La finta vittima della notte del Batacalan

| Per quattro anni ha raccontato la sua esperienza terrificante, intascando anche ventimila euro di risarcimento: poi è venuta fuori la verità

+ Miei preferiti
Due anni fa, Danny Machado, un ragazzo di 17 anni, ha finto di aver perso Alexandre, il suo migliore amico, nella tragica notte del Bataclan, pur di commuovere la giuria ed essere ammesso a “M6”, un talent francese molto seguito. Scoperto, il giovane si era dovuto arrendere, chiedendo scusa a tutti.

Un copione che si sta ripetendo proprio in queste ore in Francia: protagonista Alexandra D., una ragazza che all’epoca della strage del Bataclan aveva trent’anni, e da allora è diventata uno dei volti di quella gioventù insanguinata, ma per nulla intenzionata a mollare di un centimetro la proipria libertà. L’agenzia “France Presse” l’aveva perfino fotografata con in testa una corona di alloro e ogni volta che in televisione si tornava a parlare della notte del 13 novembre 2015, lei era in prima fila a raccontare la sua storia incredibile. Era al “Cafè Carillon” in compagnia di due amici, Raphael e Nohémie, entrambi morti accanto a lei, al contrario risparmiata senza un perché, semplicemente così aveva voluto il destino. “Ho visto i terroristi negli occhi, sembravano automi senza emozione: diversi colpi di kalashnikov mi hanno sfiorato, ma nessuno mi ha colpito. Mi sono slogata un pollice”. Poi aveva corretto il tiro, parlando di una ferita al braccio, riuscendo così ad entrare negli elenchi del “FCGI”, il fondo di garanzia per le vittime del terrorismo, ottenendo un risarcimento di 20mila euro.

Ma come sempre, qualcuno si è messo d’impegno e ha trovato la verità, ben diversa da quella raccontata di Alexandra. Quella notte, era stata intervistata casualmente dalla CNN nelle ore immediatamente successive alla strage, dichiarando in lacrime di essere una cliente abituale del caffè, ma quella sera aveva deciso di non raggiungere degli amici e si era salvata per miracolo.

Una storia che ha imboccato la strada verso la verità nel giugno scorso, quando Alexandra D. è stata sottoposta al primo interrogatorio: deve rispondere di falsa testimonianza e truffa aggravata. In attesa del prossimo 2 ottobre, quando i giudici decideranno la sua pena, Alexandra è stata obbligata a sottoporsi a cure psichiatriche: rischia da due a quattro anni di carcere.

Galleria fotografica
La finta vittima della notte del Batacalan - immagine 1
Il Caso
L’indisciplinato equipaggio del «Vigilant», orgoglio della Royal Navy
L’indisciplinato equipaggio del «Vigilant», orgoglio della Royal Navy
Approdati negli USA, decine di marinai si sono concessi una notte fra alcol e sesso: 35 di loro sono positivi al coronavirus. E non è il primo guaio combinato dall'equipaggio del sottomarino ribattezzato «HMS Sex and Cocaine»
Il killer di John Lennon chiede perdono
Il killer di John Lennon chiede perdono
A quasi 40 anni dall’omicidio dell’ex Beatles, Mark Chapman ha deciso di chiedere perdono a Yoko Ono e ai familiari di Lennon: “È stato un gesto spregevole”
L’instant Karma del pastore virginiano
L’instant Karma del pastore virginiano
Landon Spradlin era un predicatore statunitense morto di coronavirus subito dopo aver affermato che i mezzi di comunicazione diffondono la paura sulla pandemia e aver appoggiato apertamente Donald Trump
Sempre più studenti stranieri espulsi dagli Stati Uniti
Sempre più studenti stranieri espulsi dagli Stati Uniti
Le università americane svelano che si sono intensificati i casi di studenti soprattutto iraniani in possesso di visto a cui viene negato l’ingresso negli USA. “Una situazione preoccupante”
Arriveranno altri morti nella guerra fra le gang di Dublino
Arriveranno altri morti nella guerra fra le gang di Dublino
La polizia avrebbe tentato di trattare in segreto con uno dei boss chiedendogli di fermare la mattanza, ma la guerra non si fermerà fin quando altri tre nemici non saranno giustiziati
Il misterioso caso del Wizard Rock
Il misterioso caso del Wizard Rock
Una roccia del peso di una tonnellata di un parco nazionale dell’Arizona, è misteriosamente scomparso e ricomparso nel giro di poche settimane. Mistero fitto sugli autori e sul motivo del furto
Microsoft, lavorare meno per produrre di più
Microsoft, lavorare meno per produrre di più
La filiale giapponese del colosso informatico ha testato la settimana di 4 giorni lavorativi: la produttività è aumentata del 40%, il risparmio di energia elettrica è salito al 23% e le assenze calate del 25
Harry e Meghan: “Lasciateci vivere”
Harry e Meghan: “Lasciateci vivere”
In un documentario sul loro viaggio in Africa, i duchi del Sussex si lasciano andare a confessioni, caso rarissimo nella royal family, mostrando una grande fragilità
La storia di Sixty-Six Garage
La storia di Sixty-Six Garage
Un uomo in stato vegetativo è rimasto quasi 20 anni ricoverato in una clinica specializzata di San Diego senza che nessuno chiedesse di lui. È stato grazie alla testardaggine di una giornalista, se oggi quell’uomo ha un nome e dei parenti
Hayfa, la principessa in fuga
Hayfa, la principessa in fuga
Sesta moglie dell’Emiro di Dubai, ha iniziato una causa presso l’Alta Corte inglese per ottenere il divorzio, la custodia dei figli e la protezione per le vittime di violenza. Prima di lei avevano tentato la fuga anche due figlie dell’Emiro