Ebola, in Congo la guerra dei vaccini

| Intanto, dopo la morte di un bambino, il Ruanda blinda le frontiere con il Congo tra le polemiche. Contrasti se sperimentare un nuovo vaccino o se utilizzare quelli già prodotti. Ministro congolese si dimette per protesta. Casi in aumento

+ Miei preferiti

Il Ruanda ha blindato il confine con la Repubblica Democratica del Congo, dove un mortale epidemia di Ebola iniziata un anno fa ha già ucciso più di 1.803 persone, con il numero dei casi sempre più in aumento. E’ stata decisa dopo una seconda morte legata al virus Ebola, confermata mercoledì scorso nella densamente popolata città congolese di Goma, che si trova al confine con il Ruanda, scrive The Guardian.

L'Organizzazione mondiale della sanità, che il mese scorso ha dichiarato l'epidemia in Congo un'emergenza sanitaria globale, ha denunciato che il rischio di diffusione regionale era "molto alto”. L'ufficio della presidenza della Repubblica Democratica del Congo si è rammaricato di quella che ha descritto come una decisione unilaterale delle autorità ruandesi di limitare il movimento al confine, "che è in contrasto con i consigli dell'Organizzazione Mondiale della Sanità".

"Sulla base di una decisione unilaterale delle autorità ruandesi, i cittadini ruandesi non possono andare a Goma e i congolesi non possono lasciare Gisenyi ma non possono tornare a casa", ha detto la dichiarazione. "Questa decisione danneggia un certo numero di congolesi ed espatriati che vivono a Gisenyi ma lavorano a Goma".

"Le squadre di intervento continuano a garantire che la città di Goma sia fuori pericolo", ha promesso. Un giornalista dell'AFP al valico di Goma-Gisenyi ha confermato che la frontiera è stata chiusa. Non c'è stato un annuncio o una reazione immediata da parte del Ruanda.Gli esperti sanitari temono l'insorgenza di malattie contagiose nelle grandi città. In un ambiente urbano, la densità di popolazione, l'anonimato e l'elevata mobilità rendono molto più difficile isolare i pazienti e rintracciare i contatti rispetto alla campagna. È iniziato l'accurato lavoro di ricerca, monitoraggio e vaccinazione delle persone che hanno avuto contatti con l'uomo deceduto mercoledì e i contatti di tali contatti.

L'escalation della crisi ha portato a una disputa all'interno del ministero della sanità del Congo, che sta coordinando gli sforzi nazionali per contenere la diffusione del virus. La settimana scorsa il ministro della salute, Oly Ilunga Kalenga, si è dimesso per protestare contro la gestione dell'epidemia di Ebola. Ha detto che le agenzie internazionali stanno facendo pressione sul suo governo per permettere la sperimentazione di un nuovo vaccino sviluppato da Johnson & Johnson & Johnson. La disputa sulle prove del vaccino è cominciata dopo che Ilunga avrebbe vietato le prove cliniche del nuovo vaccino nella Repubblica Democratica del Congo.

Nella precedente epidemia in Africa occidentale, un vaccino, prodotto da Merck, è stato sperimentato con successo in Guinea. Il successo di tale prova ha consentito di somministrare vaccini Merck preventivi ai cittadini della RDC e di contenere potenzialmente l’epidemia. Ilunga ha sostenuto che la sperimentazione di vaccini nelle regioni colpite dall'Ebola potrebbe erodere la fiducia del pubblico nel governo.

Il vaccino di Merck richiede una sola iniezione, mentre il nuovo vaccino di Johnson & Johnson deve essere preso in due dosi.

I funzionari e le ONG temono che le discrepanze nei programmi di vaccinazione - con alcune persone che ricevono una sola dose e altre due - possano alimentare le voci sui vaccini nelle comunità locali.

Itimana scorsa l'Arabia Saudita ha smesso di rilasciare visti a persone provenienti dalla RDåC, citando l'epidemia di Ebola, poco prima del pellegrinaggio annuale dell'hajj di questo mese.

Africa
Congo, 4.000 morti di morbillo
Congo, 4.000 morti di morbillo
Una delle più devastanti epidemie del mondo è in corso nel paese africano: l’Unicef in campo per vaccinare quanti più bimbi sia possibile, le principali vittime del contagio
Scandalo sessuale nelle università africane
Scandalo sessuale nelle università africane
La giornalista della BBC Kiki Mordi ha indagato sotto copertura per un anno, svelando il sistema di ricatti del corpo docente, che chiede sesso in cambio di bei voti
Dal terrorismo ai barconi
Dal terrorismo ai barconi
Anche nelle nazioni africane dove il jihadismo non è mai stato presente, negli ultimi anni la situazione è sensibilmente peggiorata. Solo la cooperazione internazionale permetterà di evitare attentati e salvare vite umane
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Bimba congolese trovata positiva, aveva appena passato il confine con la madre. Allarme delle autorità sanitarie ugandesi. I timori ONU che l'epidemia possa ulteriormente estendersi nell'Africa Centrale
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Alcuni si sono pentiti e hanno confessato i loro crimini ma i parenti delle vittime gettate in fosse comuni dopo torture e strangolamenti. "Non sono pentiti, vogliono solo salvarsi". Un killer: "Dio ci disse di uccidere"
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
E' accaduto in Burundi al confine con la Tanzania, dal 2008 già uccisi 20 bambini. Traffico dei corpi per fini propiziatori. Il governo contro i "medici stregoni", la drammatica denuncia di Albinos Without Borders
Ebola, il virus invade il Congo
Ebola, il virus invade il Congo
Morta una madre 24enne, infettato anche il suo bimbo. Già 1800 morti. Difficoltà nel dispare le terapie a causa della guerra civile in atto in alcune aree del Paese. Timori di un ulteriore allargamento. I dati OMS
Marocco: lo scandalo delle volontarie in short
Marocco: lo scandalo delle volontarie in short
Proteste e minacce per le immagini delle giovani, in short e canottiera per combattere il caldo. Ma buona parte del Paese si schiera con loro
Epidemia Ebola, emergenza mondiale
Epidemia Ebola, emergenza mondiale
Si estende il focolaio nel Congo, frontiere prossime alla chiusura. Contaminato un pastore evangelico a Goma. Centinaia di casi, l'Onu lancia l'allarme globale
Silvia a Natale era ancora viva
Silvia a Natale era ancora viva
Vertice italo-keniota a Nairobi sulle sorti della cooperante italiana rapita il 22 novembre. Arrestati i primi rapitori, presto il processo. Ma avrebbero ceduto la giovane ad altre bande. Forse terroristi islamici