Dio salvi la patente

| Il numero uno della Lotus beccato in flagrante dalla polizia mentre sfrecciava con una delle sue auto. Per scongiurare la sospensione della patente, ha messo in moto i legali ma anche la stampa, che da giorni lo massacra

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Forse, se per tutta la vita costruisci mietitrebbie, prima o poi in un campo ci finisci. Allo stesso modo, se sotto le stanghette degli occhiali ti passano da anni bolidi su bolidi è solo questione di tempo, ma un acceleratore lo manderai a fondo corsa. Matematico.

Una premessa utile per raccontare l’avventura dai risvolti tragicomici di Jean-Marc Gales, Ceo della “Lotus Cars”, storico marchio specializzato in vetture estreme di Hethel, Inghilterra. Quela settimana fa, mister Gales si è lasciato prendere la mano, spingendo la sua Lotus fino a 160 km/h in un tratto in cui vigeva il ferreo limite di 110. Vabbé, fosse finita qui, ci sarebbe perfino da capirlo e sorriderci sopra, ma visto che le regole della strada inglesi sono inflessibili con chiunque beccato a non rispettare questo tipo di reati, Gales ha messo in moto un meccanismo impeccabile per limitare i danni della sua impresa ad una multa, senza alcuna ripercussione.

Una pattuglia dei suoi legali si è presentata in tribunale dopo aver costruito una tesi che i giornali hanno definito “surreale”: Gales, secondo gli avvocati, si sentiva moralmente obbligato a testare di persona la bontà delle vetture Lotus, avvertendo la forte responsabilità di rispondere in prima persona dei destini del marchio fondato nel 1952 dall’ex pilota Colin Chapman. La memoria difensiva si concludeva con un’aggiunta poco felice, “Gales guidava forte, ma con cognizione di causa perché sa guidare bene”, e l’auspicio che il numero uno della Lotus potesse continuare a svolgere i propri compiti, “nell’interesse stesso dell’Inghilterra”.

Ma la pagina peggiore di questa storia è la decisione del tribunale, che invece di azzerargli i 12 punti della patente, privandolo per almeno sei mesi della possibilità di guidare, ha accolto l’improbabile tesi difensiva a 1.300 euro e una tirata d’orecchi.

Il resto va da sé: sulla vicenda sono piombati uno dopo l’altro tutti i giornali inglesi, che nel più tipico humor anglosassone hanno concluso che alla Lotus sono proprio bravi: oltre a realizzare auto sportive, sanno anche come aggirare la legge.

Uomo d’affari laureato in scienze manageriali e ingegneria meccanica, classe 1964, lussemburghese di nascita, Jean-Marc Gales vanta una carriera di tutto rispetto ai vertici del mondo dell’auto: nel 1990 entra in BMW dove occupa diversi ruoli dirigenziali, nove anni dopo passa alla Volkswagen, per transitare subito dopo anche dal gruppo americano General Motors. Nel 2006 lo chiamano per ricoprire il ruolo di Direttore Commerciale della rete Mercedes-Benz, tre anni dopo diventa amministratore delegato di Citroën, per poi approdare nel gennaio del 2012 alla Lotus Cars.

60 secondi
Logli trasferito a Massa ma ora deve pagare le parcelle
Logli trasferito  a Massa ma ora deve pagare le parcelle
Antonio Logli, condannato a 20 anni per avere ucciso la moglie Roberta Ragusa, sconterà la pena nel carcere di Massa. Ma adesso deve pagare oltre 156mila euro di parcelle agli avvocati-amici. Ipotecate le proprietà
Amanda giura: 'Nessuna truffa, mi sposo nel 2020'
Amanda giura:
La Knox, presa di mira dagli haters che l'accusavano di avere promosso una raccolta di fondi per celebrare un matrimonio già avvenuta, scrive una lunga lettera all'Ansa in cui respinge le accuse
Dillinger è morto, Dillinger 'resuscita'
Dillinger è morto, Dillinger
Il corpo del celebre bandito Usa, ucciso dall'FBI nel '34, sarà riesumato su richiesta dei familiari dalla tomba blindata dove riposa a Indianapolis. Tradito dalla "signora in rosso"
PRESI GLI ASSASSINI ERANO IN UN ALBERGO DI LUSSO
PRESI GLI ASSASSINI ERANO IN UN ALBERGO DI LUSSO
Assieme a un altro militare, ferito a sua volta, stavano fermando due malviventi che avevano appena rapinato una donna al quartiere Prati. Tentavano un'estorsione e hanno ucciso per sfuggire alle manette
Logli licenziato, in arrivo pioggia di risarcimenti
Logli licenziato, in arrivo pioggia di risarcimenti
Il marito assassino di Roberta Ragusa è detenuto in una cella singola. Subito licenziato, con stipendio sospeso dal Comune dove lavorava. Sorvegliato a vista, per evitare gesti autolesivi. L'amante resta sola
I seguaci di Panzironi 'provare per credere'
I seguaci di Panzironi
Affollato meeting a Roma con il "guru" delle diete in grado di farci vivere felicemente per 120 anni. Vende integratori ma si definisce solo "un giornalista". Espulso dall'Ordine Nazionale
I dipendenti di Sephora a scuola di antirazzismo
I dipendenti di Sephora a scuola di antirazzismo
È successo negli Stati Uniti, dopo un caso denunciato da SZA, una cantante soul fermata perché sospettata di furto: secondo lei, solo a causa della sua pelle
Bourkina Faso, uccisi 5 cattolici e il prete
Bourkina Faso, uccisi 5 cattolici e il prete
Ancora un raid islamico contro le chiese dopo le stragi dello Sri-Lanka. Secondo attacco in Bourkina in pochi giorni. E' accaduto a Dablo, nel Nord. Attacco durante la messa. Scopo chiaro: spazzare via cattolici e cristiani dall'Africa
Ninja Bomb, il missile americano top-secret
Ninja Bomb, il missile americano top-secret
Non esplode perché privo di cariche, ma poco prima dell’impatto libera sei lame che eliminano in modo chirurgico l’obiettivo evitando il rischio di vittime collaterali
Ondata di migranti, Trump silura la ministra
Ondata di migranti, Trump silura la ministra
Kirstjen Nielsen, ministro dell’interno dal 2017, accusata di non aver saputo fermare l’ondata di migranti che continua a premere al confine con il Messico. Al suo posto il commissario per le dogane e i confini