Il cantastorie Santi, nei suoi thriller i segreti d'Italia

| "L'estate non perdona" (Mondadori), nell'ultimo noir dello scrittore-poeta Flavio Santi, luci e ombre del nostro Paese. A Torino il 30 marzo al Circolo dei Lettori. Lui: "Racconto l'Italia nel tempo dell'Isis"

+ Miei preferiti
Di Germana Zuffanti
Il 30 marzo (ore 18 a Torino Circolo dei Lettori, Sala Musica)  un autore d’eccezione, il poeta e scrittore Flavio Santi,  con il suo ultimo lavoro “L’estate non perdona”, la nuova indagine dell’ispettore Furlan (Mondadori, 2017), accompagnato da Enrico Pandiani, anch’egli giallista di origine torinese. Flavio Santi (il cognome originario era Sant: la “i” è stata aggiunta sotto il fascismo per italianizzarlo), laurea in  Filologia Medievale e Umanistica e dottorato in Filologia moderna tanto per iniziare, studioso di classici e prodigio poetico ( tra tanti, Mappe del genere umano), romanziere estremo (Aspetta primavera, Lucky), traduttore di grande spessore (ha reso in italiano di tutto, da Herman Melville a Wilbur Smith, da 007 a Melmoth l’errante)nonché accademico, si dà al ‘genere’ ed usa il giallo come arma espressiva potente capace di raccontare luci e ombre del nostro Paese, anche meglio di un reportage giornalistico.  La prima indagine (La primavera tarda ad arrivare) toccava la Seconda guerra mondiale, la memoria, la vendetta, dando spazio alla Storia. Questa volta però protagonista è l’Italia ai tempi dell’Isis.  

In quale espressione letteria si riconosce di più? 

In qualità di "canta-storie".  Amo raccontare storie. Che poi queste storie vengano calate nel giallo, nel thriller, nel romanzo storico o di denuncia, dipende dai casi, ogni storia richiede un suo modo di essere raccontata. A me spetta capire e "sentire" quale sia il migliore, di volta in volta. Drago Furlan (il protagonista del romanzo) è un ispettore del piccolo commissariato di Cividale del Friuli, al confine con la Slovenia, ex Jugoslavia; un uomo semplice, che si sente felice con gli amici dell’osteria, con  il ritmo rassicurante della provincia, in fondo uno di noi.  In questa storia è stato messo di fronte ad un problema  attuale  e assolutamente “fuori “ dal mondo che lo rappresenta, il terrorismo.

Noir e attualità? Una narrazione romanzesca che prenda di petto un problema di attualità come questo non s’era vista ancora in giro…

Amo le sfide. La letteratura diverte, consola, appassiona, ma fa anche riflettere sull'oggi, su quello che sta accadendo intorno a noi. Il Friuli è una terra di confine, per eccellenza, in bilico tra Occidente e Oriente, ideale per raccontare le contraddizioni della nostra società.

Di Lei la critica ha detto  “Il dato di fatto è che la patria del ‘genere’ è cambiata: prima abitava in Sicilia, ora dimora in Friuli.” Si riferivano a Cammilleri, uno dei più famosi giallisti italiani ed al suo Montalbano. Anche nel Suo libro sono  paesaggi di “nicchia” e figure di contorno degli investigatori, come Perla, la fidanzata di Furlan che un po’ assomiglia a Livia di Montalbano e un po’ a Madame Maigret ed i protagonisti oltre che investigatori sono uomini visti nelle loro passioni e nella loro umanità. Come i libri di Cammilleri anche il suo è un romanzo “seriale”.

“Ogni giallista si deve misurare con Montalbano” ha dichiarato. Cosa ha di diverso questa storia rispetto al classico stile dei gialli? A chi si è ispirato per scrivere? La serialità è un pregio o un difetto?

Rispetto al giallo classico, amo inserire elementi di commedia, quasi di comicità: la provincia italiana è davvero un teatro eccezionale, e a maggior ragione le osterie friulane, dove si può assistere a scene spassosissime - ma anche serissime. Ecco, amo mischiare i registri, alto e basso, tragico e comico. Amo molto il giallista islandese Arnaldur Indridason, penso che ci sia più di un punto in comune tra Friuli e Islanda... La serialità è una tecnica espressiva di per sé neutra, dipende da noi saperla usare bene! La serialità, in fondo, è qualcosa di connaturato al racconto, da sempre: pensiamo a Ulisse, ai personaggi biblici, che passano di storia in storia.

 
Il Caso
L’instant Karma del pastore virginiano
L’instant Karma del pastore virginiano
Landon Spradlin era un predicatore statunitense morto di coronavirus subito dopo aver affermato che i mezzi di comunicazione diffondono la paura sulla pandemia e aver appoggiato apertamente Donald Trump
Sempre più studenti stranieri espulsi dagli Stati Uniti
Sempre più studenti stranieri espulsi dagli Stati Uniti
Le università americane svelano che si sono intensificati i casi di studenti soprattutto iraniani in possesso di visto a cui viene negato l’ingresso negli USA. “Una situazione preoccupante”
Arriveranno altri morti nella guerra fra le gang di Dublino
Arriveranno altri morti nella guerra fra le gang di Dublino
La polizia avrebbe tentato di trattare in segreto con uno dei boss chiedendogli di fermare la mattanza, ma la guerra non si fermerà fin quando altri tre nemici non saranno giustiziati
Il misterioso caso del Wizard Rock
Il misterioso caso del Wizard Rock
Una roccia del peso di una tonnellata di un parco nazionale dell’Arizona, è misteriosamente scomparso e ricomparso nel giro di poche settimane. Mistero fitto sugli autori e sul motivo del furto
Microsoft, lavorare meno per produrre di più
Microsoft, lavorare meno per produrre di più
La filiale giapponese del colosso informatico ha testato la settimana di 4 giorni lavorativi: la produttività è aumentata del 40%, il risparmio di energia elettrica è salito al 23% e le assenze calate del 25
Harry e Meghan: “Lasciateci vivere”
Harry e Meghan: “Lasciateci vivere”
In un documentario sul loro viaggio in Africa, i duchi del Sussex si lasciano andare a confessioni, caso rarissimo nella royal family, mostrando una grande fragilità
La storia di Sixty-Six Garage
La storia di Sixty-Six Garage
Un uomo in stato vegetativo è rimasto quasi 20 anni ricoverato in una clinica specializzata di San Diego senza che nessuno chiedesse di lui. È stato grazie alla testardaggine di una giornalista, se oggi quell’uomo ha un nome e dei parenti
Hayfa, la principessa in fuga
Hayfa, la principessa in fuga
Sesta moglie dell’Emiro di Dubai, ha iniziato una causa presso l’Alta Corte inglese per ottenere il divorzio, la custodia dei figli e la protezione per le vittime di violenza. Prima di lei avevano tentato la fuga anche due figlie dell’Emiro
Rogo di Notre-Dame: le prime verità
Rogo di Notre-Dame: le prime verità
Un allarme incomprensibile, una verifica nel punto sbagliato: la cattedrale di Parigi è ancora in piedi solo perché i vigili del fuoco hanno deciso di rischiare tutto
Silvia Romano, rapita perché aveva visto troppo
Silvia Romano, rapita perché aveva visto troppo
È una delle nuove ipotesi investigative sulla scomparsa della cooperante milanese: poco prima di essere sequestrata la giovane avrebbe denunciato un uomo per violenza sessuale su due bambine