I test di Gatwick per annullare le file agli imbarchi

| Per due mesi, i passeggeri del gate 101 dello scalo londinese saranno imbarcati cominciando dai posti finestrino delle ultime file di ogni lato del velivolo. Secondo gli esperti è la soluzione per risolvere il problema

+ Miei preferiti
Aeroporto di Gatwick, il secondo scalo più importante di Londra: 45,5milioni di passeggeri in transito ogni anno. L’equivalente della popolazione di Spagna, Argentina o Uganda che significa un problema enorme di gestione, con file interminabili, nervi tesi e rischi crescenti, specie per coloro (la maggioranza) che non hanno accesso alle lounge riservate delle compagnie aeree. 

Secondo le regole, ogni aeroporto è libero di scegliere come affrontare le file di attesa ai gate: qualcuno preferisce imbarcare prima i passeggeri delle classi superiori, altri optano di farli salire a bordo solo alla fine, dopo la massa dell’economy, altri ancora danno la priorità a disabili e alle famiglie con bambini piccoli, c’è poi chi divide l’aereo in zone e per finire qualcuno non riesce a dare alcun ordine perché i passeggeri raggiungono l’aereo a bordo di un autobus, e a quel punto il caos regna sovrano, con attese snervanti sulle scalette in attesa che i bagagli finiscano nei vani sopra i sedili. Ritardi che accumulandosi diventano un problema anche per le compagnie e gli stessi aeroporti, costretti a riorganizzare gli orari di partenze e le coincidenze.

Dopo aver studiato per anni come limitare il supplizio più odiato dai passeggeri, a Gatwick sono convinti di aver trovato la soluzione giusta. Per cominciare c’erano un paio di ostacoli in più: convincere una per una le compagnie aeree e cambiare radicalmente le regole di una macchina dalla gestione complicatissima complicata come lo scalo di Gatwick.

Da qualche giorno, in una fase di test di due mesi, è stata attivata una nuova procedura di imbarco per adesso limitata al gate 101, dove le procedure d’imbarco avvengono attraverso il numero della fila e il posto assegnato sul biglietto. Gli esperti sono convinti che sia sufficiente ad abbattere i tempi di attesa del 10%, ma anche che sarà necessario un periodo di rodaggio per abituare i passeggeri all’idea di attendere la chiamata personale attraverso uno schermo, iniziando dalle file posteriori e i posti finestrino di un lato dell’aereo per volta, e procedendo poi verso le prime file e i sedili lato corridoio. Unica eccezione per le famiglie, autorizzate a salire insieme, e nessuno sconto per chi si distrae: salirà per ultimo, non per punizione, ma per non scombussolare la procedura.

Turismo
Quando torneremo in vacanza?
Quando torneremo in vacanza?
Alcuni esperti in turismo intravedono la luce in fondo al tunnel: entro l’estate potrebbero riaprire i voli a corto raggio, mentre per quelli internazionali servirà più tempo. La normalità? Non prima del prossimo anno
Boom di prenotazioni aeree per la prossima estate
Boom di prenotazioni aeree per la prossima estate
Grazie all’effetto vaccino, la compagnia lowcost easyJet annuncia il +250% rispetto allo scorso anno. Aumentano le prenotazioni, malgrado le nuove varianti del virus spaventino ancora molto
I passaporti del cielo
I passaporti del cielo
Diverse compagnie aeree premono per la creazione di passaporti sanitari digitali che creino standard di viaggio. Al programma CommonPass hanno già aderito diverse compagnie e la IATA ha annunciato l’arrivo di una “app”
Cina: Tripadvisor è fuorilegge
Cina: Tripadvisor è fuorilegge
L’applicazione turistica più celebre bloccata insieme ad oltre 100, sono state appena bloccate dalla “Cyberspace Administration of China”. Un’operazione voluta da Pechino “per ripulire il web da contenuti osceni”
Il successo dei «voli verso il nulla»
Il successo dei «voli verso il nulla»
I posti del “flight to nowhere” dell’australiana Qantas sono andati esauriti in 10 minuti malgrado i prezzi. Tre ore di volo partendo e arrivando a Sydney sono il sintomo di un bisogno di normalità e del desiderio represso di viaggiare
Ibiza, la festa è finita
Ibiza, la festa è finita
La crisi della capitale assoluta del divertimento e degli eccessi, piegata in due da un turismo che quest’anno non si è visto
Voli nella bufera
Voli nella bufera
Passata la pandemia gli aerei torneranno a solcare i cieli numerosi come in passato o volare sarà di nuovo privilegio di pochi? Nessuno ha ancora la risposta, ma sono molti gli studiosi che la cercano
Seychelles, l’inferno di un paradiso
Seychelles, l’inferno di un paradiso
Il celebre arcipelago, meta turistica d’élite, da tempo deve vedersela con un livello di tossicodipendenza della popolazione da record. Un popolo vittima del turismo
Il volo senza scalo più lungo del mondo
Il volo senza scalo più lungo del mondo
19 ore e 16 minuti per coprire da New York a Sydney: è il record raggiunto dall’australiana “Qantas”, che conta di essere la prima compagnia ad avere in catalogo i maxivoli
Gli inglesi contro TripAdvisor
Gli inglesi contro TripAdvisor
La rivista dell’associazione dei consumatori inglese accusa il portale turistico più consultato al mondo di fuorviare le scelte di milioni di viaggiatori. Ma il colosso replica: controlliamo, verifichiamo e monitoriamo tutto