Silvia Romano, quattro mesi di silenzi

| Dal 20 novembre dello scorso anno, la cooperante marchigiana è scomparsa nel nulla. Sembrava un caso destinato a risolversi in fretta, e invece di lei non si sa più nulla da tempo

+ Miei preferiti
Silvia è scomparsa nel nulla il 20 novembre dello scorso anno: quattro mesi interminabili, riempiti di speranze e parole che sembravano anticipare un finale perfetto, ma al contrario annegati uno dopo l’altro nel silenzio più assoluto. Tace il governo kenyano, che dal 21 gennaio scorso non ha più detto nulla sul caso dopo l’ottimismo iniziale di chi era convinto in un sequestro lampo, e poche parole - fino a ieri - le aveva usate anche quello italiano, che attraverso il premier Conte, ospite della “Luiss”, ha risposto alla domanda di uno studente sulla sorte di Silvia: “È in mano a gruppi che abbiamo individuato, sappiamo dove si trovano, ma non siamo ancora venuti a capo e non abbiamo ancora quel risultato a cui stiamo lavorando da mesi”.



Quando è stata inghiottita dall’Africa che tanto amava, Silvia Romano si trovava a Chakama, Kenya, un’ottantina di km da Malindi. E se in Italia si moltiplicano le iniziative, tutte segnate dall’hashtag #SilviaLibera, in Kenya sta avvenendo l’esatto contrario. Una parte stampa locale sembra aver iniziato una campagna di delegittimazione di Silvia e del lavoro che stava svolgendo in Africa, un’altra corrente di pensiero propende invece per uno stralunato traffico internazionale e clandestino di avorio, per finire con una ricostruzione al momento tanto fantasiosa quanto drammatica: Silvia sarebbe rimasta uccisa in uno scontro a fuoco fra i suoi rapitori e dei terroristi di Al Shabaab dopo un tentativo finito male di vendere l’ostaggio. Quanto di tutto questo sia montato ad arte, per nascondere agli occhi del mondo l’incapacità della polizia locale non è chiaro. Ma non è il momento giusto: anche la famiglia di Silvia ha chiesto fin dall’inizio il massimo riserbo. Su questo, ci sono casi passati che fanno capire quanto la famiglia Romano abbia ragione: lo sciacallaggio mediatico di casi come quello delle due Simone, Simona Torretta e Simona Pari, sequestrate a Baghdad il 7 aprile del 2004 e liberate dopo 19 giorni di prigionia il 28 settembre successivo. O ancora quello di Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, rapite ad Aleppo nel 2014 e rilasciate a fine gennaio 2015.

La certezza, a quanto si apprende, è che anche gli abitanti di Tana River, dove secondo le ultime indiscrezioni Silvia potrebbe essere tenuta prigioniera, hanno smesso di collaborare con le autorità. Dei rapitori, tre uomini, sono stati perfino diffusi dei cartelli con tanto di nome, cognome e foto. Ma anche di loro, non si sa più nulla.

Galleria fotografica
Silvia Romano, quattro mesi di silenzi - immagine 1
Africa
Il giallo (col morto) che sconvolge il Lesotho
Il giallo (col morto) che sconvolge il Lesotho
Maesaiah Thabane, la first lady del piccolo regno africano, accusata dell’omicidio dell’ex moglie del marito
Luanda Leaks, il giallo della regina d’Africa
Luanda Leaks, il giallo della regina d’Africa
Isabel dos Santos, figlia dell’ex presidente dell’Angola, è accusata di aver sfruttato la rete di corruzione creata dal padre per dirottare milioni di dollari statali sui propri conti. Nel caso anche una morte sospetta
Congo, strage di bambini per il morbillo
Congo, strage di bambini per il morbillo
Più di 6.000 morti e 310mila nuovi casi segnalati in tutto il Paese. E all’epidemia di morbillo, si aggiunge quella dell’Ebola. L’allarme dell’OMS: non abbiamo fondi a sufficienza per i vaccini
Congo, 4.000 morti di morbillo
Congo, 4.000 morti di morbillo
Una delle più devastanti epidemie del mondo è in corso nel paese africano: l’Unicef in campo per vaccinare quanti più bimbi sia possibile, le principali vittime del contagio
Scandalo sessuale nelle università africane
Scandalo sessuale nelle università africane
La giornalista della BBC Kiki Mordi ha indagato sotto copertura per un anno, svelando il sistema di ricatti del corpo docente, che chiede sesso in cambio di bei voti
Dal terrorismo ai barconi
Dal terrorismo ai barconi
Anche nelle nazioni africane dove il jihadismo non è mai stato presente, negli ultimi anni la situazione è sensibilmente peggiorata. Solo la cooperazione internazionale permetterà di evitare attentati e salvare vite umane
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Bimba congolese trovata positiva, aveva appena passato il confine con la madre. Allarme delle autorità sanitarie ugandesi. I timori ONU che l'epidemia possa ulteriormente estendersi nell'Africa Centrale
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Alcuni si sono pentiti e hanno confessato i loro crimini ma i parenti delle vittime gettate in fosse comuni dopo torture e strangolamenti. "Non sono pentiti, vogliono solo salvarsi". Un killer: "Dio ci disse di uccidere"
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
E' accaduto in Burundi al confine con la Tanzania, dal 2008 già uccisi 20 bambini. Traffico dei corpi per fini propiziatori. Il governo contro i "medici stregoni", la drammatica denuncia di Albinos Without Borders
Ebola, il virus invade il Congo
Ebola, il virus invade il Congo
Morta una madre 24enne, infettato anche il suo bimbo. Già 1800 morti. Difficoltà nel dispare le terapie a causa della guerra civile in atto in alcune aree del Paese. Timori di un ulteriore allargamento. I dati OMS