Come cambieranno i viaggi

| La crisi devastante che sta mettendo in ginocchio il comparto del turismo e dell’aviazione civile costringerà a nuovi livelli di igiene e attenzione, ma sfocerà anche in offerte a prezzi stracciati, pur di rianimare il settore

+ Miei preferiti
Una delle maggiori conquiste – per qualcuno limite – della globalizzazione è stata la democratizzazione del viaggio. Se un tempo scavalcare gli oceani e raggiungere mete esotiche era privilegio per pochi, oggi non lo è più, e per di più con costi che sapendo scegliere e aspettare spesso permettono spese realmente contenute. Ma la pandemia ha rimesso in discussione tutto, a cominciare dalla crisi devastante che le compagnie aeree e l’intero settore del turismo stanno attraversando. Man mano che i movimenti in tutto il mondo sono diventati sempre più limitati, è diventato difficile immaginare come sarà l’arte del viaggio al termine del tunnel in cui il pianeta si è infilato a piedi uniti.

“La gente non è cambiata: tutti vogliono ancora viaggiare, ma saranno necessarie molto più cautele di prima - commenta Adam Blake, professore di economia presso il Dipartimento di Turismo e Ospitalità dell’Università di Bournemouth, nel Regno Unito - la prima operazione sarà una sottile opera di persuasione che viaggiare è sicuro, ma dovranno anche essere evidenti cambiamenti reali che dimostrino novi livelli di sicurezza”.

Secondo gli esperti, il turismo ha tutti i numeri per risollevarsi, e chi viaggia potrà godere di trattamenti che finora erano impensabili. “Chi ama le crociere sarà probabilmente attratto da prezzi molto bassi man mano che le compagnie riapriranno le rotte - aggiunge Christopher Anderson, professore di economia alla Cornell University’s Hotel School di Ithaca, New York - la sfida sarà quella di attirare nuovi clienti, un passaggio essenziale per la sopravvivenza”. Secondo Anderson, per rassicurare i viaggiatori, le nuove navi ancora in costruzione potrebbero essere dotate di cabine più grandi per garantire una minore densità di passeggeri a bordo, con riduzione della ristorazione a buffet e incremento dei pasti alla carta per tutti i livelli tariffari. “Tutti, che si tratti di una crociera, di un alloggio o di un hotel, dovranno cambiare il modo in cui monitorano e puliscono gli ambienti in cui i clienti interagiscono”.

Jan Freitag, vicepresidente senior di “Lodging Insights” ha sottolineato che diventerà sempre più fondamentale l’igiene, con “nuove misure visibili” necessarie per mostrare quanto siano pulite le proprietà. Questo significherà disinfettante per le mani ovunque e pulizia regolare e continua delle superfici dure: “Ci saranno regole chiaramente comunicate per far sapere ai clienti, ‘ecco cosa stiamo facendo per tenervi al sicuro’”.

“Se si vuole realmente invertire la tendenza, le compagnie aeree per lungo tempo dovranno volare con posti vuoti a prezzi drasticamente inferiori a quelli degli anni passati”. Diverse compagnie hanno annunciato l’intenzione di eliminare alcuni servizi di ristorazione e di assegnazione di posti intermedi per tagliare i costi e ridurre l’interazione a bordo. E anche se molte aziende si sentono più a proprio agio nelle riunioni e briefing virtuali, Anderson si aspetta che il desiderio di trattare di persona aiuti a stimolare la ripresa delle compagnie aeree. Anderson si aspetta che le compagnie aeree - che hanno esteso una serie di deroghe e di opzioni flessibili di rebooking man mano che l’epidemia avanzava - continueranno ad essere meno rigorose con le spese di cancellazione e di modifica.

Turismo
Il successo dei «voli verso il nulla»
Il successo dei «voli verso il nulla»
I posti del “flight to nowhere” dell’australiana Qantas sono andati esauriti in 10 minuti malgrado i prezzi. Tre ore di volo partendo e arrivando a Sydney sono il sintomo di un bisogno di normalità e del desiderio represso di viaggiare
Ibiza, la festa è finita
Ibiza, la festa è finita
La crisi della capitale assoluta del divertimento e degli eccessi, piegata in due da un turismo che quest’anno non si è visto
Voli nella bufera
Voli nella bufera
Passata la pandemia gli aerei torneranno a solcare i cieli numerosi come in passato o volare sarà di nuovo privilegio di pochi? Nessuno ha ancora la risposta, ma sono molti gli studiosi che la cercano
Seychelles, l’inferno di un paradiso
Seychelles, l’inferno di un paradiso
Il celebre arcipelago, meta turistica d’élite, da tempo deve vedersela con un livello di tossicodipendenza della popolazione da record. Un popolo vittima del turismo
Il volo senza scalo più lungo del mondo
Il volo senza scalo più lungo del mondo
19 ore e 16 minuti per coprire da New York a Sydney: è il record raggiunto dall’australiana “Qantas”, che conta di essere la prima compagnia ad avere in catalogo i maxivoli
Gli inglesi contro TripAdvisor
Gli inglesi contro TripAdvisor
La rivista dell’associazione dei consumatori inglese accusa il portale turistico più consultato al mondo di fuorviare le scelte di milioni di viaggiatori. Ma il colosso replica: controlliamo, verifichiamo e monitoriamo tutto
Fallisce Superbreak, saltano le vacanze per migliaia di turisti
Fallisce Superbreak, saltano le vacanze per migliaia di turisti
Il colosso delle agenzie di viaggio inglesi stroncato dalla concorrenza low cost, dalle vacanze fai-da-te e dalla crisi europea. Nei guai anche molte aziende turistiche italiane. Piano per i rimborsi
UK: sesso, alcol e violenza sulle navi da crociera
UK: sesso, alcol e violenza sulle navi da crociera
Un’inchiesta di un quotidiano inglese apre una finestra sulle crociere all-inclusive più a buon mercato, dove scorrono fiumi di alcol e la droga è ovunque. Risse e sangue sono all’ordine del giorno
La vita dei concierge a cinque stelle
La vita dei concierge a cinque stelle
Sono addestrati ad esaudire le richieste più strane, insolite e bizzarre. Il loro credo la soddisfazione del cliente, l’obiettivo: non pronunciare mai la parola impossibile. Perché tanto per loro, non esiste
Agente di viaggio a domicilio, è boom
Agente di viaggio a domicilio, è boom
Unico modo per evitare code in agenzia e decisioni frettolose. Con il consulente si possono pianificare le attività più complicate e interessanti. Lo spiega Gianpaolo Romano di CartOrange in vista del Bit di Milano