I dipendenti di Sephora a scuola di antirazzismo

| È successo negli Stati Uniti, dopo un caso denunciato da SZA, una cantante soul fermata perché sospettata di furto: secondo lei, solo a causa della sua pelle

+ Miei preferiti
Lo scorso aprile SZA, nome d’arte dell’artista americana Solána Imani Rowe, aveva scelto di raccontare sui suoi profili social la spiacevole avventura vissuta all’interno del punto vendita “Sephora” di Calabasas, in California. La cantante, nata in Missouri da genitori nigeriani e artista di punta della scena “Alternative R&B” e “Neo Soul”, era stata fermata da un dipendente mentre si aggirava tranquillamente all’interno del negozio. Lo zelante commesso aveva chiesto l’intervento della sicurezza chiedendo di verificare se SZA, di cui ignorava l’identità, avesse rubato qualcosa dagli scaffali. Secondo l’artista, una reazione che non poteva avere altro motivo se non il colore della pelle.

Il racconto aveva scatenato l’indignazione e una valanga di insulti all’indirizzo del colosso francese della profumeria, costringendo l’azienda a chiedere scusa pubblicamente, oltre ad assicurare che sarebbero stati presi provvedimenti.

I provvedimenti sono diventati realtà lo scorso mercoledì, quando i clienti dei punti vendita “Sephora” di tutti gli Stati Uniti hanno trovato ovunque le serrande abbassate. Quel giorno, i dipendenti sono stati cortesemente invitati dalla direzione a seguire un corso di aggiornamento che come temi principali aveva l’inclusione, la diversità e l’antirazzismo.

Un caso molto simile era accaduto a Philadelphia lo scorso all’interno di una caffetteria “Starbucks”, grande catena molto popolare e diffusissima negli Stati Uniti, dove due ragazzi di colore erano stati arrestati su segnalazione di un commesso con l’accusa di furto. I due malcapitati sono stati rilasciati poco dopo, del tutto innocenti, mettendo in grande imbarazzo i vertici di Starbucks.

Eppure, secondo quanto riportano i portavoce di Sephora, catena fondata nel 1973 in Francia e acquisita vent’anni dopo dalla potente “LVMH” (Louis Vuitton and Moet Hennessy), oggi presente i 17 paesi con 750 punti vendita, la giornata di chiusura non avrebbe nulla a che fare con lo spiacevole episodio denunciato da SZA, ma rientrerebbe nell’ambito del programma “We Belong to Something Beautiful” creato con l’idea di “valorizzare le differenze”.

Galleria fotografica
I dipendenti di Sephora a scuola di antirazzismo - immagine 1
60 secondi
Le allegre guardie di Sua Maestà
Le allegre guardie di Sua Maestà
Ben 13 uomini dei 60 di stanza al castello di Windsor come protezione della Regina e del Principe Filippo, si sono allontanati per partecipare ad una festa. La punizione è stata esemplare
Al via il processo per gli attentati di Parigi
Al via il processo per gli attentati di Parigi
Sono 14 gli imputati che devono rispondere di favoreggiamento e appoggio ai terroristi che nel gennaio del 2015 fecero strage nella sede di “Charlie Hebdo” e nell’Hyper Cacher
Cina, lo show del funzionario corrotto
Cina, lo show del funzionario corrotto
Lai Xiaomin nascondeva tre tonnellate di banconote nei suoi appartamenti: gli servivano per mantenere un centinaio di amanti e vivere come un sovrano
Dove è diretto Juan Carlos?
Dove è diretto Juan Carlos?
L’ex sovrano avrebbe lasciato segretamente la Spagna, ma quale sia la meta finale è diventata una serie di supposizioni che si rincorrono sui media
La vendetta di Donald
La vendetta di Donald
Brad Parscale, responsabile della campagna elettorale del Presidente, rimesso dall’incarico: è considerato il colpevole per il comizio semideserto di Tulsa
Indonesia: pensionato francese arrestato per pedofilia
Indonesia: pensionato francese arrestato per pedofilia
Francois Abello Camille fingeva di essere un fotografo di moda per attirare le giovani vittime nella sua stanza d’albergo: avrebbe violentato più di 300 ragazzini
Il selfie infelice di Amanda Knox
Il selfie infelice di Amanda Knox
L’ex studentessa di Seattle si è fotografata con addosso felpa e pantaloni che indossava nei quattro anni di galera trascorsi in Italia
La fine dell’angelo della Grenfell Tower
La fine dell’angelo della Grenfell Tower
Nel marzo di un anno fa, la dottoressa Deborah Lamont è stata trovata senza vita nella stanza di un hotel, ma l’inchiesta si è chiusa in questi giorni. Era stata fra le prima a portare aiuto alle vittime del rogo del grattacielo londinese
Logli trasferito a Massa ma ora deve pagare le parcelle
Logli trasferito  a Massa ma ora deve pagare le parcelle
Antonio Logli, condannato a 20 anni per avere ucciso la moglie Roberta Ragusa, sconterà la pena nel carcere di Massa. Ma adesso deve pagare oltre 156mila euro di parcelle agli avvocati-amici. Ipotecate le proprietà
Amanda giura: 'Nessuna truffa, mi sposo nel 2020'
Amanda giura:
La Knox, presa di mira dagli haters che l'accusavano di avere promosso una raccolta di fondi per celebrare un matrimonio già avvenuta, scrive una lunga lettera all'Ansa in cui respinge le accuse