"Giovani in Italia, futuro incerto ma la speranza resta"

| Il libro dell'ex sottosegretario Mino Giachino "Nel tuo voto l'Italia di domani". Lunedì al Diplomatic la presentazione con il prof. Forte e il direttore di Cronaca Qui Beppe Fossati

+ Miei preferiti
Di Germana Zuffanti

I giovani e l’Italia di domani. Quale futuro? Bella domanda, in tempi come questi e prima delle elezioni politiche e di un'aspra campagna elettorale. Prova a rispondere a questo e altri quesiti, non meno importanti, Mino Giachino con il suo libro per i Millenials “Nel tuo voto, l’Italia di domani” (presentazione lunedì 12 febbraio 2018, ore 17, nell l’Hotel Diplomatic di Via Cernaia 42 a Torino con il prof. Francesco Forte e e il direttore di Cronaca Qui Beppe Fossati), l'ex sottosegretario del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dal 12 maggio 2008 al 16 novembre 2011, che ha messo al centro della sua zione politica economia, logistica e dinamiche economico-sociali, sempre all'interno del centro-destra.

L’Italia di oggi. Può ancora crescere?

Per ritornare a crescere l’Italia deve fare cose molto più consistenti di quelle fatte negli ultimi 5 anni. Deve investire di più nelle infrastrutture , dai porti agli aeroporti alle reti ferroviarie che ci collegano al più grande mercato di consumi del mondo, l’Europa. Deve continuare gli investimenti nella Manifattura 4.0, deve cioè rafforzare il proprio sistema economico-produttivo anche attraverso la FLAT TAX. Poi bisogna aumentare gli interventi per quelli che non c’è la fanno ad arrivare a fine mese, sapendo che questo farà aumentare la domanda di consumi .

Lei pensava a una Torino Internazionale, ad una metropoli centro dei trasporti e snodo logistico. A che punto siamo? 

Il ritmo di crescita della città si è affievolito e da anni cresciamo meno della media nazionale: si sono viste aziende morire sul territorio, poi le iniziative che hanno incontrato un momento di stallo  quali la costruzione della TAV o della Linea 2 della Metro. E’ aumentato il disagio della periferia e la città si è frantumata a livello sociale. Quello che urge è recuperare il patrimonio umano legato alle scuole ed all’università nonché alle aziende che danno lavoro ai giovani.

Il suo impegno è stato caratterizzato da continui e accorati appelli a Governo e Regione, purche facessero qualcosa di utile, spesso inascoltati. Va un po' meglio? Che dire ai giovani?

Dico che si debbono sentire come degli azionisti di un’azienda nella quale credono e pertanto usino il voto per rilanciare economia e lavoro sotto qualsiasi colore si schierino. L’interesse al miglioramento deve essere univoco e migliorare un’Italia oggettivamente “cambiata”. Noi siamo ciò che leggiamo e pertanto leggere quello che ho scritto fornisce ai giovani la realtà vera della politica e del Governo. Vedranno i risultati raggiunti e le tantissime cose da fare. Ma potranno anche vedere che la politica “buona” c’è e capiranno che mentre le aziende operano in tutto il mondo la politica ha come interesse , l’interesse delPaese.

 

 

 

Il Caso
L’indisciplinato equipaggio del «Vigilant», orgoglio della Royal Navy
L’indisciplinato equipaggio del «Vigilant», orgoglio della Royal Navy
Approdati negli USA, decine di marinai si sono concessi una notte fra alcol e sesso: 35 di loro sono positivi al coronavirus. E non è il primo guaio combinato dall'equipaggio del sottomarino ribattezzato «HMS Sex and Cocaine»
Il killer di John Lennon chiede perdono
Il killer di John Lennon chiede perdono
A quasi 40 anni dall’omicidio dell’ex Beatles, Mark Chapman ha deciso di chiedere perdono a Yoko Ono e ai familiari di Lennon: “È stato un gesto spregevole”
L’instant Karma del pastore virginiano
L’instant Karma del pastore virginiano
Landon Spradlin era un predicatore statunitense morto di coronavirus subito dopo aver affermato che i mezzi di comunicazione diffondono la paura sulla pandemia e aver appoggiato apertamente Donald Trump
Sempre più studenti stranieri espulsi dagli Stati Uniti
Sempre più studenti stranieri espulsi dagli Stati Uniti
Le università americane svelano che si sono intensificati i casi di studenti soprattutto iraniani in possesso di visto a cui viene negato l’ingresso negli USA. “Una situazione preoccupante”
Arriveranno altri morti nella guerra fra le gang di Dublino
Arriveranno altri morti nella guerra fra le gang di Dublino
La polizia avrebbe tentato di trattare in segreto con uno dei boss chiedendogli di fermare la mattanza, ma la guerra non si fermerà fin quando altri tre nemici non saranno giustiziati
Il misterioso caso del Wizard Rock
Il misterioso caso del Wizard Rock
Una roccia del peso di una tonnellata di un parco nazionale dell’Arizona, è misteriosamente scomparso e ricomparso nel giro di poche settimane. Mistero fitto sugli autori e sul motivo del furto
Microsoft, lavorare meno per produrre di più
Microsoft, lavorare meno per produrre di più
La filiale giapponese del colosso informatico ha testato la settimana di 4 giorni lavorativi: la produttività è aumentata del 40%, il risparmio di energia elettrica è salito al 23% e le assenze calate del 25
Harry e Meghan: “Lasciateci vivere”
Harry e Meghan: “Lasciateci vivere”
In un documentario sul loro viaggio in Africa, i duchi del Sussex si lasciano andare a confessioni, caso rarissimo nella royal family, mostrando una grande fragilità
La storia di Sixty-Six Garage
La storia di Sixty-Six Garage
Un uomo in stato vegetativo è rimasto quasi 20 anni ricoverato in una clinica specializzata di San Diego senza che nessuno chiedesse di lui. È stato grazie alla testardaggine di una giornalista, se oggi quell’uomo ha un nome e dei parenti
Hayfa, la principessa in fuga
Hayfa, la principessa in fuga
Sesta moglie dell’Emiro di Dubai, ha iniziato una causa presso l’Alta Corte inglese per ottenere il divorzio, la custodia dei figli e la protezione per le vittime di violenza. Prima di lei avevano tentato la fuga anche due figlie dell’Emiro