Silvia viva e prigioniera nella giungla

| La cooperante italiana rapita in Kenya il 20 novembre sarebbe ancora nella giungla al confine con la Somalia. La Farnesina tratta per il riscatto mentre la polizia ha già arrestato decine di presunti complici

+ Miei preferiti
La polizia keniana ritiene che la volontaria italiana Silvia Romano, rapita il 20 novembre in una località vicino a Malindi, sia ancora viva e nel Paese. Lo ha detto il comandante della polizia regionale Noah Mwivanda, citato dall'emittente keniana Ntv. La giovane italiana potrebbe essere ancora nelle mani di un gruppo collegato ai terroristi islamici somali, in una località segreta dispersa nell'immenso territorio al confine con la Somalia.

Silvia Romano era in Kenya da alcuni mesi e lavorava in una Ong che si occupa di assistere bambini e adolescenti in difficoltà. Aveva scelto una comunità isolata rispetto ad altre associazioni, convinta di essere al sicuro. La polizia ha già arrestato decine di persone e individuato alcuni dei rapitori, indentificati grazie ai tabulati telefonici e alla collaborazione di alcuni collaboratori della rapita. Ma l'area da pattugliare, nonostante l'impiego di elicotteri e forze speciali non ha ancora portato a risultati concreti. La Farnesina sta cercando un contatto con i sequestratori per aprire una trattativa volta a liberare la cooperante pagandone il riscatto. Ma tutto è avvolto dal silenzio.

Africa
Zambia, strage di cinesi
Zambia, strage di cinesi
Tre cittadini della comunità cinese residente nel Paese africano massacrati all’interno dell’azienda tessile che gestivano da 20 anni. Cresce l'odio verso l’influenza crescente di Pechino nella vita del Paese africano
Il giallo (col morto) che sconvolge il Lesotho
Il giallo (col morto) che sconvolge il Lesotho
Maesaiah Thabane, la first lady del piccolo regno africano, accusata dell’omicidio dell’ex moglie del marito
Luanda Leaks, il giallo della regina d’Africa
Luanda Leaks, il giallo della regina d’Africa
Isabel dos Santos, figlia dell’ex presidente dell’Angola, è accusata di aver sfruttato la rete di corruzione creata dal padre per dirottare milioni di dollari statali sui propri conti. Nel caso anche una morte sospetta
Congo, strage di bambini per il morbillo
Congo, strage di bambini per il morbillo
Più di 6.000 morti e 310mila nuovi casi segnalati in tutto il Paese. E all’epidemia di morbillo, si aggiunge quella dell’Ebola. L’allarme dell’OMS: non abbiamo fondi a sufficienza per i vaccini
Congo, 4.000 morti di morbillo
Congo, 4.000 morti di morbillo
Una delle più devastanti epidemie del mondo è in corso nel paese africano: l’Unicef in campo per vaccinare quanti più bimbi sia possibile, le principali vittime del contagio
Scandalo sessuale nelle università africane
Scandalo sessuale nelle università africane
La giornalista della BBC Kiki Mordi ha indagato sotto copertura per un anno, svelando il sistema di ricatti del corpo docente, che chiede sesso in cambio di bei voti
Dal terrorismo ai barconi
Dal terrorismo ai barconi
Anche nelle nazioni africane dove il jihadismo non è mai stato presente, negli ultimi anni la situazione è sensibilmente peggiorata. Solo la cooperazione internazionale permetterà di evitare attentati e salvare vite umane
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Congo e ora Uganda: il virus Ebola dilaga in Africa
Bimba congolese trovata positiva, aveva appena passato il confine con la madre. Allarme delle autorità sanitarie ugandesi. I timori ONU che l'epidemia possa ulteriormente estendersi nell'Africa Centrale
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Gambia, liberi gli assassini di massa ex Junglers
Alcuni si sono pentiti e hanno confessato i loro crimini ma i parenti delle vittime gettate in fosse comuni dopo torture e strangolamenti. "Non sono pentiti, vogliono solo salvarsi". Un killer: "Dio ci disse di uccidere"
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
Albino 15enne ucciso, corpo smembrato
E' accaduto in Burundi al confine con la Tanzania, dal 2008 già uccisi 20 bambini. Traffico dei corpi per fini propiziatori. Il governo contro i "medici stregoni", la drammatica denuncia di Albinos Without Borders