Bracconiere ucciso e sbranato

| Secondo i ranger del Kruger Park, in Sudafrica, l’uomo sarebbe stato attaccato da un elefante e finito dai leoni. La lotta impari contro i bracconieri che stanno decimando i rinoceronti per rubare i corni

+ Miei preferiti
La scoperta dei ranger del “Kruger National Park”, la più grande riserva naturale del Sudafrica, è stata macabra: un cranio e brandelli di un paio di pantaloni. Non restava altro di un sospetto bracconiere che si era introdotto nel parco illegalmente insieme ad altre tre persone con l’idea di tornare a casa con un corno di rinoceronte. Secondo le prime ricostruzioni e le testimonianze degli altri uomini, il bracconiere sarebbe stato assalito da un elefante che dopo averlo ucciso, o forse ferito in modo grave, si è allontanato lasciando ad un gruppo di leoni il compito di finire il lavoro.

La famiglia dell’uomo, di cui non sono state divulgate le generalità, è stata avvisata da Don English, regional manager del Kruger, che ha anche assicurato di voler recuperare il corpo quanto prima. Il primo tentativo, a poche ore dalla denuncia di sparizione fatta dai compagni di caccia dell’uomo, è andato a vuoto per il sopraggiungere della notte: il giorno successivo, i resti del bracconiere sono stati individuati. “Dalla lettura delle tracce trovate sulla scena siamo quasi certi un branco di leoni abbia divorato i resti, lasciando solo un cranio e un po’ di stoffa di quelli che pensiamo potessero essere dei pantaloni”.

Glenn Phillips, l’amministratore delegato del Kruger National Park, ha voluto porgere le sue condoglianze alla famiglia dell’uomo, ricordando però che “Entrare illegalmente e a piedi nel Kruger National Park non è saggio: il parco è pericoloso e questo incidente ne è la prova. È molto triste aver dovuto comunicare la notizia alla famiglia della vittima, e peggio ancora raccontare che sarà possibile restituire loro ben poco di quel che resta del suo corpo”.

I tre superstiti della tragedia, arrestati dalla “South African Police Service”, hanno ammesso di essersi introdotti all’interno del parco con l’idea di uccidere dei rinoceronti per prelevarne il corno, l’arma di difesa del potente animale su cui aleggia una leggenda che si tratti di un potente afrodisiaco. Il che in alcune parti del mondo lo rende più prezioso della cocaina.

Ma sul mercato nero la richiesta è fortissima, e la caccia che sta mettendo a rischio estinzione il rinoceronte nero, considerato in pericolo dopo un crollo demografico che nel 1970 stimava 65.000 capi e nel 1995 solo più 2.400. Gli sforzi per la tutela e la protezione hanno permesso di ripopolare la savana e limitare quanto più possibile le perdite, e oggi i circa 5.000 rinoceronti neri rimasti al mondo vivono prevalentemente in Sud Africa, Namibia, Kenya e Zimbabwe.

Il Kruger, che si estende su un’area di 20mila km quadrati, è considerata una zona di massima protezione faunistica e ambientale, e il governo impiega molte risorse per scoraggiare e combattere il bracconaggio utilizzando aerei, cani, ranger e un’unità di investigazione per i crimini ambientali. Dei 680 arresti per traffico e bracconaggio effettuati nel 2016 dai servizi di polizia sudafricana, 417 sono avvenuti dentro e intorno al Kruger. Nel 2016, all’interno del parco vivevano tra i 349 e i 465 rinoceronti neri e circa 7.000 bianchi. Oggi sono molti meno.

Africa
Zambia, strage di cinesi
Zambia, strage di cinesi
Tre cittadini della comunità cinese residente nel Paese africano massacrati all’interno dell’azienda tessile che gestivano da 20 anni. Cresce l'odio verso l’influenza crescente di Pechino nella vita del Paese africano
Il giallo (col morto) che sconvolge il Lesotho
Il giallo (col morto) che sconvolge il Lesotho
Maesaiah Thabane, la first lady del piccolo regno africano, accusata dell’omicidio dell’ex moglie del marito
Luanda Leaks, il giallo della regina d’Africa
Luanda Leaks, il giallo della regina d’Africa
Isabel dos Santos, figlia dell’ex presidente dell’Angola, è accusata di aver sfruttato la rete di corruzione creata dal padre per dirottare milioni di dollari statali sui propri conti. Nel caso anche una morte sospetta
Congo, strage di bambini per il morbillo
Congo, strage di bambini per il morbillo
Più di 6.000 morti e 310mila nuovi casi segnalati in tutto il Paese. E all’epidemia di morbillo, si aggiunge quella dell’Ebola. L’allarme dell’OMS: non abbiamo fondi a sufficienza per i vaccini
Congo, 4.000 morti di morbillo
Congo, 4.000 morti di morbillo
Una delle più devastanti epidemie del mondo è in corso nel paese africano: l’Unicef in campo per vaccinare quanti più bimbi sia possibile, le principali vittime del contagio
Scandalo sessuale nelle università africane
Scandalo sessuale nelle università africane
La giornalista della BBC Kiki Mordi ha indagato sotto copertura per un anno, svelando il sistema di ricatti del corpo docente, che chiede sesso in cambio di bei voti
Dal terrorismo ai barconi
Dal terrorismo ai barconi
Anche nelle nazioni africane dove il jihadismo non è mai stato presente, negli ultimi anni la situazione è sensibilmente peggiorata. Solo la cooperazione internazionale permetterà di evitare attentati e salvare vite umane
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Bimba congolese trovata positiva, aveva appena passato il confine con la madre. Allarme delle autorità sanitarie ugandesi. I timori ONU che l'epidemia possa ulteriormente estendersi nell'Africa Centrale
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Alcuni si sono pentiti e hanno confessato i loro crimini ma i parenti delle vittime gettate in fosse comuni dopo torture e strangolamenti. "Non sono pentiti, vogliono solo salvarsi". Un killer: "Dio ci disse di uccidere"
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
E' accaduto in Burundi al confine con la Tanzania, dal 2008 già uccisi 20 bambini. Traffico dei corpi per fini propiziatori. Il governo contro i "medici stregoni", la drammatica denuncia di Albinos Without Borders