Il giallo (col morto) che sconvolge il Lesotho

| Maesaiah Thabane, la first lady del piccolo regno africano, accusata dell’omicidio dell’ex moglie del marito

+ Miei preferiti
Dopo settimane di clandestinità in Sudafrica, presumibilmente aiutata da qualcuno che l’ha aiutata a fuggire nascosta a bordo di un’auto, martedì scorso Maesaiah Thabane, first lady del piccolo e poverissimo regno del Lesotho, è tornata nel suo Paese per consegnarsi alla polizia. La sera stessa, i procuratori della Corona hanno accusato ufficialmente la first lady dell’omicidio di Lipolelo Thabane, prima moglie del marito, Thomas Thabane, attuale premier in carica, e del tentato omicidio di un’altra donna.

Un caso zeppo di dettagli scioccanti che hanno gettato nello sconcerto il piccolo paese di meno di 2 milioni di abitanti, costringendo Tom Thabane a promettere le sue dimissioni. Ma soprattutto una finestra che si è finalmente aperta sulle torbide politiche di potere che hanno a lungo dominato la cultura del Lesotho.

Nel giugno del 2017, alcuni killer ancora sconosciuti, hanno ucciso a colpi d’arma da fuoco Lipolelo Thabane davanti alla sua abitazione, appena due giorni prima che il marito prestasse giuramento per il secondo mandato come premier.

La coppia era separata da tempo, ma non aveva mai divorziato formalmente, e un tribunale aveva stabilito che Lipolelo avrebbe dovuto mantenere i benefici e i vantaggi acquisiti con il ruolo di first lady.

Il suo assassinio ha spianato la strada a Maesaiah, che aveva avuto una relazione con il Primo Ministro per diversi anni. Per completare il piano diabolico non ci volle molto: meno di tre mesi dopo, la coppia si è sposata con una cerimonia cattolica allo stadio “Setsoto” di Maseru. La futura first lady si è calata subito nella parte, facendo aspettare il primo ministro per circa due ore prima di comparire.

La stampa locale si è soffermata sull’impressionante abito da sposa color crema e oro di Maesaiah, ma nessuno fino a pochi giorni fa aveva mai osato accostare il suo nome all’omicidio. In realtà, dopo lo shock iniziale dell’assassinio di Lipolelo Thabane, l’opinione pubblica non ha più sentito quasi nulla delle indagini sull’omicidio e degli sforzi per trovare assassini e mandanti. Nel frattempo, la nuova first lady si è tuffata a capofitto nel suo nuovo ruolo, portando un’energia alle responsabilità e gli impegni del marito.

Ma fra la gente, per le strade, la nuova first lady era da tempo al centro di polemiche e dicerie: una prima conferma è arrivata quando il suo nome è comparso in un caso che coinvolgeva un impiegato che la accusava di aver rubato dal suo fondo di beneficenza: pochi giorni dopo, malgrado fosse rinchiuso in una cella, l’uomo è scomparso nel nulla. Non era che il primo caso a gettare ombre scure su Maesaiah Thabane: dopo un incidente stradale a Maseru, la firts lady si era recata all’ospedale per fare visita all’automobilista coinvolto, finendo alle mani con un parente.

E le accuse di omicidio avrebbero potuto non emergere mai se non fosse stato per un gioco di potere del Primo Ministro alla fine dell’anno scorso. Mentre Holomo Molibeli, capo della polizia del Lesotho, dirigeva le indagini sull’omicidio dell’ex first lady, il premier ha tentato di costringerlo alle dimissioni con la forza. In risposta al licenziamento, Molibeli è corso in tribunale mostrando una lettera esplosiva che aveva scritto al primo ministro. Nella missiva, si afferma che “il cellulare della first lady è stato usato per chiamare una persona sulla scena del crimine nell’esatto momento dell'assassinio. Le indagini indicano inoltre che il suddetto numero di cellulare appartiene a sua moglie, Maesaiah Thabane”, si legge nella lettera.

