Parlamentari M5s, "Voto ok basta veleni"

| Aspiranti parlamentari grillini esclusi pronti all'azione giudiziaria. Clima di veleni e sospetti per i nomi sbagliati e per le clamorose bocciature. Domenica le liste definitive e ufficiali

+ Miei preferiti

«Il voto si è svolto con regolarità e in sicurezza, i risultati delle votazioni sono stati affidati a due notai che li custodiranno fino a domenica. Le liste definitive saranno annunciate questa domenica a Pescara». Ma la giornata è piena di veleni e di polemiche. E partono le prime azioni gidiziarie degli esclusi. I vertici, però, confermano la validità della votazione e tirano dritto. «Invece di criticare noi, e di fare le notizie in maniera negativa, questa dovrebbe essere una buona notizia: agli italiani non daremo delle liste bloccate ma delle liste partecipate con persone che si sono messe in gioco», spiega piccato Di Maio

.Una prima lista provvisoria di vincitori da diffondere giovedì sera: è questo l'obiettivo al quale puntano, secondo diverse fonti parlamentari, i vertici del M5S. Le votazioni online potrebbero essere prorogate anche domani dalle 10 alle 14 visti i rallentamenti registrati sul sistema Rousseau ma, nonostante questo, il Movimento starebbe puntando ad annunciare una prima lista di vincitori prima della kermesse prevista a Pescara venerdì, sabato e domenica, kermesse dedicata proprio all'illustrazione del programma M5S agli attivisti e a chi siederà in Parlamento. Difficile, quindi, che la lista dei candidati sia diffusa durante l'evento pescarese con il rischio che diversi partecipanti si ritroverebbero esclusi "in diretta". Sulla lista provvisoria, comunque, i vertici faranno un'ulteriore verifica, in particolare sui certificati penali e sulle indagini a carico. In alcuni casi, infatti, i candidati non hanno fatto in tempo a inviare le certificazioni giudiziarie richieste. Scrivno Libero e La Stampa: "Avrà pure qualche problema col congiuntivo (eufemismo), Luigi Di Maio. Ma pare non averne con i diktat, ammesso che siano suoi e non del nuovo guru, Davide Casaleggio. Si parla delle parlamentarie, la farsa a Cinque Stelle per la scelta dei candidati. Si parla, soprattutto, di epurati. Già, perché stando alle mere statistiche, due candidati su tre sono stati esclusi per i motivi più disparati, in quella che appare una gestione stalinista delle liste.Epurati a sorpresa, tra l'altro. Come rivela La Stampa, lunedì - il primo giorno di votazioni - molti aspiranti grillini non hanno trovato il loro nome tra quelli disponibili sulla piattaforma per il voto. La ragione? Ve l'abbiamo già detta: la nuova regola del M5s che assegna allo staff della Casaleggio Associati e a Di Maio l'ultima parola sulle candidature: altro che uno vale uno, insomma. Tra i fatti fuori, anche qualche eletto uscente come il senatore sardo Roberto Cotti, il quale - terrorizzato - sulla sua esclusione ha spiegato: "Se parlo sono fuori dal M5s". Chi parla, invece, è un altro trombato, Francesco Cariello, deputato pugliese: "Escluso per una condanna politica - spiega -. La responsabile della comunicazione M5s mi ha informato pochi giorni fa che in base al nuovo regolamento non sarei candidabile per via di una condanna penale, estinta per via dei doppi benefici di legge. Ho chiesto un confronto sul merito e non mi è stato concesso". Stalinismo, appunto, chiosano i giornalisti del giornale di Vittorio Feltri.

Silurato anche Andrea Mazzillo, ex assessore al Bilancio di Roma a sua volta silurato dalla sindaca-disastro Virginia Raggi. Silurato a sorpresa: lunedì, sul fantomatico Rousseau, non trovava il suo nome. E via discorrendo, i nomi dei trombati dai 'sinceri democratici' grillini sono molti altri, come Marione, nome d'arto di Mario Improta, controverso vignettista: "Spero mi dicano il motivo", afferma. Ma tanto non glielo diranno. Insomma, le parlamentarie si rivelano subito per quello che sono: una buffonata. Tanto che diversi grillini cavalcavano l'hashtag #annullatetutto.

 

60 secondi
Logli trasferito a Massa ma ora deve pagare le parcelle
Logli trasferito  a Massa ma ora deve pagare le parcelle
Antonio Logli, condannato a 20 anni per avere ucciso la moglie Roberta Ragusa, sconterà la pena nel carcere di Massa. Ma adesso deve pagare oltre 156mila euro di parcelle agli avvocati-amici. Ipotecate le proprietà
Amanda giura: 'Nessuna truffa, mi sposo nel 2020'
Amanda giura:
La Knox, presa di mira dagli haters che l'accusavano di avere promosso una raccolta di fondi per celebrare un matrimonio già avvenuta, scrive una lunga lettera all'Ansa in cui respinge le accuse
Dillinger è morto, Dillinger 'resuscita'
Dillinger è morto, Dillinger
Il corpo del celebre bandito Usa, ucciso dall'FBI nel '34, sarà riesumato su richiesta dei familiari dalla tomba blindata dove riposa a Indianapolis. Tradito dalla "signora in rosso"
PRESI GLI ASSASSINI ERANO IN UN ALBERGO DI LUSSO
PRESI GLI ASSASSINI ERANO IN UN ALBERGO DI LUSSO
Assieme a un altro militare, ferito a sua volta, stavano fermando due malviventi che avevano appena rapinato una donna al quartiere Prati. Tentavano un'estorsione e hanno ucciso per sfuggire alle manette
Logli licenziato, in arrivo pioggia di risarcimenti
Logli licenziato, in arrivo pioggia di risarcimenti
Il marito assassino di Roberta Ragusa è detenuto in una cella singola. Subito licenziato, con stipendio sospeso dal Comune dove lavorava. Sorvegliato a vista, per evitare gesti autolesivi. L'amante resta sola
I seguaci di Panzironi 'provare per credere'
I seguaci di Panzironi
Affollato meeting a Roma con il "guru" delle diete in grado di farci vivere felicemente per 120 anni. Vende integratori ma si definisce solo "un giornalista". Espulso dall'Ordine Nazionale
I dipendenti di Sephora a scuola di antirazzismo
I dipendenti di Sephora a scuola di antirazzismo
È successo negli Stati Uniti, dopo un caso denunciato da SZA, una cantante soul fermata perché sospettata di furto: secondo lei, solo a causa della sua pelle
Bourkina Faso, uccisi 5 cattolici e il prete
Bourkina Faso, uccisi 5 cattolici e il prete
Ancora un raid islamico contro le chiese dopo le stragi dello Sri-Lanka. Secondo attacco in Bourkina in pochi giorni. E' accaduto a Dablo, nel Nord. Attacco durante la messa. Scopo chiaro: spazzare via cattolici e cristiani dall'Africa
Ninja Bomb, il missile americano top-secret
Ninja Bomb, il missile americano top-secret
Non esplode perché privo di cariche, ma poco prima dell’impatto libera sei lame che eliminano in modo chirurgico l’obiettivo evitando il rischio di vittime collaterali
Ondata di migranti, Trump silura la ministra
Ondata di migranti, Trump silura la ministra
Kirstjen Nielsen, ministro dell’interno dal 2017, accusata di non aver saputo fermare l’ondata di migranti che continua a premere al confine con il Messico. Al suo posto il commissario per le dogane e i confini