Cadaveri e rifiuti, incubo Everest

| Durante le operazioni di polizia dei campi-base trovati anche 4 cadaveri di alpinisti. Non si sa chi siano, prelevato il DNA. Decine di corpi abbandonati: i più famosi "Scarponi verdi" e la "Bella addormentata"

+ Miei preferiti

I corpi di quattro alpinisti mortu durante la scalata alla vetta dell'Everest e che hanno lasciato pochi indizi sulla loro identità hanno posto una nuova sfida alle autorità nepalesi che controllano il massiccio montano più alto del mondo. Scavati dal vento e dal freddo sono ormai quasi scheletri, i resti ora si trovano in un obitorio di Kathmandu da quando sono stati riportati dai sentieri, due settimane fa, assieme a 11 tonnellate di spazzatura.

 

Polizia e funzionari governativi ammettono di dover affrontare un'enorme sfida che mette i nomi degli alpinisti morti e li rispedisce nei loro paesi d'origine. Non possono nemmeno essere sicuri da quanto tempo i cadaveri sono stati tra i punteggi in attesa di essere trovati sui pendii delle montagne.

Un team organizzato dal governo ha recuperato i corpi tra il campo base dell'Everest e il Colle Sud a 7.906 metri, in questa drammatica stagione di arrampicata. "I corpi non sono in uno stato riconoscibile, . Non c'è un volto per identificarli", ha detto Phanindra Prasai, funzionario di polizia senior, all'AFP.

"Abbiamo ordinato all'ospedale di raccogliere i campioni di DNA in modo che possano essere abbinati a qualsiasi famiglia che si faccia avanti per reclamare i resti”. La polizia nepalese sta attraversando un processo amministrativo per poter chiedere aiuto e informare le missioni diplomatiche straniere sui corpi. Ma alcuni temono che il mistero potrebbe richiedere anni per essere risolto.

"È un compito difficile", ha detto Ang Tsering Sherpa, ex presidente della Nepal Mountaineering Association. "Hanno bisogno di condividere maggiori informazioni sui corpi, specialmente sui luoghi dove sono stati trovati, e di raggiungere gli operatori della spedizione". Più di 300 persone sono morte sulla montagna alta 8.848 metri (29.029 piedi) da quando le spedizioni per raggiungere la cima sono iniziate negli anni Venti. Non si sa quanti corpi rimangono ancora nascosti nel ghiaccio, nella neve e nei crepacci profondi. Alcuni corpi, ancora  perfettamente vestiti, sono diventati punti di riferimento sulla via che porta alla vetta, guadagnandosi i soprannomi di "Green Boots", scarponi verdi,  e "Sleeping Beauty”. la bella addormentata Green Boots' è considerato un alpinista indiano morto durante una spedizione del 1996. Si riteneva che il corpo fosse stato spostato dal sentiero principale nel 2014.

Si dice che la "Bella Addormentata" sia Francys Arsentiev (nella foto in apertura), che è stata la prima donna americana a raggiungere la vetta senza ossigeno in bottiglia nel 1998, ma morì durante la discesa.

Il recupero di cadaveri in alta quota è un argomento controverso all'interno della comunità alpinistica. Recuperarli è assai difficile e comporta rischi per le squadre di soccorso.

 
Galleria fotografica
Cadaveri e rifiuti, incubo Everest - immagine 1
Alpinismo
Sass Maor, precipitano due alpinisti: morti
Sass Maor, precipitano due alpinisti: morti
Ancora incerte le cause, li hanno trovati ai piedi di una parete dopo un volo di decine di metri. Ennesima tragedia in montagna, altre due vittime nel Vercellese. Sono turisti belgi 76enni
"Non aiutateci, stiamo arrivando in vetta"
"Non aiutateci, stiamo arrivando in vetta"
L'incredibile storia di due alpinisti spagnoli che si sono persi più volte nella parte Ovest del Lavaredo. I genitori colti da malore hanno implorato di andare a salvarli. Alla fine sono saliti sull'elicottero. Conto da 7mila500 euro
'Non ce la faccio più', le ultime parole dell'alpinista
Scalatore polacco 56enne muore mentre scalava la traccia verso il bivacco Carrel del Cervino. Stremato, è caduto nel per 200 metri. Poco tempo tempo morì un'alpinista anche lei stroncata dalla fatica
Dolomiti, muore alpinista francese
Dolomiti, muore alpinista francese
Volo di 150 metri dalla via ferrata sulla Schiara. Salvi gli altri alpinisti, tutti francesi
Morta di freddo sul Cervino, inchiesta
Morta di freddo sul Cervino, inchiesta
Ipotesi ipotermia per l'ennesima vittima della montagna, una bielorussa di 33 anni. Il compagno ucraino: "Era sfinita, ho chiesto soccorso ma la radio non rispondeva". Ha ferite sul volto. Attesa per l'autopsia
Alpinismo, altro morto sul Bianco
Alpinismo, altro morto sul Bianco
Vittima lituano di 38 anni. Erano in tre, slegati. Cade un secondo alpinista grave in ospedale, illesa la donna che era con loro. Salgono a 7 i morti in pochi giorni
Catena di morti in montagna, le guide alpine aostane in lutto
Catena di morti in montagna, le guide alpine aostane in lutto
Morti Federico Daricou, 38 anni, gravissimo Granfranco Sappa, 61. Commozione a Montalcino per Giuditta Parisi, 47enne, grafica e testimonial anti-cancro. Gli amici piangono "Teino", caduto sul Rosa. Le vittime in Svizzer
Grand Combin, centrati dalle pietre morti donna alpinista e guida alpina
Grand Combin, centrati dalle pietre morti donna alpinista e guida alpina
Ciao Valentina, climber senza sponsor ma con il tuo inseparabile vecchio zaino...
Ciao Valentina, climber senza sponsor ma con il tuo inseparabile vecchio zaino...
Storia dell'alpinista morta giorni fa nell'are adel Pizzo Andolla, tra Italia e Vallese. Aveva 28 anni, scalava in solitaria e scriveva il suo indomito amore per la natura su Facebook
Skardu: Francesco sta meglio, in salvo per miracolo
Skardu: Francesco sta meglio, in salvo per miracolo
Gli accertamenti nell'ospedale di Skardu, Pakistan, esclusione lesioni gravi. Il suo salvataggio dimostra che lo spirito della montagna ancora vive nella comunità degli alpinisti. Un grazie ai piloti pakistani e alle nostre istituzioni