La lettera ha scatenato ripercussioni che si stanno ancora facendo sentire: Molibeli ha mantenuto il suo lavoro, ma il primo ministro ha subito enormi pressioni per dimettersi, con il suo stesso partito che ha dichiarato di trovarlo inadatto alla guida del Paese.

Il 10 gennaio, quando non si è presentata volontariamente per un interrogatorio, la polizia ha emesso un mandato d’arresto per la first lady, che ha lasciato il Paese poco dopo.

Secondo la polizia, altri otto sospetti saranno accusati a breve per legami con il caso, anche se i loro nomi non sono ancora stati resi pubblici, compreso colui che ha aiutato la first lady a fuggire in Sudafrica.

A Maesaiah Thabane è stata concessa una cauzione di 1.000 Loti (circa 67 dollari), ma quando e se il caso verrà giudicato, gli osservatori internazionali sono convinti che perseguire le accuse contro una delle figure più potenti del Lesotho sarà una dura prova di indipendenza giudiziaria.

Galleria fotografica
Il giallo (col morto) che sconvolge il Lesotho - immagine 1
Africa
Zambia, strage di cinesi
Zambia, strage di cinesi
Tre cittadini della comunità cinese residente nel Paese africano massacrati all’interno dell’azienda tessile che gestivano da 20 anni. Cresce l'odio verso l’influenza crescente di Pechino nella vita del Paese africano
Luanda Leaks, il giallo della regina d’Africa
Luanda Leaks, il giallo della regina d’Africa
Isabel dos Santos, figlia dell’ex presidente dell’Angola, è accusata di aver sfruttato la rete di corruzione creata dal padre per dirottare milioni di dollari statali sui propri conti. Nel caso anche una morte sospetta
Congo, strage di bambini per il morbillo
Congo, strage di bambini per il morbillo
Più di 6.000 morti e 310mila nuovi casi segnalati in tutto il Paese. E all’epidemia di morbillo, si aggiunge quella dell’Ebola. L’allarme dell’OMS: non abbiamo fondi a sufficienza per i vaccini
Congo, 4.000 morti di morbillo
Congo, 4.000 morti di morbillo
Una delle più devastanti epidemie del mondo è in corso nel paese africano: l’Unicef in campo per vaccinare quanti più bimbi sia possibile, le principali vittime del contagio
Scandalo sessuale nelle università africane
Scandalo sessuale nelle università africane
La giornalista della BBC Kiki Mordi ha indagato sotto copertura per un anno, svelando il sistema di ricatti del corpo docente, che chiede sesso in cambio di bei voti
Dal terrorismo ai barconi
Dal terrorismo ai barconi
Anche nelle nazioni africane dove il jihadismo non è mai stato presente, negli ultimi anni la situazione è sensibilmente peggiorata. Solo la cooperazione internazionale permetterà di evitare attentati e salvare vite umane
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Bimba congolese trovata positiva, aveva appena passato il confine con la madre. Allarme delle autorità sanitarie ugandesi. I timori ONU che l'epidemia possa ulteriormente estendersi nell'Africa Centrale
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Alcuni si sono pentiti e hanno confessato i loro crimini ma i parenti delle vittime gettate in fosse comuni dopo torture e strangolamenti. "Non sono pentiti, vogliono solo salvarsi". Un killer: "Dio ci disse di uccidere"
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
E' accaduto in Burundi al confine con la Tanzania, dal 2008 già uccisi 20 bambini. Traffico dei corpi per fini propiziatori. Il governo contro i "medici stregoni", la drammatica denuncia di Albinos Without Borders
Ebola, il virus invade il Congo
Ebola, il virus invade il Congo
Morta una madre 24enne, infettato anche il suo bimbo. Già 1800 morti. Difficoltà nel dispare le terapie a causa della guerra civile in atto in alcune aree del Paese. Timori di un ulteriore allargamento. I dati OMS