Torino Crime Festival, indagini e thriller-story

| Terza edizione al via il 12 aprile. Sede il Circolo dei Lettori. Il direttore Biagio Fabrizio Carrillo ne spiega storia, filosofia, calendario e intenti. Importante parterre di ospiti

+ Miei preferiti
Di Germana Zuffanti
Dopo il successo nelle edizioni precedenti, a Torino dal 12 al 15 aprile la terza edizione del festival dedicato alla criminologia ed all’approfondimento dei fenomeni criminali, il TORINO CRIME FESTIVAL, la cui direzione quest’anno è stata affidata a Biagio Fabrizio Carillo (nella foto), uomo dell’Arma e scrittore di noir, esperto criminologo ed autore di numerose pubblicazioni sul tema investigazioni.

Biagio Fabrizio Carillo


Cos’è il Torino Crime Festival ?

Il Torino Crime Festival è il primo festival nato a Torino e tra i primi in Italia dedicato alla Criminologia e allo storytelling dei fenomeni criminali. Il primo appuntamento si è tenuto il 3 ottobre del 2015 al Circolo dei lettori con un incontro dedicato alla Menzogna e poi il festival vero e proprio si è svolto con il patrocinio della Città di Torino e il saluto di Gian Carlo Caselli, l’1,2,3 aprile 2016 in varie sedi quali GAM, Museo Lombroso, Aula Magna dell’Università di Torino, Circolo dei lettori, Camera – il Centro Nazionale per la Fotografia, Cinema Massimo – Museo Nazionale del Cinema, Circolo della Stampa e RAT. Torino non solo è la città di Cesare Lombroso, uno dei padri della criminologia, ma soprattutto negli ultimi anni la città italiana con il numero più alto di realtà dedicate allo studio della criminologia e della psicologia criminale, dall’Università ai centri di formazione.

Il Torino Crime Festival si rivolge tanto agli esperti del settore e agli studenti di Giurisprudenza ? 

Il pubblico cui si rivolge il Festival è di settore, cioè criminologi, ricercatori e studiosi della materia, psicologi, psicanalisti e psichiatri ma anche il grande pubblico.  All'interno della programmazione saranno inseriti dibattiti sul terrorismo, sulla mafia nigeriana e sulle nuove frontiere dell’indagine criminalistica, nonché uno sugli uxoricidi, stalking e violenza domestica. 

 

Chi interverrà a quest’edizione? Quali le novità rispetto alle precedenti? Quali saranno le date del Torino Crime Festival?

Per la terza edizione i temi trattati abbracceranno con più ampio respiro i confini della criminologia, tingendosi di fascino internazionale grazie alla presenza di importanti ospiti stranieri come Anthony Pinnizzotto, psicologo clinico forense italo-americano ed ex agente dell’FBI. Durante il festival si svolgeranno tre seminari, che si terranno a partire da giovedì 12 aprile al Circolo dei lettori. Si parlerà di  terrorismo e del problema immigrazione, di  massomafie, mafia nigeriana, femminicidio o  metodi di indagini scientifiche. Interverranno tanti nomi illustri , dal Professor Pierluigi Baima Bollone a Gugliemo Gulotta, avvocato e psicologo, a giallisti ed analisti internazionali. Il primo seminario sarà “La Psicologia Investigativa e l’Offender Profiling” a cura di Fabrizio Russo, Criminologo, che tratterà le basi teoriche per tracciare il profilo degli autori di crimini seriali violenti, con esercitazioni pratiche basate sull’analisi di scene del crimine reali. Il 13 aprile sarà quindi la volta di Anthony Pinnizzotto e per finire, il 14 aprile , i seminari di Guglielmo Gulotta e Biagio Fabrizio Carillo, con l’obiettivo di creare un canale d’attenzione sui nuovi scenari della ricerca del crimine.In questo modo dal 12 al 15 aprile tutti i curiosi e appassionati di cronaca nera, grazie a Torino Crime, avranno la possibilità di incontrare scrittori, giornalisti, criminologhi, per discutere di giornalismo investigativo, fino a rivivere attraverso immagini, la scena del crimine.

Per chi volesse consultare il programma completo degli eventi o si volesse iscrivere a qualche seminario particolare:https://www.facebook.com/TorinoCrimeFestival/

 
Galleria fotografica
Torino Crime Festival, indagini e thriller-story - immagine 1
Torino Crime Festival, indagini e thriller-story - immagine 2
Il Caso
L’instant Karma del pastore virginiano
L’instant Karma del pastore virginiano
Landon Spradlin era un predicatore statunitense morto di coronavirus subito dopo aver affermato che i mezzi di comunicazione diffondono la paura sulla pandemia e aver appoggiato apertamente Donald Trump
Sempre più studenti stranieri espulsi dagli Stati Uniti
Sempre più studenti stranieri espulsi dagli Stati Uniti
Le università americane svelano che si sono intensificati i casi di studenti soprattutto iraniani in possesso di visto a cui viene negato l’ingresso negli USA. “Una situazione preoccupante”
Arriveranno altri morti nella guerra fra le gang di Dublino
Arriveranno altri morti nella guerra fra le gang di Dublino
La polizia avrebbe tentato di trattare in segreto con uno dei boss chiedendogli di fermare la mattanza, ma la guerra non si fermerà fin quando altri tre nemici non saranno giustiziati
Il misterioso caso del Wizard Rock
Il misterioso caso del Wizard Rock
Una roccia del peso di una tonnellata di un parco nazionale dell’Arizona, è misteriosamente scomparso e ricomparso nel giro di poche settimane. Mistero fitto sugli autori e sul motivo del furto
Microsoft, lavorare meno per produrre di più
Microsoft, lavorare meno per produrre di più
La filiale giapponese del colosso informatico ha testato la settimana di 4 giorni lavorativi: la produttività è aumentata del 40%, il risparmio di energia elettrica è salito al 23% e le assenze calate del 25
Harry e Meghan: “Lasciateci vivere”
Harry e Meghan: “Lasciateci vivere”
In un documentario sul loro viaggio in Africa, i duchi del Sussex si lasciano andare a confessioni, caso rarissimo nella royal family, mostrando una grande fragilità
La storia di Sixty-Six Garage
La storia di Sixty-Six Garage
Un uomo in stato vegetativo è rimasto quasi 20 anni ricoverato in una clinica specializzata di San Diego senza che nessuno chiedesse di lui. È stato grazie alla testardaggine di una giornalista, se oggi quell’uomo ha un nome e dei parenti
Hayfa, la principessa in fuga
Hayfa, la principessa in fuga
Sesta moglie dell’Emiro di Dubai, ha iniziato una causa presso l’Alta Corte inglese per ottenere il divorzio, la custodia dei figli e la protezione per le vittime di violenza. Prima di lei avevano tentato la fuga anche due figlie dell’Emiro
Rogo di Notre-Dame: le prime verità
Rogo di Notre-Dame: le prime verità
Un allarme incomprensibile, una verifica nel punto sbagliato: la cattedrale di Parigi è ancora in piedi solo perché i vigili del fuoco hanno deciso di rischiare tutto
Silvia Romano, rapita perché aveva visto troppo
Silvia Romano, rapita perché aveva visto troppo
È una delle nuove ipotesi investigative sulla scomparsa della cooperante milanese: poco prima di essere sequestrata la giovane avrebbe denunciato un uomo per violenza sessuale su due bambine