Ninja Bomb, il missile americano top-secret

| Non esplode perché privo di cariche, ma poco prima dell’impatto libera sei lame che eliminano in modo chirurgico l’obiettivo evitando il rischio di vittime collaterali

+ Miei preferiti
Il nome in codice è “R9X”, è una delle tante possibili varianti del “AGM-114R9X Hellfire”, missile terra-aria di precisione a guida laser che può essere lanciato da piattaforme aree, marittime e terrestri. Ma l’ultima variante, una delle più terrificanti, l’ha svelata il “Wall Street Journal” in un lungo articolo. È stato ribattezzato “Ninja Bomb” perché non esplode all’impatto sul terreno, ma libera delle lame che fatto letteralmente a fette i nemici. Il vantaggio è di ridurre in modo drastico i danni e la perdita di vite umane fra i civili. Il Ninja Bomb, a quanto rivela il quotidiano americano, è stato utilizzato “una mezza dozzina di volte” da Cia e Pentagono in numerose missioni top secret, per eliminare obiettivi all’interno di un’auto o di edifici. Fra le vittime illustri del nuovo missile Ahmad Hasan Abu Khayr al-Marsi, egiziano indicato come vice di al-Baghdadi, il califfo al comando dell’Isis, eliminato nel febbraio del 2017, o ancora Jamal al-Badawi, accusato di aver preso parte all’attentato del 2000 al cacciatorpediniere americano “USS Cole” ormeggiato in un porto nello Yemen.

Le sei lunghe lame, da cui il riferimento ai Ninja, i celebri e temibili guerrieri giapponesi, si estendono a pochi secondi dall’impatto, con un effetto che è stato definito simile “ad un’incudine che cade dal cielo”.

Un’arma sviluppata durante il doppio mandato di Barack Obama, per rispondere alla precisa richiesta dell’ex presidente di ridurre quanto più possibile le perdite umane nei conflitti in Afghanistan, Pakistan, Siria, Somalia e Yemen. Ha il vantaggio di poter essere trasportato da droni, quindi comandato da remoto, ed è totalmente privo di cariche esplosive. Al momento Cia e Pentagono non hanno commentato la fuga di notizie.Il nome in codice è “R9X”, è una delle tante possibili varianti del “AGM-114R9X Hellfire”, missile terra-aria di precisione a guida laser che può essere lanciato da piattaforme aree, marittime e terrestri. Ma l’ultima variante, una delle più terrificanti, l’ha svelata il “Wall Street Journal” in un lungo articolo. È stato ribattezzato “Ninja Bomb” perché non esplode all’impatto sul terreno, ma libera delle lame che fatto letteralmente a fette i nemici. Il vantaggio è di ridurre in modo drastico i danni e la perdita di vite umane fra i civili. Il Ninja Bomb, a quanto rivela il quotidiano americano, è stato utilizzato “una mezza dozzina di volte” da Cia e Pentagono in numerose missioni top secret, per eliminare obiettivi all’interno di un’auto o di edifici. Fra le vittime illustri del nuovo missile Ahmad Hasan Abu Khayr al-Marsi, egiziano indicato come vice di al-Baghdadi, il califfo al comando dell’Isis, eliminato nel febbraio del 2017, o ancora Jamal al-Badawi, accusato di aver preso parte all’attentato del 2000 al cacciatorpediniere americano “USS Cole” ormeggiato in un porto nello Yemen.

Le sei lunghe lame, da cui il riferimento ai Ninja, i celebri e temibili guerrieri giapponesi, si estendono a pochi secondi dall’impatto, con un effetto che è stato definito simile “ad un’incudine che cade dal cielo”.

Un’arma sviluppata durante il doppio mandato di Barack Obama, per rispondere alla precisa richiesta dell’ex presidente di ridurre quanto più possibile le perdite umane nei conflitti in Afghanistan, Pakistan, Siria, Somalia e Yemen. Ha il vantaggio di poter essere trasportato da droni, quindi comandato da remoto, ed è totalmente privo di cariche esplosive. Al momento Cia e Pentagono non hanno commentato la fuga di notizie.

Galleria fotografica
Ninja Bomb, il missile americano top-secret - immagine 1
Ninja Bomb, il missile americano top-secret - immagine 2
60 secondi
Le allegre guardie di Sua Maestà
Le allegre guardie di Sua Maestà
Ben 13 uomini dei 60 di stanza al castello di Windsor come protezione della Regina e del Principe Filippo, si sono allontanati per partecipare ad una festa. La punizione è stata esemplare
Al via il processo per gli attentati di Parigi
Al via il processo per gli attentati di Parigi
Sono 14 gli imputati che devono rispondere di favoreggiamento e appoggio ai terroristi che nel gennaio del 2015 fecero strage nella sede di “Charlie Hebdo” e nell’Hyper Cacher
Cina, lo show del funzionario corrotto
Cina, lo show del funzionario corrotto
Lai Xiaomin nascondeva tre tonnellate di banconote nei suoi appartamenti: gli servivano per mantenere un centinaio di amanti e vivere come un sovrano
Dove è diretto Juan Carlos?
Dove è diretto Juan Carlos?
L’ex sovrano avrebbe lasciato segretamente la Spagna, ma quale sia la meta finale è diventata una serie di supposizioni che si rincorrono sui media
La vendetta di Donald
La vendetta di Donald
Brad Parscale, responsabile della campagna elettorale del Presidente, rimesso dall’incarico: è considerato il colpevole per il comizio semideserto di Tulsa
Indonesia: pensionato francese arrestato per pedofilia
Indonesia: pensionato francese arrestato per pedofilia
Francois Abello Camille fingeva di essere un fotografo di moda per attirare le giovani vittime nella sua stanza d’albergo: avrebbe violentato più di 300 ragazzini
Il selfie infelice di Amanda Knox
Il selfie infelice di Amanda Knox
L’ex studentessa di Seattle si è fotografata con addosso felpa e pantaloni che indossava nei quattro anni di galera trascorsi in Italia
La fine dell’angelo della Grenfell Tower
La fine dell’angelo della Grenfell Tower
Nel marzo di un anno fa, la dottoressa Deborah Lamont è stata trovata senza vita nella stanza di un hotel, ma l’inchiesta si è chiusa in questi giorni. Era stata fra le prima a portare aiuto alle vittime del rogo del grattacielo londinese
Logli trasferito a Massa ma ora deve pagare le parcelle
Logli trasferito  a Massa ma ora deve pagare le parcelle
Antonio Logli, condannato a 20 anni per avere ucciso la moglie Roberta Ragusa, sconterà la pena nel carcere di Massa. Ma adesso deve pagare oltre 156mila euro di parcelle agli avvocati-amici. Ipotecate le proprietà
Amanda giura: 'Nessuna truffa, mi sposo nel 2020'
Amanda giura:
La Knox, presa di mira dagli haters che l'accusavano di avere promosso una raccolta di fondi per celebrare un matrimonio già avvenuta, scrive una lunga lettera all'Ansa in cui respinge le accuse