1860: negli Usa in catene sulle navi
ma oggi gli africani vogliono l'America

| Viene trovata l'ultima nave negriera affondata in Alabama nel 1860. Trasportava 110 africani strappati alla loro terra. Oggi, dagli stessi confini, centinaia migranti da Congo e Angola attraversano i confini del Sud per vivere in USA

+ Miei preferiti

Anno 1860, Sud degli Stati Uniti. Portare schiavi negli Stati Uniti era già un reato federale punibile con la morte quando, alla vigilia della guerra civile, l'uomo d'affari dell'Alabama Timothy Meahe fece arrivare "una nave piena di negri fino a Mobile Bay sotto il naso degli ufficiali", imbarcati sulla goletta Clotilda, il cui relitto è stato recentemente scoperto. Era l'ultima nave a portare carichi umani in questo paese,  con 110 africani prigionieri nella stiva. Uomini, le donne e i bambini rapiti in Centro Africa dai negrieri per essere venduti. Poi costituirono una comunità, una volta liberi, che aveva lo scopo di mantenere le proprie radici e la cultura africane. Il relitto della Clotilda è stato ritrovato recentemente per la gioia degli storici nella acque di Mobile, grazie alla bassa marea.

Anno 2019. Centinaia di migranti africani sono stati arrestati in Texas, c’è un ”drammatico aumento" degli arrivi al confine meridionale degli Stati Uniti, secondo gli agenti della polizia di frontiera. La storia fa brutti scherzi, oggi gli africani tentano in ogni modo di entrare negli Stati Uniti, per un buffo e tragico destino, proprio attraverso i confini del Sud, Texas, dove una volta c’era la Confederazione che li usava come schiavi nelle piantagioni di cotone. Più di 500 africani sono stati arrestati vicino alla città di frontiera di Del Rio la scorsa settimana, ha rivelato la US Customs and Border Protection (CBP), che ha denunciato la "crisi umanitaria”. La maggior parte erano famiglie della Repubblica del Congo, della Repubblica Democratica del Congo e dell’Angola. Recenti arrivi includevano un gruppo di 116 migranti trattenuti dopo essere arrivati al confine meridionale degli Stati Uniti alla fine del 30 maggio. Sempre di origine africana. .

"Questo grande gruppo proveniente dall'Africa dimostra ulteriormente la complessità e la gravità della sicurezza delle frontiere e della crisi umanitaria al nostro confine sudoccidentale", ha aggiunto la polizia.

Almeno 300 migranti africani si sono recati anche a San Antonio, in Texas, a circa 150 miglia da Del Rio, con altre centinaia nei prossimi giorni. Il governo della città di San Antonio ha aperto due centri di sostegno  e sta lavorando con le associazioni caritative locali per fornire cibo e rifugi di emergenza.

La città ha un bisogno " disperato" di volontari francofoni, secondo Jaleesa Irizarry, reporter del telegiornale locale KENS 5. Un bambino intanto è morto durante la detenzione. Per le traduzione sono necessari anche di interpreti di portoghese e Lingala, una lingua Bantu usata in gran parte del Congo. Non è chiaro quali siano esattamente le rotte che i migranti africani stanno prendendo per raggiungere gli Stati Uniti.

Ma alcuni hanno detto a NPR di aver volato da Nairobi, in Kenya, verso il Brasile prima di dirigersi a nord attraverso la Colombia e l'America centrale in un viaggio che ha richiesto diversi mesi. Più di 4,5 milioni di persone sono state sfollate a causa di molteplici conflitti nella Repubblica Democratica del Congo, dove l'Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati afferma che c'è "una delle situazioni umanitarie più complesse e impegnative del mondo". I rifugiati devono affrontare mesi di attesa per l'esame delle domande di asilo al confine con gli Stati Uniti, con un aumento dei passaggi illegali dopo che Donald Trump ha minacciato la chiusura del confine con il Messico.

Finora quest'anno più di 33.000 persone sono state arrestate nell'area di Del Rio dopo essere entrate nel paese, più del doppio rispetto all'intero anno finanziario precedente. Circa un quinto erano immigrati dal Messico, mentre il restante 80 per cento proveniva da altri 38 Paesi.

Africa
Zambia, strage di cinesi
Zambia, strage di cinesi
Tre cittadini della comunità cinese residente nel Paese africano massacrati all’interno dell’azienda tessile che gestivano da 20 anni. Cresce l'odio verso l’influenza crescente di Pechino nella vita del Paese africano
Il giallo (col morto) che sconvolge il Lesotho
Il giallo (col morto) che sconvolge il Lesotho
Maesaiah Thabane, la first lady del piccolo regno africano, accusata dell’omicidio dell’ex moglie del marito
Luanda Leaks, il giallo della regina d’Africa
Luanda Leaks, il giallo della regina d’Africa
Isabel dos Santos, figlia dell’ex presidente dell’Angola, è accusata di aver sfruttato la rete di corruzione creata dal padre per dirottare milioni di dollari statali sui propri conti. Nel caso anche una morte sospetta
Congo, strage di bambini per il morbillo
Congo, strage di bambini per il morbillo
Più di 6.000 morti e 310mila nuovi casi segnalati in tutto il Paese. E all’epidemia di morbillo, si aggiunge quella dell’Ebola. L’allarme dell’OMS: non abbiamo fondi a sufficienza per i vaccini
Congo, 4.000 morti di morbillo
Congo, 4.000 morti di morbillo
Una delle più devastanti epidemie del mondo è in corso nel paese africano: l’Unicef in campo per vaccinare quanti più bimbi sia possibile, le principali vittime del contagio
Scandalo sessuale nelle università africane
Scandalo sessuale nelle università africane
La giornalista della BBC Kiki Mordi ha indagato sotto copertura per un anno, svelando il sistema di ricatti del corpo docente, che chiede sesso in cambio di bei voti
Dal terrorismo ai barconi
Dal terrorismo ai barconi
Anche nelle nazioni africane dove il jihadismo non è mai stato presente, negli ultimi anni la situazione è sensibilmente peggiorata. Solo la cooperazione internazionale permetterà di evitare attentati e salvare vite umane
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Bimba congolese trovata positiva, aveva appena passato il confine con la madre. Allarme delle autorità sanitarie ugandesi. I timori ONU che l'epidemia possa ulteriormente estendersi nell'Africa Centrale
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Alcuni si sono pentiti e hanno confessato i loro crimini ma i parenti delle vittime gettate in fosse comuni dopo torture e strangolamenti. "Non sono pentiti, vogliono solo salvarsi". Un killer: "Dio ci disse di uccidere"
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
E' accaduto in Burundi al confine con la Tanzania, dal 2008 già uccisi 20 bambini. Traffico dei corpi per fini propiziatori. Il governo contro i "medici stregoni", la drammatica denuncia di Albinos Without Borders