La fine dell’angelo della Grenfell Tower

| Nel marzo di un anno fa, la dottoressa Deborah Lamont è stata trovata senza vita nella stanza di un hotel, ma l’inchiesta si è chiusa in questi giorni. Era stata fra le prima a portare aiuto alle vittime del rogo del grattacielo londinese

+ Miei preferiti
La notte del 14 giugno 2017, quella in cui la “Grenfell Tower” di Londra è diventata un tizzone alto 24 piani che ha ucciso 72 persone, Deborah Lamont era stata fra le prime ad arrivare sul posto: lavorava a Dinas Powys, una cittadina del Galles, ed era saltata sul primo treno disponibile per Londra con l’idea di dare il proprio contributo di fronte all’immensa tragedia che si stava consumando. Aveva 44 anni ed era un medico della “Croce Rossa” britannica: in tanti anni passati ad attraversare di notte le strade di cose orribili ne aveva viste fin troppe, ma un grattacielo pieno di gente che bruciava come un fiammifero, quello mai.

Da quella notte l’avevano soprannominata “l’angelo del Grenfell”: aveva fatto tutto quello che era nelle sue possibilità per salvare e confortare chi usciva dall’inferno della Grenfell, ferito dentro e fuori. E mesi dopo aveva ricevuto la “Henry Dunant”, la più alta onorificenza che la Croce Rossa prevista per i propri membri. Lei aveva commentato con gli lucidi: “Niente avrebbe potuto prepararci al terribile spettacolo che ci aspettava quella notte. La zona era buia e invasa dal fumo: la gente era sfinita, arrabbiata e smarrita, cercavamo di ascoltarli e calmarli. È stato emotivamente molto difficile e non dimenticherò mai le scene che ho visto, ma sarei pronta a offrirmi di nuovo volontaria, perché questa è la ragione per cui ho scelto di diventare un medico”.

Tanto brava a curare ed aiutare il prossimo, ma incapace di sopravvivere a se stessa, il 28 marzo dello scorso anno Deborah Lamont è stata trovata morta, appesa ad un cappio nella stanza di un hotel. Ma la conclusione dell’inchiesta, che ha stabilito si sia trattato di suicidio, è stata resa nota soltanto in queste ore.

Da anni, dice chi la conosceva, Deborah lottava contro una profonda forma di depressione, alternando momenti di buio assoluto ad altri in cui, bene o male, riusciva ad affrontare il mondo. A peggiorare la situazione il divorzio dal marito, a cui era legatissima.

Nelle ore precedenti al suicidio fra chi la conosceva c’era forte preoccupazione: l’avevano sentita particolarmente giù, senza forze. Jim Rees, un collega della Croce Rossa con cui aveva avuto una breve relazione, ha riferito che il pomeriggio precedente alla morte aveva ricevuto una serie di SMS allarmanti: “La mia vita è diventata opprimente”, “Credo che l’unico modo per non sentire più dolore sia morire”. Poi l’ultimo: “Il mio tempo su questa terra è finito: è arrivata la mia ora”. L’uomo l’ha chiamata cercando di calmarla e rassicurarla: “Le ho detto che si trattava di momenti no, che bene o male provano tutti, e così come arrivano, se ne vanno. Le ho ricordato che aveva molto da offrire e che tanta gente contava su di lei”. Subito dopo Rees chiama il 999, e qualche minuto più tardi due agenti di polizia bussano alla stanza del “Village Hotel” di Cardiff in cui la dottoressa Lamont alloggiava. Gli agenti la trovano in stato confusionale e in lacrime: notano nell’aria un forte odore di alcol e le prove di un fallito tentativo di impiccagione. Il detective Barry Simpson ricorda che dopo una decina di minuti il suo umore era migliorato in modo “considerevole” prima dell’arrivo dei paramedici e dello stesso Jim Rees, accorso sul posto. Gli agenti erano in dubbio: non sapevano se obbligare la dottoressa Lamont a seguirli in un centro specializzato, ai sensi dell’articolo 136 della legge sulla salute mentale. Lo stesso pensiero dei paramedici, poco convinti di lasciarla da sola. Ma Deborah era stata brava a mentire, assicurando che si era trattato di uno sbaglio e che non aveva alcuna intenzione di togliersi la vita. Insiste per restare, e dopo lunghe discussioni la accontentano: Deborah si sente meglio, ringrazia tutti e si scusa per il fastidio che ha arrecato.

Alle 23:30 la direzione dell’hotel chiama la stazione polizia chiedendo di mandare qualcuno: una donna si era appena impiccata.

Galleria fotografica
La fine dell’angelo della Grenfell Tower - immagine 1
60 secondi
GB, raggiunta l’immunità di gregge. Forse
GB, raggiunta l’immunità di gregge. Forse
Secondo gli studi di un ateneo inglese, oggi il Paese dovrebbe raggiunge la soglia dell’immunità di gregge. Ma questo, ricordano gli esperti, non mette al riparo da possibili nuove ondate
Sarkozy di nuovo alla sbarra
Sarkozy di nuovo alla sbarra
Dopo la condanna per corruzione, l’ex presidente deve rispondere di finanziamento illecito della campagna elettorale del 2012: per risalire nei sondaggi avrebbe speso 43 milioni di euro contro un tetto massimo di 22,5
Addio a Kyal Sin, l’angelo delle proteste in Myanmar
Addio a Kyal Sin, l’angelo delle proteste in Myanmar
Aveva solo 19 anni ed era sempre in prima fila: è stata raggiunta da numerosi proiettili alla testa nel corso degli scontri a Mandalay. Chiamata “Angel”, era considerata uno dei simboli della protesta
Le allegre guardie di Sua Maestà
Le allegre guardie di Sua Maestà
Ben 13 uomini dei 60 di stanza al castello di Windsor come protezione della Regina e del Principe Filippo, si sono allontanati per partecipare ad una festa. La punizione è stata esemplare
Al via il processo per gli attentati di Parigi
Al via il processo per gli attentati di Parigi
Sono 14 gli imputati che devono rispondere di favoreggiamento e appoggio ai terroristi che nel gennaio del 2015 fecero strage nella sede di “Charlie Hebdo” e nell’Hyper Cacher
Cina, lo show del funzionario corrotto
Cina, lo show del funzionario corrotto
Lai Xiaomin nascondeva tre tonnellate di banconote nei suoi appartamenti: gli servivano per mantenere un centinaio di amanti e vivere come un sovrano
Dove è diretto Juan Carlos?
Dove è diretto Juan Carlos?
L’ex sovrano avrebbe lasciato segretamente la Spagna, ma quale sia la meta finale è diventata una serie di supposizioni che si rincorrono sui media
La vendetta di Donald
La vendetta di Donald
Brad Parscale, responsabile della campagna elettorale del Presidente, rimesso dall’incarico: è considerato il colpevole per il comizio semideserto di Tulsa
Indonesia: pensionato francese arrestato per pedofilia
Indonesia: pensionato francese arrestato per pedofilia
Francois Abello Camille fingeva di essere un fotografo di moda per attirare le giovani vittime nella sua stanza d’albergo: avrebbe violentato più di 300 ragazzini
Il selfie infelice di Amanda Knox
Il selfie infelice di Amanda Knox
L’ex studentessa di Seattle si è fotografata con addosso felpa e pantaloni che indossava nei quattro anni di galera trascorsi in Italia