Bracconiere ucciso e sbranato

| Secondo i ranger del Kruger Park, in Sudafrica, l’uomo sarebbe stato attaccato da un elefante e finito dai leoni. La lotta impari contro i bracconieri che stanno decimando i rinoceronti per rubare i corni

+ Miei preferiti
La scoperta dei ranger del “Kruger National Park”, la più grande riserva naturale del Sudafrica, è stata macabra: un cranio e brandelli di un paio di pantaloni. Non restava altro di un sospetto bracconiere che si era introdotto nel parco illegalmente insieme ad altre tre persone con l’idea di tornare a casa con un corno di rinoceronte. Secondo le prime ricostruzioni e le testimonianze degli altri uomini, il bracconiere sarebbe stato assalito da un elefante che dopo averlo ucciso, o forse ferito in modo grave, si è allontanato lasciando ad un gruppo di leoni il compito di finire il lavoro.

La famiglia dell’uomo, di cui non sono state divulgate le generalità, è stata avvisata da Don English, regional manager del Kruger, che ha anche assicurato di voler recuperare il corpo quanto prima. Il primo tentativo, a poche ore dalla denuncia di sparizione fatta dai compagni di caccia dell’uomo, è andato a vuoto per il sopraggiungere della notte: il giorno successivo, i resti del bracconiere sono stati individuati. “Dalla lettura delle tracce trovate sulla scena siamo quasi certi un branco di leoni abbia divorato i resti, lasciando solo un cranio e un po’ di stoffa di quelli che pensiamo potessero essere dei pantaloni”.

Glenn Phillips, l’amministratore delegato del Kruger National Park, ha voluto porgere le sue condoglianze alla famiglia dell’uomo, ricordando però che “Entrare illegalmente e a piedi nel Kruger National Park non è saggio: il parco è pericoloso e questo incidente ne è la prova. È molto triste aver dovuto comunicare la notizia alla famiglia della vittima, e peggio ancora raccontare che sarà possibile restituire loro ben poco di quel che resta del suo corpo”.

I tre superstiti della tragedia, arrestati dalla “South African Police Service”, hanno ammesso di essersi introdotti all’interno del parco con l’idea di uccidere dei rinoceronti per prelevarne il corno, l’arma di difesa del potente animale su cui aleggia una leggenda che si tratti di un potente afrodisiaco. Il che in alcune parti del mondo lo rende più prezioso della cocaina.

Ma sul mercato nero la richiesta è fortissima, e la caccia che sta mettendo a rischio estinzione il rinoceronte nero, considerato in pericolo dopo un crollo demografico che nel 1970 stimava 65.000 capi e nel 1995 solo più 2.400. Gli sforzi per la tutela e la protezione hanno permesso di ripopolare la savana e limitare quanto più possibile le perdite, e oggi i circa 5.000 rinoceronti neri rimasti al mondo vivono prevalentemente in Sud Africa, Namibia, Kenya e Zimbabwe.

Il Kruger, che si estende su un’area di 20mila km quadrati, è considerata una zona di massima protezione faunistica e ambientale, e il governo impiega molte risorse per scoraggiare e combattere il bracconaggio utilizzando aerei, cani, ranger e un’unità di investigazione per i crimini ambientali. Dei 680 arresti per traffico e bracconaggio effettuati nel 2016 dai servizi di polizia sudafricana, 417 sono avvenuti dentro e intorno al Kruger. Nel 2016, all’interno del parco vivevano tra i 349 e i 465 rinoceronti neri e circa 7.000 bianchi. Oggi sono molti meno.

Africa
Silvia a Natale era ancora viva
Silvia a Natale era ancora viva
Vertice italo-keniota a Nairobi sulle sorti della cooperante italiana rapita il 22 novembre. Arrestati i primi rapitori, presto il processo. Ma avrebbero ceduto la giovane ad altre bande. Forse terroristi islamici
Se la vagina della madre del presidente quel giorno l'avesse affogato...
Se la vagina della madre del presidente quel giorno l
Bottiglie di plastica per pagare le rette scolastiche
Bottiglie di plastica per pagare le rette scolastiche
Le madri le raccolgono nelle sterminate discariche a di Lagos, Nigeria. La plastica viene poi riciclata. Un progetto che tutela il diritto allo studio e l'ambiente. già coinvolte un migliaia di famiglie
La vendetta contro una banda di pedofili
La vendetta contro una banda di pedofili
A Johannesburg, in Sudafrica, la folla inferocita ha preso d’assalto una gang che aveva appena violentato due ragazzine. Uno dei balordi è stato ucciso in modo atroce
Uccidere leoni prigionieri, l'ultima moda
Uccidere leoni prigionieri, l
Hanno scatenato rabbia e indignazione le foto del manager inglese Alex Gloss in casa con leoni appena uccisi in aree recintate. I falsi safari costano somme ingenti. Animali uccisi dai cinesi in nome della "medicina tradizionale"
Si libera del suo bimbo gettandolo nello scarico del bagno di un aereo
Si libera del suo bimbo gettandolo nello scarico del bagno di un aereo
Indagini su un atroce episodio in Sudafrica. L'addetta alle pulizie di un Boeing della Flysafair s'è accorta che la toilette era intasata da un neonato morto. Volo sospeso e scuse della compagnia. Inchiesta, caccia alla madre assassina
Bikers assassini, strage in Mali
Bikers assassini, strage in Mali
Un centinaio di armati in moto fa irruzione nei villaggi e fa strage di civili: 41 morti in due raid. Vittime di etnia Dogon. E' in atto un conflitto etnico che ha già provocato centinaia di morti tra opposte fazioni. Governo impotente
1860: negli Usa in catene sulle navi
ma oggi gli africani vogliono l'America
1860: negli Usa in catene sulle navi<br>ma oggi gli africani vogliono l
Viene trovata l'ultima nave negriera affondata in Alabama nel 1860. Trasportava 110 africani strappati alla loro terra. Oggi, dagli stessi confini, centinaia migranti da Congo e Angola attraversano i confini del Sud per vivere in USA
Attentato in Egitto, si teme per il turismo
Attentato in Egitto, si teme per il turismo
La bomba che ha ferito 17 turisti sudafricani alle Piramidi del Cairo riaccende le preoccupazioni delle autorità per il turismo, voce fondamentale nell’economia egiziana
Silvia sparita: 'Rompiamo il silenzio'
Silvia sparita:
Da sei mesi nessuna notizia di Silvia Romano, la 22enne rapita in Kenya il 20 novembre. Appello a Quirinale e istituzioni. Mistero anche su Luca Tacchetto, Edith Blais e padre Gigi Maccalli, sparti nel Bourkina Faso