Arriveranno altri morti nella guerra fra le gang di Dublino

| La polizia avrebbe tentato di trattare in segreto con uno dei boss chiedendogli di fermare la mattanza, ma la guerra non si fermerà fin quando altri tre nemici non saranno giustiziati

+ Miei preferiti
C’è un inquietante risvolto nella guerra tra bande costata la vita a Keane Mulready-Woods, il 17enne torturato e decapitato in un sobborgo di Dublino, in Irlanda. Secondo alcune fonti della polizia, si tratta di una guerra che non si concluderà fin quando altre tre persone non saranno giustiziate.

La testa mozzata di Keane Mulready-Woods è stata ritrovata la scorsa settimana all’interno di una Volvo data alle fiamme a Drumcondra, e la convinzione delle forze dell’ordine è che si tratti di un omicidio legato alla guerra fra bande per il controllo delle piazze dello spaccio di Drogheda, a nord di Dublino. Secondo alcuni informatori della polizia, la faida non si concluderà fin quando i tre principali nemici di Owen Maguire, un boss costretto sulla sedia a rotelle non saranno eliminati. Il risvolto inquietante è che la polizia avrebbe tentato di trattare con Maguire in un incontro segreto, chiedendogli di fermare lo spargimento di sangue, ma gli uomini del boss non avrebbero raccolto l’invito.

E l’opinione pubblica, colpita dall’efferatezza dell’omicidio del 17enne, sembra rassegnata all’idea di aspettarsi altre tre vittime. Tra questi ci sarebbero il “serial killer” che ha ucciso Mulready-Woods, un uomo che ha cercato di uccidere boss nel 2018 con una bomba e un criminale collegato a una serie di omicidi recenti.

L’incontro fra la polizia e Maguire si sarebbe tenuto poco prima che i suoi uomini sparassero a Keith Brannigan il 27 agosto dello scorso anno a Clogherhead. Tre mesi dopo, Richard Carberry ha fatto la stessa fine.

Secondo la fonte che ha rivelato l’incontro segreto che mette in imbarazzo il dipartimento di polizia: “Un ufficiale si è incontrato con Maguire e gli ha chiesto di aiutarlo a mettere fine alla faida prima che finisse fuori controllo. Era un vero tentativo di chiudere una guerra che stava distruggendo la tranquillità di Drogheda. Maguire non ha detto molto, ma visto che l’incontro non era ufficiale, qualsiasi cosa possa aver detto non potrà mai essere usata contro di lui in nessun procedimento giudiziario”.

Nella faida mortale che finora è costata la vita a tre persone, la polizia è riuscita a sventare un agguato appena un giorno prima che Mulready-Woods fosse rapito, ucciso e il suo corpo smembrato. Gli investigatori avevano ricevuto alcune informazioni secondo cui gli uomini di Maguire avevano pianificato di prendere di mira un rivale, ma il piano è stato sventato dall’intervento della polizia.

“C’erano diverse segnalazioni che qualcuno sarebbe stato ucciso lo scorso fine settimana, ed è per questo che in città si è notato un grande spiegamento di forze di polizia. Queste bande sono intenzionate ad annientarsi a vicenda e non hanno paura di prendere in mano una pistola”.

Un tempo, le fazioni in guerra facevano parte della stessa banda, ma quando una parte ha deciso di creare una propria rete di spacciatori, la gang si è divisa in due. Nell’estate del 2018, gli ex membri hanno iniziato a minacciarsi, cercando di raggiungere il controllo del traffico di droga lungo la costa orientale dell’Irlanda. La faida si è incattivita nel luglio 2018, quando Maguire fu ucciso: il principale sospettato era il giovane Keane Mulready-Woods. In 18 mesi di caos e violenza non si contano quasi più gli incendi dolosi, gli accoltellamenti, i rapimenti e le aggressioni. Da allora, la polizia ha sequestrato armi ed effettuato una serie di arresti nel tentativo di tenere separate le due gang.

Il Caso
L’indisciplinato equipaggio del «Vigilant», orgoglio della Royal Navy
L’indisciplinato equipaggio del «Vigilant», orgoglio della Royal Navy
Approdati negli USA, decine di marinai si sono concessi una notte fra alcol e sesso: 35 di loro sono positivi al coronavirus. E non è il primo guaio combinato dall'equipaggio del sottomarino ribattezzato «HMS Sex and Cocaine»
Il killer di John Lennon chiede perdono
Il killer di John Lennon chiede perdono
A quasi 40 anni dall’omicidio dell’ex Beatles, Mark Chapman ha deciso di chiedere perdono a Yoko Ono e ai familiari di Lennon: “È stato un gesto spregevole”
L’instant Karma del pastore virginiano
L’instant Karma del pastore virginiano
Landon Spradlin era un predicatore statunitense morto di coronavirus subito dopo aver affermato che i mezzi di comunicazione diffondono la paura sulla pandemia e aver appoggiato apertamente Donald Trump
Sempre più studenti stranieri espulsi dagli Stati Uniti
Sempre più studenti stranieri espulsi dagli Stati Uniti
Le università americane svelano che si sono intensificati i casi di studenti soprattutto iraniani in possesso di visto a cui viene negato l’ingresso negli USA. “Una situazione preoccupante”
Il misterioso caso del Wizard Rock
Il misterioso caso del Wizard Rock
Una roccia del peso di una tonnellata di un parco nazionale dell’Arizona, è misteriosamente scomparso e ricomparso nel giro di poche settimane. Mistero fitto sugli autori e sul motivo del furto
Microsoft, lavorare meno per produrre di più
Microsoft, lavorare meno per produrre di più
La filiale giapponese del colosso informatico ha testato la settimana di 4 giorni lavorativi: la produttività è aumentata del 40%, il risparmio di energia elettrica è salito al 23% e le assenze calate del 25
Harry e Meghan: “Lasciateci vivere”
Harry e Meghan: “Lasciateci vivere”
In un documentario sul loro viaggio in Africa, i duchi del Sussex si lasciano andare a confessioni, caso rarissimo nella royal family, mostrando una grande fragilità
La storia di Sixty-Six Garage
La storia di Sixty-Six Garage
Un uomo in stato vegetativo è rimasto quasi 20 anni ricoverato in una clinica specializzata di San Diego senza che nessuno chiedesse di lui. È stato grazie alla testardaggine di una giornalista, se oggi quell’uomo ha un nome e dei parenti
Hayfa, la principessa in fuga
Hayfa, la principessa in fuga
Sesta moglie dell’Emiro di Dubai, ha iniziato una causa presso l’Alta Corte inglese per ottenere il divorzio, la custodia dei figli e la protezione per le vittime di violenza. Prima di lei avevano tentato la fuga anche due figlie dell’Emiro
Rogo di Notre-Dame: le prime verità
Rogo di Notre-Dame: le prime verità
Un allarme incomprensibile, una verifica nel punto sbagliato: la cattedrale di Parigi è ancora in piedi solo perché i vigili del fuoco hanno deciso di rischiare tutto