Silvia sparita: 'Rompiamo il silenzio'

| Da sei mesi nessuna notizia di Silvia Romano, la 22enne rapita in Kenya il 20 novembre. Appello a Quirinale e istituzioni. Mistero anche su Luca Tacchetto, Edith Blais e padre Gigi Maccalli, sparti nel Bourkina Faso

+ Miei preferiti

Raccogliamo  l’appello lanciato ai media a da Angelo Ferrari dell’AGI, a proposito della necessità di “rompere il silenzio” sulla scomparsa della cooperante italiana Silvia Romano, 22 anni, scomparsa in Kenya sei mesi fa e degli altri connazionali spariti in Africa.

Redazione ISM

Scrive Ferrari: “Sei mesi, sei lunghissimi mesi senza notizie certe di Silvia Romano. La giovane cooperante italiana è stata rapita il 20 novembre del 2018 nel villaggio di Chakama, a 80 chilometri da Malindi in Kenya. Sei mesi fa Silvia è stata sottratta da una banda di criminali al suo lavoro in favore dei più deboli, i bambini, di coloro che hanno poco o nulla, nonostante la vicinanza alla città costiera del Kenya amata, soprattutto, dagli italiani. Un luogo che schiaffeggia la povertà.Non ci sono notizie certe sulla sorte di Silvia e nemmeno dove sia tenuta prigioniera. Da mesi tutti tacciono.Le forze di polizia keniane non dicono nulla. Le autorità italiane nemmeno”. 

Fare il punto non è facile. Perché il ministero degli Esteria, l’unità di crisi della Farnesina, tace su tutta linea e non sappiamo se la richiesta della procura di Roma e dei Rom dei carabinieri che aveva chiesto ai kenioti di formare un pool interforze sia stata accolta o no. 

“Come interpretare questo silenzio? Già molto si è detto sull’incapacità delle forze di sicurezza del Kenya - spiega in toni duri Ferrari - di venire a capo di un rapimento anomalo, che doveva risolversi rapidamente.Un sequestro messo in atto da una banda di criminali comuni che, però, con il tempo pare essersi sfaldata, dopo l’arresto di uno dei componenti. Non è chiaro se la giovane sia passata di mano, magari a una banda di criminali più organizzata. Non è chiaro, nemmeno, dove si trovi la giovane cooperante italiana. Nessuno sa dirlo. Le ipotesi si susseguono come fossero una litania infruttuosa”.

Ripercorrendo le cronache di quei giorni, la liberazione di Silvia sembrava imminente, addirittura poche ore il sequestro. La polizia diffondeva comunicati ottimistici, in cui si dava notizia di decine di arresti e di 2imminenti sviluppi”.  Alla fine, s’è cercato di dipingere Silvia come una ragazzina “avventata”, che aveva corsi rischi inutili pur sapendo del pericolo era esposta, a cui in molti avevano consigliato prudenza”.

“Quasi a volere gettare fango su una giovane che era partita dal Kenya solo per inseguire un sogno e animata dal desiderio di aiutare i più poveri. Ma non solo.Notizie false che nessuno, le autorità del Kenya e nemmeno quelle italiane, si è premurato di smentire. Questo lo si doveva e si deve a Silvia Romano. Invece solo silenzio. Un mandato al riserbo voluto dalla famiglia, e questo è comprensibile, e dalle autorità per “non intralciare le indagini”. La domanda è questa: ha ragion d’essere, ancora, il silenzio? Nessuno vorrebbe che questo tacere si traduca in indifferenza”, aggiunge l’AGI. 

