MENO UNO, AIUTI UMANITARI AI CONFINI

| L'ambasciatrice in Brasile nominata dal presidente ad interim sta coordinando le operazioni prima dell'invio, previsto per le prime ore di domani. Maduro manda i blindati. Ma Guaidò pronto a resistere "in modo pacifico"

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

María Teresa Belandria, ambasciatrice designata da Guaidó come rappresentante del Venezuela in Brasile, rivela come si svolgerà la giornata degli aiuti umanitari destinati al suo Paese stremato dalla miseria e dalla fame. Domani dalla frontiera con il Brasile, partiranno i primi convogli che rischiano però di trovarsi di fronte i carri armati di Maduro mentre Guaidò ha precisato che opporranno una resistenza "pacifica". A proposito. Il governo non riesce a pagare i pensionati, gli ospedali sono in rovina, i trasporti purure, idem società elettrica e acquedotti, fgli spendi sono eridicoli, l’inflazione ha raggiunto livelli da fantascienza ma il regime attacca Guaidò con insulti e minacce, deciso a bloccare gli aiuti anche con la violenza.  "Credo che da parte venezuelana c'è una società molto organizzata. Le comunità indigene e diverse ONG hanno lavorato per arrivare a questo punto. È importante ricevere questo aiuto perché questa zona del paese si trova in condizioni deplorevoli", ha detto Belandria in esclusiva per El Nacional. 

Ha indicato che l'Ambasciata del Venezuela ha lavorato insieme alla Task Force Interministeriale Brasiliana nella pianificazione e nel coordinamento dei centri di raccolta che sono stati installati nello stato di Roraima.

Ha sottolineato che le autorità brasiliane parteciperanno alla consegna dell'aiuto. Tuttavia, ha ritenuto improbabile la partecipazione del presidente Jair Bolsonaro a causa del fatto che si è recentemente sottoposto ad un intervento chirurgico. 

"Abbiamo lavorato con il governo del Brasile in tutta la gestione per l'ingresso dell'aiuto umanitario nel nostro paese. Il governo brasiliano ha nominato per questo evento un gruppo composto dal Ministero degli Affari Esteri, dal Ministero della Difesa brasiliano, dalla Polizia Federale, dalla Polizia dell'Immigrazione, dal Servizio Doganale e dalla Polizia di Sicurezza Ferroviaria”. L’ambasciatrice ha indicato che, anche se questa azione è stata promossa dalla comunità internazionale, saranno gli stessi venezuelani che aiuteranno nel reddito delle risorse per aiutare i cittadini che hanno bisogno di cibo e medicine. "Questa operazione è una collaborazione di altri paesi, ma gli aiuti arriveranno attraverso i venezuelani e le attività che si svolgeranno a livello politico e umanitario sono venezuelane per i fratelli che ne hanno bisogno”.

Egli ha sostenuto che questa attività è un passo nel percorso proposto dall'Assemblea Nazionale e ha sottolineato che può avere un impatto per raggiungere la "cessazione dell’usurpazione". Belandria respinge il rifiuto di Nicolás Maduro di consentire l'ingresso degli aiuti. Ha sottolineato che si tratta di una violazione dei diritti umani dei venezuelan e che i medicinali e il cibo sono anche per le famiglie dei militari che ne hanno bisogno. "Questo è un passo importante perché significherà un prima e un dopo nella posizione che le Forze Armate dovrebbero adottare, perché è mettere la mano sul cuore e chiedersi se non lascerete entrare ciò che può aiutare la vostra famiglia”. Ha detto che i cittadini possono contare sugli sforzi dell'ambasciata venezuelana in Brasile e che quando ci sarà un cambio di governo, continuerà a lavorare a favore dei venezuelani in quel paese. "Nel momento in cui cessa l'usurpazione, l'ambasciata sarà uno spazio per i venezuelani indipendentemente dalle posizioni politiche. A coloro che rimangono in Venezuela, dico che la libertà è vicina e che presto ci incontreremo di nuovo.

María Teresa Belandria è riconosciuta come ambasciatrice venezuelana in Brasile. Ha sottolineato che è l'unica autorità che mantiene i contatti con il governo di Jair Bolsonaro. 

60 secondi
Il selfie infelice di Amanda Knox
Il selfie infelice di Amanda Knox
L’ex studentessa di Seattle si è fotografata con addosso felpa e pantaloni che indossava nei quattro anni di galera trascorsi in Italia
La fine dell’angelo della Grenfell Tower
La fine dell’angelo della Grenfell Tower
Nel marzo di un anno fa, la dottoressa Deborah Lamont è stata trovata senza vita nella stanza di un hotel, ma l’inchiesta si è chiusa in questi giorni. Era stata fra le prima a portare aiuto alle vittime del rogo del grattacielo londinese
Logli trasferito a Massa ma ora deve pagare le parcelle
Logli trasferito  a Massa ma ora deve pagare le parcelle
Antonio Logli, condannato a 20 anni per avere ucciso la moglie Roberta Ragusa, sconterà la pena nel carcere di Massa. Ma adesso deve pagare oltre 156mila euro di parcelle agli avvocati-amici. Ipotecate le proprietà
Amanda giura: 'Nessuna truffa, mi sposo nel 2020'
Amanda giura:
La Knox, presa di mira dagli haters che l'accusavano di avere promosso una raccolta di fondi per celebrare un matrimonio già avvenuta, scrive una lunga lettera all'Ansa in cui respinge le accuse
Dillinger è morto, Dillinger 'resuscita'
Dillinger è morto, Dillinger
Il corpo del celebre bandito Usa, ucciso dall'FBI nel '34, sarà riesumato su richiesta dei familiari dalla tomba blindata dove riposa a Indianapolis. Tradito dalla "signora in rosso"
PRESI GLI ASSASSINI ERANO IN UN ALBERGO DI LUSSO
PRESI GLI ASSASSINI ERANO IN UN ALBERGO DI LUSSO
Assieme a un altro militare, ferito a sua volta, stavano fermando due malviventi che avevano appena rapinato una donna al quartiere Prati. Tentavano un'estorsione e hanno ucciso per sfuggire alle manette
Logli licenziato, in arrivo pioggia di risarcimenti
Logli licenziato, in arrivo pioggia di risarcimenti
Il marito assassino di Roberta Ragusa è detenuto in una cella singola. Subito licenziato, con stipendio sospeso dal Comune dove lavorava. Sorvegliato a vista, per evitare gesti autolesivi. L'amante resta sola
I seguaci di Panzironi 'provare per credere'
I seguaci di Panzironi
Affollato meeting a Roma con il "guru" delle diete in grado di farci vivere felicemente per 120 anni. Vende integratori ma si definisce solo "un giornalista". Espulso dall'Ordine Nazionale
I dipendenti di Sephora a scuola di antirazzismo
I dipendenti di Sephora a scuola di antirazzismo
È successo negli Stati Uniti, dopo un caso denunciato da SZA, una cantante soul fermata perché sospettata di furto: secondo lei, solo a causa della sua pelle
Bourkina Faso, uccisi 5 cattolici e il prete
Bourkina Faso, uccisi 5 cattolici e il prete
Ancora un raid islamico contro le chiese dopo le stragi dello Sri-Lanka. Secondo attacco in Bourkina in pochi giorni. E' accaduto a Dablo, nel Nord. Attacco durante la messa. Scopo chiaro: spazzare via cattolici e cristiani dall'Africa