Scandalo sessuale nelle università africane

| La giornalista della BBC Kiki Mordi ha indagato sotto copertura per un anno, svelando il sistema di ricatti del corpo docente, che chiede sesso in cambio di bei voti

+ Miei preferiti
La BBC l’ha chiamata “Africa Eye”, l’occhio dell’Africa. È una squadra di giornaliste di colore che hanno un compito delicato e pericoloso: scavare nelle realtà dei paesi africani, portando agli occhi del mondo ingiustizie e violenze che non entrano quasi mai nei notiziari del resto del mondo. Lo fanno di nascosto, assumendosi dei rischi enormi, perché in certi paesi la giustizia sommaria è pane quotidiano.

Kiki Mordi, una delle reporter di Africa Eye, insieme ad altre colleghe per un anno intero si è finta una giovane studentessa universitaria in Ghana e Lagos. E in un anno ha documentato le molestie sessuali e i ricatti che le studentesse del posto sono costrette a subire quotidianamente.

L’inchiesta, voluta dalla stessa Kiki, che in passato ha subito lo stesso trattamento, ha permesso di portare alla luce il collaudato sistema di potere di docenti e vertici universitari, ormai applicato alla luce del sole. Decine di video girati con telecamere nascoste, mostrano personalità di spicco della cultura africana chiedere sesso alle allieve in cambio di bei voti e di un aiuto nel percorso di studi. Chi rifiuta, al contrario, ha poche speranze di farcela.

Un lavoro coraggioso, acclamato per l’accuratezza dell’inchiesta, che inizia ad avere un costo personale piuttosto pesante: dopo la messa in onda, Kiki Mordi ha ricevuto minacce. Ma lei non si arrende e neanche ha paura, e al suo fianco si è schierata la BBC per intero.

“L’obiettivo principale di questo lavoro era di essere più forti degli aggressori, perché le molestie sessuali sono molto pesanti. Ma volevo che il mondo vedesse, e sono felice che qualcosa stia già cambiando da quando il documentario è stato trasmesso. Uno dei docenti dell’università del Lagos, uno dei peggiori predatori sessuali in circolazione, è stato licenziato. Ma so anche che non si fermerà fino a quando non ci sarà una condanna. Il passaggio successivo è rompere la cultura dell’impunità, la possibilità delle persone potenti di aggirare la legge”.

Nel documentario, che sta facendo il giro del mondo sul web, si vede uno dei docenti dell’Università di Lagos, il dottor Boniface Igbeneghu, ex preside della Facoltà di Lettere e Filosofia, ma anche pastore di una sezione locale della Foursquare Gospel Church, mentre tenta di mettere in atto i suoi ricatti ad una studentessa di 17 anni, che in realtà è Kiki. In un frammento del video si vede mentre le offre del vino, poi le chiede di spegnere la luce nella stanza per poterla baciare. Quando la ragazza rifiuta, è Igbeneghu ad alzarsi per fare buio prima di tornare sul divano: tenta di avvicinare la studentessa a sé, dicendo che quella è la “cella frigorifera”, come lui e i suoi colleghi chiamano la stanza in cui portano le studentesse.

Una denuncia che ha scatenato le ire dell’opinione pubblica, delle organizzazioni umanitarie e dei media, che chiedono un’azione incisiva da parte del governo per azzerare le molestie sessuali all’interno delle istituzioni del paese.

Africa
Congo, 4.000 morti di morbillo
Congo, 4.000 morti di morbillo
Una delle più devastanti epidemie del mondo è in corso nel paese africano: l’Unicef in campo per vaccinare quanti più bimbi sia possibile, le principali vittime del contagio
Dal terrorismo ai barconi
Dal terrorismo ai barconi
Anche nelle nazioni africane dove il jihadismo non è mai stato presente, negli ultimi anni la situazione è sensibilmente peggiorata. Solo la cooperazione internazionale permetterà di evitare attentati e salvare vite umane
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Bimba congolese trovata positiva, aveva appena passato il confine con la madre. Allarme delle autorità sanitarie ugandesi. I timori ONU che l'epidemia possa ulteriormente estendersi nell'Africa Centrale
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Alcuni si sono pentiti e hanno confessato i loro crimini ma i parenti delle vittime gettate in fosse comuni dopo torture e strangolamenti. "Non sono pentiti, vogliono solo salvarsi". Un killer: "Dio ci disse di uccidere"
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
E' accaduto in Burundi al confine con la Tanzania, dal 2008 già uccisi 20 bambini. Traffico dei corpi per fini propiziatori. Il governo contro i "medici stregoni", la drammatica denuncia di Albinos Without Borders
Ebola, il virus invade il Congo
Ebola, il virus invade il Congo
Morta una madre 24enne, infettato anche il suo bimbo. Già 1800 morti. Difficoltà nel dispare le terapie a causa della guerra civile in atto in alcune aree del Paese. Timori di un ulteriore allargamento. I dati OMS
Marocco: lo scandalo delle volontarie in short
Marocco: lo scandalo delle volontarie in short
Proteste e minacce per le immagini delle giovani, in short e canottiera per combattere il caldo. Ma buona parte del Paese si schiera con loro
Ebola, in Congo la guerra dei vaccini
Ebola, in Congo la guerra dei vaccini
Intanto, dopo la morte di un bambino, il Ruanda blinda le frontiere con il Congo tra le polemiche. Contrasti se sperimentare un nuovo vaccino o se utilizzare quelli già prodotti. Ministro congolese si dimette per protesta. Casi in aumento
Epidemia Ebola, emergenza mondiale
Epidemia Ebola, emergenza mondiale
Si estende il focolaio nel Congo, frontiere prossime alla chiusura. Contaminato un pastore evangelico a Goma. Centinaia di casi, l'Onu lancia l'allarme globale
Silvia a Natale era ancora viva
Silvia a Natale era ancora viva
Vertice italo-keniota a Nairobi sulle sorti della cooperante italiana rapita il 22 novembre. Arrestati i primi rapitori, presto il processo. Ma avrebbero ceduto la giovane ad altre bande. Forse terroristi islamici