a Milano, però, hanno organizzato un “girotondo per Silvia” per non dimenticare, proprio allo scadere del sesto mese dal rapimento.“Silvia si trovava nel Paese africano come cooperante internazionale, seguiva le attività di una scuola, lavorava con i bambini keniani di un villaggio rurale. La sua scelta è quella di migliaia di ragazzi e ragazze che hanno deciso di mettersi al servizio del prossimo, in Italia e nel mondo”, scrigno le associazioni che lo hanno promosso nel suo quartiere. Le associazioni hanno chiesto “al Consiglio Comunale di Milano di ritornare a far sentire la sua voce per sollecitare il massimo impegno delle Istituzioni centrali, pur nel riconoscimento degli sforzi finora compiuti, e per chiedere al Governo Italiano di riferire circa la situazione di Silvia Romano rispettando le dovute cautele necessarie in questi casi”,

Un forte appello, dunque, alle autorità italiane, in primis al presidente Sergio Mattarella: i servizi segreti e i Ros dei carabinieri stanno non hanno mai smesso di indagare ma hanno bisogno della massima collaborazione da parte degli investigatori locali. 

E nulla si degli altri italici rapiti in Africa. Padre Gigi Maccalli rapito il 17 settembre del 2018 in Niger è sparito nella nulla. Poi nessuna notizia di Luca Tacchetto ed Edith Blais non si hanno più notizie dal 16 dicembre 2018, spariti nel Burkina Faso. Conclude Ferrar: “Rompere il silenzio, su tutte queste tragiche vicende, non è un esercizio intellettuale, ma un dovere civico”.

 
Africa
Congo, 4.000 morti di morbillo
Congo, 4.000 morti di morbillo
Una delle più devastanti epidemie del mondo è in corso nel paese africano: l’Unicef in campo per vaccinare quanti più bimbi sia possibile, le principali vittime del contagio
Scandalo sessuale nelle università africane
Scandalo sessuale nelle università africane
La giornalista della BBC Kiki Mordi ha indagato sotto copertura per un anno, svelando il sistema di ricatti del corpo docente, che chiede sesso in cambio di bei voti
Dal terrorismo ai barconi
Dal terrorismo ai barconi
Anche nelle nazioni africane dove il jihadismo non è mai stato presente, negli ultimi anni la situazione è sensibilmente peggiorata. Solo la cooperazione internazionale permetterà di evitare attentati e salvare vite umane
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Bimba congolese trovata positiva, aveva appena passato il confine con la madre. Allarme delle autorità sanitarie ugandesi. I timori ONU che l'epidemia possa ulteriormente estendersi nell'Africa Centrale
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Alcuni si sono pentiti e hanno confessato i loro crimini ma i parenti delle vittime gettate in fosse comuni dopo torture e strangolamenti. "Non sono pentiti, vogliono solo salvarsi". Un killer: "Dio ci disse di uccidere"
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
E' accaduto in Burundi al confine con la Tanzania, dal 2008 già uccisi 20 bambini. Traffico dei corpi per fini propiziatori. Il governo contro i "medici stregoni", la drammatica denuncia di Albinos Without Borders
Ebola, il virus invade il Congo
Ebola, il virus invade il Congo
Morta una madre 24enne, infettato anche il suo bimbo. Già 1800 morti. Difficoltà nel dispare le terapie a causa della guerra civile in atto in alcune aree del Paese. Timori di un ulteriore allargamento. I dati OMS
Marocco: lo scandalo delle volontarie in short
Marocco: lo scandalo delle volontarie in short
Proteste e minacce per le immagini delle giovani, in short e canottiera per combattere il caldo. Ma buona parte del Paese si schiera con loro
Ebola, in Congo la guerra dei vaccini
Ebola, in Congo la guerra dei vaccini
Intanto, dopo la morte di un bambino, il Ruanda blinda le frontiere con il Congo tra le polemiche. Contrasti se sperimentare un nuovo vaccino o se utilizzare quelli già prodotti. Ministro congolese si dimette per protesta. Casi in aumento
Epidemia Ebola, emergenza mondiale
Epidemia Ebola, emergenza mondiale
Si estende il focolaio nel Congo, frontiere prossime alla chiusura. Contaminato un pastore evangelico a Goma. Centinaia di casi, l'Onu lancia l'allarme globale