qualche idea invece, per dire ... te capì». Paola invita Daniela a pensarci bene su casa sa o non sa «Bene, sono, come dirti, Daniela... cioè vedo più la bellezza del delitto, ecco, diciamo così, anche se si parla di un delitto, vedo più la bellezza della persona, l’amicizia, capito così sono un po’ stupita di per sé per questa cosa e niente, mi sembra che uno sguardo ... potente». Nella telefonata dell’8 marzo, si parla della mail che la Rotelli si è decisa a inviare all’avvocato, senza risposta. Daniela ribadisce alla Bonari il pensiero che ha in testa da gennaio. L’altra la invita a non esagerare,. Con due sms, alle 22.57, Daniela Rotelli ringrazia. «Grazie Paola per avermi detto di scollarmi, io credevo di aver rimosso tutto, ma quelle parole devono avermi lasciato un segno e mi sono spaventata». E subito dopo: «Fatto bello e inaspettato è che ti ho ritrovato». 

Sulla questione dei capelli invece, periti e consulenti sono giunti alla stessa conclusione - ha spiegato uno dei difensori, l'avvocato Patrizia Esposito - i capelli non appartengono a Binda, e non si sa di chi siano”.  I reperti era stati trovati sul cadavere di Lidia Macchi.  Quattro capelli di un 'ignoto', che non appartengono alla vittima e non sono attribuibili all'imputato Stefano Binda, erano stati infatti trovati sui resti di Lidia Macchi, la studentessa di Varese massacrata con 29 coltellate nel gennaio 1987. Lo hanno riferito i periti nel corso dell'udienza davanti al gip di Varese Anna Giorgetti con al centro gli accertamenti, disposti con la formula dell'incidente probatorio, sul cadavere riesumato nel marzo del 2016.    Cattaneo e il comandante del Ris di Parma Giampietro Lago, e i consulenti dei difensori di Binda e della Procura generale di Milano, hanno esposto i risultati delle lunghe analisi. Sono stati estrapolati circa seimila reperti tra peli e capelli. Fra questi, quattro capelli non appartengono a Lidia Macchi o a persone del suo gruppo familiare.Attraverso la comparazione con il Dna i periti hanno "escluso con certezza" che siano riconducibili a Binda, l'uomo accusato di aver ucciso la ragazza, sotto processo davanti alla Corte d'Assise di Varese. L'imputato, oggi presente in aula, si è sempre proclamato innocente. La salma verrà quindi restituita ai familiari.    

60 secondi
Ondata di migranti, Trump silura la ministra
Ondata di migranti, Trump silura la ministra
Kirstjen Nielsen, ministro dell’interno dal 2017, accusata di non aver saputo fermare l’ondata di migranti che continua a premere al confine con il Messico. Al suo posto il commissario per le dogane e i confini
Michael Madsen arrestato per guida in stato di ebbrezza
Michael Madsen arrestato per guida in stato di ebbrezza
Il duro per eccellenza dei film di Quentin Tarantino finisce per la seconda volta dietro le sbarre perché guidava con troppo alcol in corpo
Matteo, Antonio e Chiara.
Gelosia, odio, soldi e la vendetta
Matteo, Antonio e Chiara.<br> Gelosia, odio, soldi e la vendetta
Tre delitti con un denominatore comune: gelosia, soldi e odio. Sequestrati beni del medico Vip, uccise la moglie per "la sua immagine"; Roberta Ragusa sparita per non perdere "il reddito". Chiara Alessandri: "Ballerei sulla sua tomba"
"Mai dimenticherò il tuo sorriso..."
"Mai dimenticherò il tuo sorriso..."
Commosso messaggio della grande alpinista francese Elisabeth Revol a Daniele Nardi e Tom Ballard. "Felice di avere imparato da lui, di essere ispirata, in una stella ritroverò il tuo sguardo"
Emanuela, i suoi resti nel cimitero teutonico?
Emanuela, i suoi resti nel cimitero teutonico?
Una lettera anonima inviata alla famiglia nell'estate scorsa indica una tomba in cui sarebbe stato nascosto il corpo di Emanuela. Chiesta la riapertura al Vaticano, presto la risposta. Dettagli inquietanti
"Rivivo l'incubo di 24 anni fa"
"Rivivo l
Jim Ballard, il padre di Tom, rievoca le ore in cui la moglie Alison morì travolta da un Ana valanga durante la discesa dal k2 nel 1995
NANGA PARBAT KILLER DEGLI ALPINISTI
La tenda vuota e invasa dalla neve
NANGA PARBAT KILLER DEGLI ALPINISTI<br>La tenda vuota e invasa dalla neve
Daniele Nardi e Tom Ballard in silenzio radio da domenica, a oltre 6mila metri del Nanga Pargat (8162 mt. Riprese le ricerche con l'elicottero. Alpinisti esperti e preparati, la sfida allo Sperone Mummery
Uccide la madre a la mangia insieme al cane
Uccide la madre a la mangia insieme al cane
La vita difficile fra madre e figlio si trasforma in una tragedia dai contorni macabri: dopo l’omicidio, il giovane ha sezionato il corpo della madre per mangiarlo, dividendolo con il suo cane. A dare l'allarme un'amica della vittima
MENO UNO, AIUTI UMANITARI AI CONFINI
MENO UNO, AIUTI UMANITARI AI CONFINI
L'ambasciatrice in Brasile nominata dal presidente ad interim sta coordinando le operazioni prima dell'invio, previsto per le prime ore di domani. Maduro manda i blindati. Ma Guaidò pronto a resistere "in modo pacifico"
Ma Brasile e Colombia inviano soldati'>MADURO INSULTA GUAIDO'
Ma Brasile e Colombia inviano soldati
MADURO INSULTA GUAIDOMa Brasile e Colombia inviano soldati' class='article_img2'>
Il dittatore chavista alla cerimonia per la laurea di 128 medici ("Fate come Che Guevara") sferra un duro attacco al presidente ad interim. Colonnello si ribella al regime e invita i militari a non impedire l'invio di aiuti umanitari