Silvia Romano, rapita perché aveva visto troppo

| È una delle nuove ipotesi investigative sulla scomparsa della cooperante milanese: poco prima di essere sequestrata la giovane avrebbe denunciato un uomo per violenza sessuale su due bambine

+ Miei preferiti
Dal 20 novembre dello scorso anno di lei non si sa più nulla, e ciò che preoccupa di più è il silenzio che sta calando intorno al suo nome: Silvia Romano, 23 anni, milanese, volontaria con la Ong “Africa Milele” rapita in Kenya.

Troppi mesi di supposizioni e di illusioni, con la svolta che per qualche ora, mesi fa, era sembrata ormai prossima, ma finita in un nulla di fatto, ancora una volta letteralmente ingoiata dalle foreste kenyane e dai silenzi di chi potrebbe parlare ma tace. Si è detto sia passata di mano, venduta da una banda all’altra, che sia morta poche ore dopo il sequestro ed è tutto inutile, che per lei, come per Luca Tacchetto ed Edith Blais, rapiti qualche settimana dopo in Burkina Faso, è meglio rassegnarsi all’idea che non torneranno mai più.

Sul caso di Silvia, come d’abitudine, la Farnesina ha chiesto il silenzio stampa, ma inizia ad essere troppo lungo per pensare che non ci sia sotto qualcosa di decisamente più grande.

Le stranezze intorno al suo nome ci sono, e sono tante, a cominciare dalla prima: dai computer dell’aeroporto di Mombasa, dove Silvia è arrivata in Kenya, sono spariti tutti i file che la riguardano. Per legge, chi entra nel paese africano viene fotografato e gli sono rilevate le impronte digitali. È uno dei tanti misteri individuati da Massimo Alberizzi, giornalista direttore del sito “Africa Express” che si è spinto fino in Kenya per indagare sulla scomparsa della cooperante italiana. Un altro bel mistero è la certezza che Silvia abbia dormito per due volte, fra settembre e novembre, in una guest-house nel centro di Mombasa, il “Marigold”: se la ricordano ancora bene, Silvia è una bella ragazza, alta, bionda, di quelle che non si vedono spesso a quelle latitudini, e quasi mai viaggiano da sole. I titolari l’hanno riconosciuta quando per televisione hanno detto del rapimento, e si aspettavano la visita di qualche agente. Ma non si presenterà nessuno, italiani o kenyani che siano.

Alla polizia di Nairobi, uno dei corpi governativi che ha indagato e indaga ancora sulla scomparsa di Silvia, in quella che sembra una gara a chi viene a saperne di più, si fanno due ipotesi: un sequestro a scopo di estorsione, o un rapimento per metterla a tacere su almeno due casi di molestie a cui avrebbe assistito a Likoni e Chakama, il villaggio da cui è stata prelevata. Ma c’è anche altro, piste passionali che si portano appresso dei nomi: quello di Alfred Scott, fisioterapista all’ospedale di Mombasa che su Facebook le giurava amore eterno, e ancora quello di un 31enne milanese, titolare della Onlus “Orphan’s Dream” con una condanna a sei anni di reclusione per rissa e lesioni, conosciuto ad una festa, che per primo le propone di volare in Africa per aiutare i bambini.

Ma i nuovi sospetti si concentrano in particolare sul villaggio di Likoni, dove Silvia è stata qualche giorno prima di raggiungere Chakama con la Ong Africa Milele. Una donna, madre di tre bambine, scoppia a piangere quando sente pronunciare il nome di Silvia Romano: “Mandavo le mie tre figlie nella struttura di Likoni, ma ho preferito toglierle: accadevano cose poco corrette. Sono state loro a raccontarmelo”.

Voci confermate anche alcuni funzionari kenyoti: “Ci sono indicazioni sul fatto che Silvia manifestasse un certo disagio nei confronti di una struttura dove, secondo i suoi racconti, si verificavano molestie nei confronti dei bimbi. A gestirla è un’organizzazione che al contrario è molto ben vista a livello governativo perché a presiederla insieme all’italiano c’è Rama Hamisi Bindo, figlio di un politico molto influente”.

