Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers

| Alcuni si sono pentiti e hanno confessato i loro crimini ma i parenti delle vittime gettate in fosse comuni dopo torture e strangolamenti. "Non sono pentiti, vogliono solo salvarsi". Un killer: "Dio ci disse di uccidere"

+ Miei preferiti

Uno dei più noti assassini del Gambia, Malick Jatta, ex membro degli Junglers, una squadra della morte  agli ordini dell'ex presidente del paese, Yahya Jammeh, i cui abusi, che per oltre 22 anni al potere, sono stati rivelati da una commissione per la verità, la riconciliazione e i risarcimenti, trasmessa in diretta bella case della più piccola nazione continentale dell’Africa. Jatta ora testimonia davanti alla commissione verità, riconciliazione e risarcimenti. Seduto in uniforme e berretto davanti a un gruppo di commissari, Jatta, il primo Jungler a testimoniare, ha spiegato come lui e la sua squadra hanno ucciso uno dei giornalisti più importanti del Gambia, Deyda Hydara.

Un secondo, Omar Jallow, ha descritto in dettaglio come ha condotto i migranti dell'Africa occidentale ingiustamente accusati di essere mercenari alla loro morte, uno ad uno, prima che Jatta e un altro Jungler li giustiziassero, i corpi gettati in una fossa comune. Jatta ha ammesso di aver ucciso un solo migrante. Alcune delle loro vittime sono state soffocate da sacchetti di plastica, alcune hanno sparato, altre hanno tagliato a pezzi o gettato in pozzi. La loro ricompensa per questa testimonianza è stata la liberazione, per l'indignazione di molti, specialmente delle famiglie delle loro vittime.

"Un assassino è sempre un assassino", ha detto Aisha Jammeh, che era in prima fila alla TRRC quando Omar Jallow ha descritto come ha legato una corda intorno al collo di suo padre, un cugino dell'ex presidente con cui era caduto, e lo ha aiutato a strangolarlo a morte. "E' inaccettabile che queste persone vadano liberamente per le strade", ha detto Baba Hydara, figlio del giornalista assassinato. Non sono pentiti. Stanno solo cercando di salvarsi dal passare il resto dei loro anni in prigione. Non sono nemmeno sinceri".

Jatta è tornato al villaggio costiero dove è nato, Tujereng, i cui abitanti sarebbero protetti da forze spirituali. Era a casa in tempo per le celebrazioni dell’Eid. Jatta ha detto al Guardian che sarebbe stato in ginocchio alle famiglie delle sue vittime se gli avessero permesso di "chiedere coraggiosamente il loro perdono", ma ha anche accusato le uccisioni di Jammeh, la catena di comando dell'esercito - e di Dio. "Egli (Dio) l'ha ordinato. Egli può avere uno scopo che tu ed io non sapremo. Qualsiasi cosa facciamo è solo dai Suoi decreti. Non sono una persona cattiva".

Lasciare andare gli Junglers era la cosa legittima da fare, ha detto il ministro della giustizia, Abubacarr Tambadou, al Guardian, poiché nessuno di loro è stato accusato di alcun crimine in più di due anni di detenzione."Vogliamo garantire che la giustizia sia fatta giustizia in modo giusto ed equo", ha detto. Tambadou ha lasciato andare finora solo quattro persone e deciderà nei prossimi giorni sul destino degli altri due che hanno ripetutamente mentito alla  commissione.

 

Africa
Congo, 4.000 morti di morbillo
Congo, 4.000 morti di morbillo
Una delle più devastanti epidemie del mondo è in corso nel paese africano: l’Unicef in campo per vaccinare quanti più bimbi sia possibile, le principali vittime del contagio
Scandalo sessuale nelle università africane
Scandalo sessuale nelle università africane
La giornalista della BBC Kiki Mordi ha indagato sotto copertura per un anno, svelando il sistema di ricatti del corpo docente, che chiede sesso in cambio di bei voti
Dal terrorismo ai barconi
Dal terrorismo ai barconi
Anche nelle nazioni africane dove il jihadismo non è mai stato presente, negli ultimi anni la situazione è sensibilmente peggiorata. Solo la cooperazione internazionale permetterà di evitare attentati e salvare vite umane
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Bimba congolese trovata positiva, aveva appena passato il confine con la madre. Allarme delle autorità sanitarie ugandesi. I timori ONU che l'epidemia possa ulteriormente estendersi nell'Africa Centrale
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
E' accaduto in Burundi al confine con la Tanzania, dal 2008 già uccisi 20 bambini. Traffico dei corpi per fini propiziatori. Il governo contro i "medici stregoni", la drammatica denuncia di Albinos Without Borders
Ebola, il virus invade il Congo
Ebola, il virus invade il Congo
Morta una madre 24enne, infettato anche il suo bimbo. Già 1800 morti. Difficoltà nel dispare le terapie a causa della guerra civile in atto in alcune aree del Paese. Timori di un ulteriore allargamento. I dati OMS
Marocco: lo scandalo delle volontarie in short
Marocco: lo scandalo delle volontarie in short
Proteste e minacce per le immagini delle giovani, in short e canottiera per combattere il caldo. Ma buona parte del Paese si schiera con loro
Ebola, in Congo la guerra dei vaccini
Ebola, in Congo la guerra dei vaccini
Intanto, dopo la morte di un bambino, il Ruanda blinda le frontiere con il Congo tra le polemiche. Contrasti se sperimentare un nuovo vaccino o se utilizzare quelli già prodotti. Ministro congolese si dimette per protesta. Casi in aumento
Epidemia Ebola, emergenza mondiale
Epidemia Ebola, emergenza mondiale
Si estende il focolaio nel Congo, frontiere prossime alla chiusura. Contaminato un pastore evangelico a Goma. Centinaia di casi, l'Onu lancia l'allarme globale
Silvia a Natale era ancora viva
Silvia a Natale era ancora viva
Vertice italo-keniota a Nairobi sulle sorti della cooperante italiana rapita il 22 novembre. Arrestati i primi rapitori, presto il processo. Ma avrebbero ceduto la giovane ad altre bande. Forse terroristi islamici