Fly & Drink

| Poche ore fa, due piloti della United Airlines sono stati arrestati all’aeroporto di Glasgow: stavano per decollare verso New York completamente ubriachi. Diversi i casi registrati negli ultimi anni

+ Miei preferiti
Lo scorso novembre, un pilota della compagnia aerea giapponese “Jal”, ha pensato fosse un’ottima idea scolarsi due bottiglie di vino e cinque lattine di birra prima di imbarcarsi per un volo da Londra a Tokyo. A denunciarlo l’autista del bus che ha portato equipaggio e passeggeri verso l’aereo: il comandante puzzava d’alcol e barcollava. Due giorni fa, Gabriel Lyle Schroeder, pilota della “Delta Airlines”, è stato arrestato all’aeroporto di Minneapolis poco prima della partenza del volo per San Diego: era completamente ubriaco. Lo stesso è accaduto poche ore fa a Glasgow, dove pilota e copilota della “United Airlines” in partenza per New York sono finiti con le manette ai polsi: stavano per decollare con a bordo 300 persone.

Le cronache sono piene di episodi simili, fermati per tempo poco dopo i controlli, anche se il sospetto che siano molti di più quelli che la fanno ranca resta. Per la categoria dei piloti, vige il divieto assoluto di bere alcolici almeno otto ore prima del decollo: una raccomandazione che gli inglesi chiamano “Eight hours from bottle to trottle”, ma che le compagnie hanno imparato ad ignorare, sottoponendo i piloti a controlli obbligatori prima della partenza. Di mezzo ci sono la sicurezza dei passeggeri e anche gli effetti che l’alcol può assumere già a 2.000 metri di altitudine, quando la quantità di ossigeno è minore e sale il rischio di ipossia, condizione che può portare a svenimenti improvvisi.

In realtà, negli anni i casi di piloti che hanno sforato in ogni modo il regolamento sono innumerevoli. Nel luglio del 2015, a pochi mesi dal disastro del volo “Germanwings” (il volo fatto precipitare dal pilota suicida il 24 marzo 2015), un pilota della “Kuwait Airlines” ha invitato in cabina una pornostar presente a bordo, con cui ha diviso champagne, risate e foto della vistosa signorina seduta sulle gambe del pilota. Nessuno avrebbe mai saputo nulla, se la pornostar non avesse pubblicato foto e filmati sui social, inguaiando il pilota.

I passeggeri però non sono da meno: le assistenti di volo di tutto il mondo ne hanno viste così tante da averle raccolte in un sito aperto a chiunque abbia un’esperienza da raccontare. E lo stesso ha fatto il sito “Skyscanner”, che qualche anno fa ha raccolto gli sfoghi di circa 700 fra hostess e steward, tutti concordi nel dire che l’evoluzione dell’uomo forse deve ancora iniziare: tante le bestie con cui hanno avuto a che fare.

Turismo
Il successo dei «voli verso il nulla»
Il successo dei «voli verso il nulla»
I posti del “flight to nowhere” dell’australiana Qantas sono andati esauriti in 10 minuti malgrado i prezzi. Tre ore di volo partendo e arrivando a Sydney sono il sintomo di un bisogno di normalità e del desiderio represso di viaggiare
Ibiza, la festa è finita
Ibiza, la festa è finita
La crisi della capitale assoluta del divertimento e degli eccessi, piegata in due da un turismo che quest’anno non si è visto
Voli nella bufera
Voli nella bufera
Passata la pandemia gli aerei torneranno a solcare i cieli numerosi come in passato o volare sarà di nuovo privilegio di pochi? Nessuno ha ancora la risposta, ma sono molti gli studiosi che la cercano
Seychelles, l’inferno di un paradiso
Seychelles, l’inferno di un paradiso
Il celebre arcipelago, meta turistica d’élite, da tempo deve vedersela con un livello di tossicodipendenza della popolazione da record. Un popolo vittima del turismo
Il volo senza scalo più lungo del mondo
Il volo senza scalo più lungo del mondo
19 ore e 16 minuti per coprire da New York a Sydney: è il record raggiunto dall’australiana “Qantas”, che conta di essere la prima compagnia ad avere in catalogo i maxivoli
Gli inglesi contro TripAdvisor
Gli inglesi contro TripAdvisor
La rivista dell’associazione dei consumatori inglese accusa il portale turistico più consultato al mondo di fuorviare le scelte di milioni di viaggiatori. Ma il colosso replica: controlliamo, verifichiamo e monitoriamo tutto
Fallisce Superbreak, saltano le vacanze per migliaia di turisti
Fallisce Superbreak, saltano le vacanze per migliaia di turisti
Il colosso delle agenzie di viaggio inglesi stroncato dalla concorrenza low cost, dalle vacanze fai-da-te e dalla crisi europea. Nei guai anche molte aziende turistiche italiane. Piano per i rimborsi
UK: sesso, alcol e violenza sulle navi da crociera
UK: sesso, alcol e violenza sulle navi da crociera
Un’inchiesta di un quotidiano inglese apre una finestra sulle crociere all-inclusive più a buon mercato, dove scorrono fiumi di alcol e la droga è ovunque. Risse e sangue sono all’ordine del giorno
La vita dei concierge a cinque stelle
La vita dei concierge a cinque stelle
Sono addestrati ad esaudire le richieste più strane, insolite e bizzarre. Il loro credo la soddisfazione del cliente, l’obiettivo: non pronunciare mai la parola impossibile. Perché tanto per loro, non esiste
Agente di viaggio a domicilio, è boom
Agente di viaggio a domicilio, è boom
Unico modo per evitare code in agenzia e decisioni frettolose. Con il consulente si possono pianificare le attività più complicate e interessanti. Lo spiega Gianpaolo Romano di CartOrange in vista del Bit di Milano