Michael Madsen arrestato per guida in stato di ebbrezza

| Il duro per eccellenza dei film di Quentin Tarantino finisce per la seconda volta dietro le sbarre perché guidava con troppo alcol in corpo

+ Miei preferiti
Il leggendario “Mr. Blonde” del film “Le Iene” è nei pasticci: Michael Madsen, attore feticcio di Quentin Tarantino, è stato arrestato a Malibù, in California, per guida in stato di ebbrezza. La grossa Land Rover su cui viaggiava si è schiantata con forza contro un palo: la polizia, all’arrivo sul luogo dell’incidente, ha sentito un “forte odore di alcol”. Sottoposto all’esame, Madsen è risultato positivo, con un tasso alcolemico di 0.10, di poco superiore allo 0.08 previsto i California ma comunque sufficiente a far scattare l’arresto, con cauzione fissata in 15mila dollari.

A dire il vero non è la prima volta che Madsen viene beccato alla guida con troppo alcol in corpo: era successo nel 2012, quando era stato fermato sulla “Pacific Coast Highway”: una bravata che gli era costata 30 giorni di riabilitazione e un trattamento ambulatoriale obbligatorio. Pochi mesi prima, Madsen era stato arrestato per un violento litigio con il figlio, beccato mentre fumava una canna. La vicenda non aveva però avuto alcun seguito per mancanza di prove.

Nato a Chicago del 1957, fratello dell’attrice Virginia Madsen, Michael ha raggiunto il successo nel 1992 con “Le Iene”, pellicola che ha segnato l’inizio di una stretta collaborazione con il regista Quentin Tarantino, per cui ha recitato in “Kill Bill”, “The Hateful Eight” e “Once upon a time in Hollywood”, di prossima uscita. Specializzato nei ruoli di duro, sadico e spietato, nel 2014 ha acquistato una cascinale in provincia di Chieti che considera il suo “buen retiro”.

60 secondi
Le allegre guardie di Sua Maestà
Le allegre guardie di Sua Maestà
Ben 13 uomini dei 60 di stanza al castello di Windsor come protezione della Regina e del Principe Filippo, si sono allontanati per partecipare ad una festa. La punizione è stata esemplare
Al via il processo per gli attentati di Parigi
Al via il processo per gli attentati di Parigi
Sono 14 gli imputati che devono rispondere di favoreggiamento e appoggio ai terroristi che nel gennaio del 2015 fecero strage nella sede di “Charlie Hebdo” e nell’Hyper Cacher
Cina, lo show del funzionario corrotto
Cina, lo show del funzionario corrotto
Lai Xiaomin nascondeva tre tonnellate di banconote nei suoi appartamenti: gli servivano per mantenere un centinaio di amanti e vivere come un sovrano
Dove è diretto Juan Carlos?
Dove è diretto Juan Carlos?
L’ex sovrano avrebbe lasciato segretamente la Spagna, ma quale sia la meta finale è diventata una serie di supposizioni che si rincorrono sui media
La vendetta di Donald
La vendetta di Donald
Brad Parscale, responsabile della campagna elettorale del Presidente, rimesso dall’incarico: è considerato il colpevole per il comizio semideserto di Tulsa
Indonesia: pensionato francese arrestato per pedofilia
Indonesia: pensionato francese arrestato per pedofilia
Francois Abello Camille fingeva di essere un fotografo di moda per attirare le giovani vittime nella sua stanza d’albergo: avrebbe violentato più di 300 ragazzini
Il selfie infelice di Amanda Knox
Il selfie infelice di Amanda Knox
L’ex studentessa di Seattle si è fotografata con addosso felpa e pantaloni che indossava nei quattro anni di galera trascorsi in Italia
La fine dell’angelo della Grenfell Tower
La fine dell’angelo della Grenfell Tower
Nel marzo di un anno fa, la dottoressa Deborah Lamont è stata trovata senza vita nella stanza di un hotel, ma l’inchiesta si è chiusa in questi giorni. Era stata fra le prima a portare aiuto alle vittime del rogo del grattacielo londinese
Logli trasferito a Massa ma ora deve pagare le parcelle
Logli trasferito  a Massa ma ora deve pagare le parcelle
Antonio Logli, condannato a 20 anni per avere ucciso la moglie Roberta Ragusa, sconterà la pena nel carcere di Massa. Ma adesso deve pagare oltre 156mila euro di parcelle agli avvocati-amici. Ipotecate le proprietà
Amanda giura: 'Nessuna truffa, mi sposo nel 2020'
Amanda giura:
La Knox, presa di mira dagli haters che l'accusavano di avere promosso una raccolta di fondi per celebrare un matrimonio già avvenuta, scrive una lunga lettera all'Ansa in cui respinge le accuse