Piccole bugie estive

| Gli spagnoli sono i turisti europei più propensi a mentire, inventando mete da sogno con amici e colleghi pur di non fare brutta figura. A poche incollature anche gli italiani

+ Miei preferiti
Non è esattamente la sindrome del nano da giardino de “Il favoloso mondo di Amélie”, che mandava selfie da ogni angolo del pianeta senza esserci mai stato, ma più o meno, è qualcosa di vagamente simile. Si tratta di un curioso sondaggio realizzato da “Jetcost”, uno dei motori di ricerca per tariffe di voli, hotel e autonoleggi, che ha scandagliato abitudini ed esperienze vacanziere di 3.000 europei: 500 britannici e altrettanti italiani, tedeschi, portoghesi e francesi che negli ultimi 12 mesi hanno viaggiato almeno una volta. Dal sondaggio, è emerso che tanti, tantissimi mentono o esagerano sulle loro vacanze, raccontando mete da sogno mentre la realtà si limitava ad una doppia con vista su parcheggio in un hotel due stelle per 15 giorni, con il mare invaso da meduse e mucillaggine e il cielo perennemente grigio.

Una verità che il 70% degli intervistati nasconde ad amici, parenti, vicini di casa e colleghi, assicurando al contrario di aver avuto relax, mare pulito, cieli azzurri e cibo da chef stellato: di questi, il 58% giura che la verità sul totale fallimento non la saprà mai nessuno. I motivi? Vergogna nel dire dove si sono realmente trascorse le ferie (34%), impressionare favorevolmente chi si ha davanti (28%), e nascondere che in realtà si è rimasti a casa a guardare il condizionatore (25%). E visto che bisogna impressionare, tanto vale farlo bene: il 33% la spara grossa citando gli Stati Uniti, il 26 millanta mete europee, il 21 sudamericane e caraibiche, il 19 asiatiche e il 15% destinazioni africane. Balle condite da falsi selfie e immagini farlocche pubblicate sui profili social per dare credibilità alla balla.

In cima alla lista della speciale classifica svettano gli spagnoli con il 68%, ma tallonati dagli italiani con il 65: dietro di noi i portoghesi (60), i britannici (58), i francesi (47) e i tedeschi (45). Per quanto ci riguarda, il 32% degli intervistati che ha ammesso di mentire sapendo di farlo: scendendo nel dettaglio il 33% ha mentito sul meteo, il 32 sulla destinazione, il 25 sulla qualità dell’alloggio, il 23 sull’alcol, il 21 sul costo della vacanza da sogno e il 17 sul numero delle escursioni e delle attività.

Turismo
Voli nella bufera
Voli nella bufera
Passata la pandemia gli aerei torneranno a solcare i cieli numerosi come in passato o volare sarà di nuovo privilegio di pochi? Nessuno ha ancora la risposta, ma sono molti gli studiosi che la cercano
Seychelles, l’inferno di un paradiso
Seychelles, l’inferno di un paradiso
Il celebre arcipelago, meta turistica d’élite, da tempo deve vedersela con un livello di tossicodipendenza della popolazione da record. Un popolo vittima del turismo
Il volo senza scalo più lungo del mondo
Il volo senza scalo più lungo del mondo
19 ore e 16 minuti per coprire da New York a Sydney: è il record raggiunto dall’australiana “Qantas”, che conta di essere la prima compagnia ad avere in catalogo i maxivoli
Gli inglesi contro TripAdvisor
Gli inglesi contro TripAdvisor
La rivista dell’associazione dei consumatori inglese accusa il portale turistico più consultato al mondo di fuorviare le scelte di milioni di viaggiatori. Ma il colosso replica: controlliamo, verifichiamo e monitoriamo tutto
Fallisce Superbreak, saltano le vacanze per migliaia di turisti
Fallisce Superbreak, saltano le vacanze per migliaia di turisti
Il colosso delle agenzie di viaggio inglesi stroncato dalla concorrenza low cost, dalle vacanze fai-da-te e dalla crisi europea. Nei guai anche molte aziende turistiche italiane. Piano per i rimborsi
UK: sesso, alcol e violenza sulle navi da crociera
UK: sesso, alcol e violenza sulle navi da crociera
Un’inchiesta di un quotidiano inglese apre una finestra sulle crociere all-inclusive più a buon mercato, dove scorrono fiumi di alcol e la droga è ovunque. Risse e sangue sono all’ordine del giorno
La vita dei concierge a cinque stelle
La vita dei concierge a cinque stelle
Sono addestrati ad esaudire le richieste più strane, insolite e bizzarre. Il loro credo la soddisfazione del cliente, l’obiettivo: non pronunciare mai la parola impossibile. Perché tanto per loro, non esiste
Agente di viaggio a domicilio, è boom
Agente di viaggio a domicilio, è boom
Unico modo per evitare code in agenzia e decisioni frettolose. Con il consulente si possono pianificare le attività più complicate e interessanti. Lo spiega Gianpaolo Romano di CartOrange in vista del Bit di Milano
La macchina della verità in aeroporto
La macchina della verità in aeroporto
Un sistema sofisticato che analizza i micromovimenti facciali: se si è considerati soggetti tranquilli via libera all’ingresso nella UE, altrimenti scattano esami più approfonditi
L’Antitrust blocca Ryanair
L’Antitrust blocca Ryanair
Sospesa la nuova norma che prevedeva un supplemento per il bagaglio a mano da cabina: “Induce in errore il consumatore”