Luanda Leaks, il giallo della regina d’Africa

| Isabel dos Santos, figlia dell’ex presidente dell’Angola, è accusata di aver sfruttato la rete di corruzione creata dal padre per dirottare milioni di dollari statali sui propri conti. Nel caso anche una morte sospetta

+ Miei preferiti
Isabel dos Santos ha sempre amato circondarsi di celebrità, e le celebrità di lei, preceduta dalla fama di essere una delle donne più ricche dell’Africa e in ottima posizione anche nel ranking mondiale. Classe 1973, nativa di Baku, Azerbaigian, figlia dell’allora esiliato José Eduardo dos Santos, ex presidente dell’Angola e della campionessa di scacchi azera Tatiana Kukanova: studia nei più prestigiosi college inglesi e pretende un matrimonio da favola per diventare la consorte del ricchissimo collezionista d’arte congolese Sindika Dokolo, un evento costato 4 milioni di dollari e rimasto impresso nell’umile storia dell’Angola.

Per 38 anni, dal 1979 al 2017, il padre di “The Princess”, così la chiamano, ha retto le sorti dei 29 milioni di angolani, rimodernando le istituzioni ma costantemente sospettato dalla comunità internazionale di repressione d e dai pochi oppositori interni di una corruzione spietata e dilagante. È proprio l’arricchimento sospetto della famiglia Dos Santos ad essere finito nel mirino nel “ICIJ”, il consorzio internazionale di giornalismo d’investigazione, in un’inchiesta ribattezzata “Luanda Leaks” pubblicata dal Guardian, Sueddeutsche Zeitung e dalle emittenti NDR e WDR, che ha tentato di fare luce sul viaggio sospetto di alcuni milioni di dollari transitati dall’Angola a Ginevra e Zugo, il paradiso fiscale svizzero.

A emergere nei 700mila file passati al setaccio dai reporter, è stato il nome di Isabel dos Santos, ma soprattutto il suo conto corrente, stimato in 2,1 miliardi di dollari dopo soli 18 mesi passati a dirigere la “Sonangol”, l’azienda petrolifera di Stato. Nel passato della donna, anche mai del tutto chiarito finanziamento del rilancio del marchio di alta gioielleria “de Grisogono” fondato dall’italo-svizzero-siriano Franz Gruosi. Ma non basta, perché la Dos Santos, suo marito e un ristretto gruppo di persone di fiducia nel tempo avrebbero aperto oltre 400 società in un centinaio di paradisi fiscali, in cui far confluire i proventi di commesse pubbliche angolane.

Su Isabel dos Santos, pochi giorni fa il procuratore generale angolano Helder Pitta Groz ha emesso un atto di incriminazione formale per riciclaggio, frode, appropriazione indebita, falsificazione di documenti, nepotismo, malversazione e influenza illegale. A dividere le accuse con Isabel anche Sarju Raikundalia, ex direttore finanziario della Sonangol, Mario Leite da Silva, alto dirigente del “Banco de Fomento Angola” e una terza persona, il responsabile del settore “private banking” della banca portoghese “Eurobic” nonché intestatario del conto della Des Santos, di cui non era stato reso noto il nome, ma che certamente non potrà comparire e neanche chiarire la propria posizione. Poche ore dopo il mandato internazionale, il suo corpo senza vita è stato ritrovato nel garage della sua abitazione di Lisbona. Ufficialmente si è impiccato, ufficiosamente restano nell’aria molti sospetti che sia stato avvicinato al cappio da qualcuno.

Attualmente, Isabel dos Santos si divide fra Londra e Dubai, ma la giustizia angolana ha fatto sapere che “prenderà tutte le misure a disposizione affinché la donna faccia rientro in patria e si sottoponga al giudizio della magistratura”. Lei si è affrettata a negare ogni addebito, aggiungendo che si tratta di una “persecuzione politica”. Nelle stesse ore, a muoversi è stata anche la portoghese “Eurobic”, che ha annunciato l’intenzione della donna di vendere le quote dell’istituto, pari al 43% del valore azionario. Poco tempo prima, i sui conti presso la banca sono stati svuotati: nel giro di una manciata di ore, 52 milioni di euro sono finiti su un conto off-shore.

Nelle carte dell’inchiesta anche il rifiuto di Citigroup, Deutsche Bank e Banco Santander di avere Miss des Santos fra i propri clienti. A proposito: Isabela non è l’unica della famiglia ad avere guai con la giustizia. José Filomeno dos Santos, il fratellastro, è sotto processo per corruzione, mentre la sorellastra lo scorso è stata espulsa dal Parlamento angolano per eccessivo assenteismo.

Africa
Zambia, strage di cinesi
Zambia, strage di cinesi
Tre cittadini della comunità cinese residente nel Paese africano massacrati all’interno dell’azienda tessile che gestivano da 20 anni. Cresce l'odio verso l’influenza crescente di Pechino nella vita del Paese africano
Il giallo (col morto) che sconvolge il Lesotho
Il giallo (col morto) che sconvolge il Lesotho
Maesaiah Thabane, la first lady del piccolo regno africano, accusata dell’omicidio dell’ex moglie del marito
Congo, strage di bambini per il morbillo
Congo, strage di bambini per il morbillo
Più di 6.000 morti e 310mila nuovi casi segnalati in tutto il Paese. E all’epidemia di morbillo, si aggiunge quella dell’Ebola. L’allarme dell’OMS: non abbiamo fondi a sufficienza per i vaccini
Congo, 4.000 morti di morbillo
Congo, 4.000 morti di morbillo
Una delle più devastanti epidemie del mondo è in corso nel paese africano: l’Unicef in campo per vaccinare quanti più bimbi sia possibile, le principali vittime del contagio
Scandalo sessuale nelle università africane
Scandalo sessuale nelle università africane
La giornalista della BBC Kiki Mordi ha indagato sotto copertura per un anno, svelando il sistema di ricatti del corpo docente, che chiede sesso in cambio di bei voti
Dal terrorismo ai barconi
Dal terrorismo ai barconi
Anche nelle nazioni africane dove il jihadismo non è mai stato presente, negli ultimi anni la situazione è sensibilmente peggiorata. Solo la cooperazione internazionale permetterà di evitare attentati e salvare vite umane
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Bimba congolese trovata positiva, aveva appena passato il confine con la madre. Allarme delle autorità sanitarie ugandesi. I timori ONU che l'epidemia possa ulteriormente estendersi nell'Africa Centrale
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Alcuni si sono pentiti e hanno confessato i loro crimini ma i parenti delle vittime gettate in fosse comuni dopo torture e strangolamenti. "Non sono pentiti, vogliono solo salvarsi". Un killer: "Dio ci disse di uccidere"
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
E' accaduto in Burundi al confine con la Tanzania, dal 2008 già uccisi 20 bambini. Traffico dei corpi per fini propiziatori. Il governo contro i "medici stregoni", la drammatica denuncia di Albinos Without Borders
Ebola, il virus invade il Congo
Ebola, il virus invade il Congo
Morta una madre 24enne, infettato anche il suo bimbo. Già 1800 morti. Difficoltà nel dispare le terapie a causa della guerra civile in atto in alcune aree del Paese. Timori di un ulteriore allargamento. I dati OMS