Grand Hotel Interstellar

| Entro il 2025, inizierà la costruzione del “Von Braun Space Station”, il primo albergo spaziale di cui si abbia notizia. Posto per 400 persone a settimana, spazi comuni e nessun corso di addestramento

+ Miei preferiti
Altro che crociera nel Mediterraneo o settimana all-inclusive sul Mar Rosso: nella sede dell’azienda americana “Gate Foundation” fervono i lavori perché tutto sia pronto per il 2025, data in cui si inizieranno a inviare in orbita i componenti della “Von Braun Space Station”. Una volta assemblato, sarà il primo hotel spaziale nella storia dell’umanità: una ruota in movimento continuo con 190 metri di diametro, una vera struttura da film di fantascienza capace di ospitare 400 persone, fra astro-turisti e personale, in 24 cabine elegantemente rifinite con vista sull’universo inclusa nel pacchetto di viaggio. 

E se per ovvi motivi sarà necessario rinunciare alle piscine all’aperto, nulla cambierà per le aree comuni, con tanto di cinema, teatri palestre, ristoranti, lounge e cocktail-bar. L’idea è nata pensando di adatta le tecnologie già esistenti della ISS, la Stazione Spaziale Internazionale che orbita a 400 km e dal 2000 ospita stabilmente equipaggi di tutto il mondo, sostituendo astronauti e scienziati con turisti e vacanzieri in cerca di posti esclusivi. Per facilitare i graditi ospiti ed evitare i costosi corsi di addestramento, è stato necessario pensare ad un sistema di gravità artificiale che permetta di camminare normalmente.

Le previsioni dell’azienda sono di 100 astro-turisti alla settimana per i primi periodi, con una proiezione di crescita a dir poco entusiasmante. Nessuna indiscrezione sui prezzi, ma quasi certamente sarà un’esperienza per ricchi e famosi, anche se l’idea della Gateway è di democratizzare le vacanze nello spazio.

Galleria fotografica
Grand Hotel Interstellar - immagine 1
Grand Hotel Interstellar - immagine 2
Grand Hotel Interstellar - immagine 3
Grand Hotel Interstellar - immagine 4
Grand Hotel Interstellar - immagine 5
Turismo
Il successo dei «voli verso il nulla»
Il successo dei «voli verso il nulla»
I posti del “flight to nowhere” dell’australiana Qantas sono andati esauriti in 10 minuti malgrado i prezzi. Tre ore di volo partendo e arrivando a Sydney sono il sintomo di un bisogno di normalità e del desiderio represso di viaggiare
Ibiza, la festa è finita
Ibiza, la festa è finita
La crisi della capitale assoluta del divertimento e degli eccessi, piegata in due da un turismo che quest’anno non si è visto
Voli nella bufera
Voli nella bufera
Passata la pandemia gli aerei torneranno a solcare i cieli numerosi come in passato o volare sarà di nuovo privilegio di pochi? Nessuno ha ancora la risposta, ma sono molti gli studiosi che la cercano
Seychelles, l’inferno di un paradiso
Seychelles, l’inferno di un paradiso
Il celebre arcipelago, meta turistica d’élite, da tempo deve vedersela con un livello di tossicodipendenza della popolazione da record. Un popolo vittima del turismo
Il volo senza scalo più lungo del mondo
Il volo senza scalo più lungo del mondo
19 ore e 16 minuti per coprire da New York a Sydney: è il record raggiunto dall’australiana “Qantas”, che conta di essere la prima compagnia ad avere in catalogo i maxivoli
Gli inglesi contro TripAdvisor
Gli inglesi contro TripAdvisor
La rivista dell’associazione dei consumatori inglese accusa il portale turistico più consultato al mondo di fuorviare le scelte di milioni di viaggiatori. Ma il colosso replica: controlliamo, verifichiamo e monitoriamo tutto
Fallisce Superbreak, saltano le vacanze per migliaia di turisti
Fallisce Superbreak, saltano le vacanze per migliaia di turisti
Il colosso delle agenzie di viaggio inglesi stroncato dalla concorrenza low cost, dalle vacanze fai-da-te e dalla crisi europea. Nei guai anche molte aziende turistiche italiane. Piano per i rimborsi
UK: sesso, alcol e violenza sulle navi da crociera
UK: sesso, alcol e violenza sulle navi da crociera
Un’inchiesta di un quotidiano inglese apre una finestra sulle crociere all-inclusive più a buon mercato, dove scorrono fiumi di alcol e la droga è ovunque. Risse e sangue sono all’ordine del giorno
La vita dei concierge a cinque stelle
La vita dei concierge a cinque stelle
Sono addestrati ad esaudire le richieste più strane, insolite e bizzarre. Il loro credo la soddisfazione del cliente, l’obiettivo: non pronunciare mai la parola impossibile. Perché tanto per loro, non esiste
Agente di viaggio a domicilio, è boom
Agente di viaggio a domicilio, è boom
Unico modo per evitare code in agenzia e decisioni frettolose. Con il consulente si possono pianificare le attività più complicate e interessanti. Lo spiega Gianpaolo Romano di CartOrange in vista del Bit di Milano