"I terroristi pazzi? No, ma attenti alle loro biografie"

| ISLAM3/ Lo psichiatra Carmine Munizza traccia un'analisi dei terroristi: "Persone normali con alle spalle biografie diverse, l'Occidentale reagisce in modo emotivo, vittima a sua volta di psicosi indotte"

+ Miei preferiti

In un'intervista  recente, lo psichiatra Carmine Munizza, traccia un profilo psicologico dei terroristi islamici infiultrati in Occidente. 

 

Lei è presidente del Grist (Gruppo italiano di studio sul terrorismo) qual è l’interesse che può avere uno psichiatra rispetto al fenomeno noto come "terrorismo internazionale di matrice islamista" (TIMI), emerso negli ultimi decenni?

“Il fenomeno è di carattere marcatamente politico-militare e le possibili ipotesi esplicative vanno ricercate soprattutto nella storia, nell’economia e nella geopolitica. La Psichiatria si occupa delle ricadute dell’atto terrorista sulla mente delle vittime dirette e indirette - argomento che rientra nel più ampio e noto compito della presa in carico clinica delle conseguenze mentali delle catastrofi – e sulla mente dell’autore, il che rimanda all’altrettanto ampio capitolo della presa in carico clinica degli autori di reato. Ma è anche interesse della Psichiatria sgombrare il campo da due possibili equivoci concettuali, che possono insorgere di fronte ad atti terroristici particolarmente eclatanti: primo, che tali atti possano essere attribuiti alla malattia mentale e, secondo, che esista la possibilità di identificare alcuni elementi di carattere socio psicologico sufficienti a “spiegare” la scelta del terrorismo e a costituire gli ingredienti costanti di una specifica “mente” o “personalità” terrorista”.

 

Non esiste un identikit del terrorista-tipo?

“No, tutta la letteratura e le ricerche sul tema attestano che non ci sono argomenti validi per una tranquillizzante derubricazione dell’atto terrorista a sintomo di follia: dobbiamo rassegnarci a considerare la mente del terrorista, da un punto di vista psichiatrico, normale”.

 

Ma come è possibile che una mente “normale” scelga di aderire al terrorismo?

“Non è possibile dare una risposta generalizzata, la ricerca e la letteratura dimostrano che non è possibile, da un punto di vista socio-psicologico, descrivere una ‘personalità terrorista-tipo’: infatti la lettura di alcune biografie di terroristi depone per il fatto che più che di una ‘psicologia del terrorista’ o di un identikit psicologico, si debba parlare di tante ‘psicologie’ dei terroristi, accettando il fatto che l’atto di terrorismo è, da un punto di vista psicologico, l’esito di percorsi biografici che possono essere anche molto diversi tra loro”.

 

Perché allora la collettività di fronte al terrorismo associa subito la malattia mentale?

“Perché è una reazione emotiva a questi atti, che può portare ad attribuirli alla follia o, con termine più moderno, alla psicosi, perché in questo modo il cittadino opera un distanziamento spontaneo di fronte a ciò che appare disumano, mostruoso, inaccettabile, e tende a considerare gli aderenti al TIMI squilibrati, indottrinati, radicali, ecc. Va però anche detto che l’effetto psicologico viene appositamente perseguito dal terrorista, che mette in atto una forma sofisticata di guerra psicologica, nella quale a essere ricercato, più del danno arrecato.

Il Caso
La storia di Sixty-Six Garage
La storia di Sixty-Six Garage
Un uomo in stato vegetativo è rimasto quasi 20 anni ricoverato in una clinica specializzata di San Diego senza che nessuno chiedesse di lui. È stato grazie alla testardaggine di una giornalista, se oggi quell’uomo ha un nome e dei parenti
Hayfa, la principessa in fuga
Hayfa, la principessa in fuga
Sesta moglie dell’Emiro di Dubai, ha iniziato una causa presso l’Alta Corte inglese per ottenere il divorzio, la custodia dei figli e la protezione per le vittime di violenza. Prima di lei avevano tentato la fuga anche due figlie dell’Emiro
Rogo di Notre-Dame: le prime verità
Rogo di Notre-Dame: le prime verità
Un allarme incomprensibile, una verifica nel punto sbagliato: la cattedrale di Parigi è ancora in piedi solo perché i vigili del fuoco hanno deciso di rischiare tutto
Silvia Romano, rapita perché aveva visto troppo
Silvia Romano, rapita perché aveva visto troppo
È una delle nuove ipotesi investigative sulla scomparsa della cooperante milanese: poco prima di essere sequestrata la giovane avrebbe denunciato un uomo per violenza sessuale su due bambine
I silenzi della Grenfell Tower
I silenzi della Grenfell Tower
Due anni fa il grattacielo londinese diventava un enorme tizzone ardente: morirono in 72, fra cui una coppia di giovani italiani. Ma 24 mesi dopo ci sono solo carte, inchieste e promesse di una giustizia ancora lontana
Un alieno nel vialetto di casa
Un alieno nel vialetto di casa
La telecamera di sorveglianza di una donna del Colorado ha ripreso una misteriosa creatura che si aggira di notte davanti a casa sua. In tanti si dicono convinti che si tratti di un alieno
Amore, erotismo, disperazione e pentimento
Amore, erotismo, disperazione e pentimento
Il giudizio feroce sui social dell'infermiera innamorata di un 15enne, ma la storia è ricca di analogie. Analisi di una relazione "folle e malata": la 31enne ai domiciliari si rassegna: "Torna alla tua vita da adolescente"
Nuovi sospetti su O.J. Simpson
Nuovi sospetti su O.J. Simpson
In una registrazione dimenticata e mai andata in onda, l’ex gigante del football avrebbe svelato alcuni dettagli dell’omicidio della sua ex moglie e del suo amico, per cui è stato assolto
La coscienza di Bruno Boniface, psichiatra
La coscienza di Bruno Boniface, psichiatra
Per cinque mesi ha avuto in cura un giovane di 30 anni affetto da agorafobia: lentamente riesco a convincerlo ad uscire di casa, ma è la sera sbagliata…
Consip, contraddizioni
e risarcimenti record
Consip, contraddizioni<br>e risarcimenti record
INCHIESTA Il colosso del Mise naviga da mesi in acque tempestose tra inchieste e fallimenti. Il caso Qui Ticket! E ora Romeo chiede un miliardo e mezzo di risarcimento dopo il flop delle inchieste