C’è anche altro: l’11 novembre, nove giorni prima di sparire nel nulla, Silvia si presenta in compagnia di altri due volontari italiani ad una stazione di polizia per denunciare Francis Kalama di Marafa, pastore anglicano, accusato di molestie verso due bambine del posto. Esiste un messaggio audio Whatsapp inviato da Silvia, in cui dice di aver avuto rassicurazioni dalla polizia sul prossimo arresto del pastore e sulla possibilità di poter sottoporre le due bambine a test clinici. Di quella denuncia è rimasta traccia, ma nessuno ha mai indagato: giace sul fondo di un cassetto a prendere polvere.

In galera, per il caso di Silvia ci sono tre uomini: Moses Luari Chende, Gababa e Ibrahim, due kenyoti e un somalo. La polizia è convinta che loro sappiano molto, e aspettano con molta calma e pazienza che confessino chi sono i mandanti del sequestro: ma è un’attesa infinita. Non va meglio alla centrale di polizia di Malindi, dove ricordano l’arrivo del console onorario italiano in compagnia di due persone: “Hanno fatto un paio di domande, poi se ne sono andati: niente di più”.

Il Caso
La storia di Sixty-Six Garage
La storia di Sixty-Six Garage
Un uomo in stato vegetativo è rimasto quasi 20 anni ricoverato in una clinica specializzata di San Diego senza che nessuno chiedesse di lui. È stato grazie alla testardaggine di una giornalista, se oggi quell’uomo ha un nome e dei parenti
Hayfa, la principessa in fuga
Hayfa, la principessa in fuga
Sesta moglie dell’Emiro di Dubai, ha iniziato una causa presso l’Alta Corte inglese per ottenere il divorzio, la custodia dei figli e la protezione per le vittime di violenza. Prima di lei avevano tentato la fuga anche due figlie dell’Emiro
Rogo di Notre-Dame: le prime verità
Rogo di Notre-Dame: le prime verità
Un allarme incomprensibile, una verifica nel punto sbagliato: la cattedrale di Parigi è ancora in piedi solo perché i vigili del fuoco hanno deciso di rischiare tutto
I silenzi della Grenfell Tower
I silenzi della Grenfell Tower
Due anni fa il grattacielo londinese diventava un enorme tizzone ardente: morirono in 72, fra cui una coppia di giovani italiani. Ma 24 mesi dopo ci sono solo carte, inchieste e promesse di una giustizia ancora lontana
Un alieno nel vialetto di casa
Un alieno nel vialetto di casa
La telecamera di sorveglianza di una donna del Colorado ha ripreso una misteriosa creatura che si aggira di notte davanti a casa sua. In tanti si dicono convinti che si tratti di un alieno
Amore, erotismo, disperazione e pentimento
Amore, erotismo, disperazione e pentimento
Il giudizio feroce sui social dell'infermiera innamorata di un 15enne, ma la storia è ricca di analogie. Analisi di una relazione "folle e malata": la 31enne ai domiciliari si rassegna: "Torna alla tua vita da adolescente"
Nuovi sospetti su O.J. Simpson
Nuovi sospetti su O.J. Simpson
In una registrazione dimenticata e mai andata in onda, l’ex gigante del football avrebbe svelato alcuni dettagli dell’omicidio della sua ex moglie e del suo amico, per cui è stato assolto
La coscienza di Bruno Boniface, psichiatra
La coscienza di Bruno Boniface, psichiatra
Per cinque mesi ha avuto in cura un giovane di 30 anni affetto da agorafobia: lentamente riesco a convincerlo ad uscire di casa, ma è la sera sbagliata…
Consip, contraddizioni
e risarcimenti record
Consip, contraddizioni<br>e risarcimenti record
INCHIESTA Il colosso del Mise naviga da mesi in acque tempestose tra inchieste e fallimenti. Il caso Qui Ticket! E ora Romeo chiede un miliardo e mezzo di risarcimento dopo il flop delle inchieste
"Hanno condannato un innocente"
"Hanno condannato un innocente"
La moglie di Massimo Bossetti, condannato all'ergastolo, lo difende e accusa i giudici di avergli negato un secondo esame del Dna. Nel corso dei processi la sua vita privata è stata resa pubblica con un grave danno d'immagine