14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano

| È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna

+ Miei preferiti
È una verità ben documentata che ogni anno enormi quantità di plastica finiscano negli oceani inquinando i mari, sporcando le spiagge e mettendo in pericolo la fauna e la flora marina. Una forma di inquinamento inarrestabile riscontrata anche nelle regioni più remote della Terra, come l’Antartide.

Ma si sa relativamente poco sui livelli di plastica che si annidano sui fondali marini. L’inquietante risposta arriva da uno studio dell’agenzia scientifica nazionale australiana CSIRO pubblicato sulla rivista “Frontiers in Marine Science”, che ha fatto luce sul problema più nascosto della plastica, stimando in 14 milioni di tonnellate la presenza di microplastiche sul fondo degli oceani, una quantità 35 volte superiore a quella che si ritiene galleggi in superficie.

Secondo i ricercatori si tratta della prima stima globale delle microplastiche, come sono definite le particelle di materiale plastico ridotte dal mare e dalle correnti in frammenti minuscoli, spesso più piccoli di 5 millimetri.

Utilizzando un sottomarino robotizzato, il team ha raccolto campioni di sedimenti raggiungendo i 3.000 metri di profondità da sei siti del “Great Australian Bight”, 380 km al largo della costa del South Australia.

L’analisi dei 51 campioni prelevati ha evidenziato una media di 1,26 pezzi di microplastica per grammo di sedimento, 25 volte superiore ai precedenti studi realizzati in acque profonde.

Per Justine Barrett, una dei responsabili dello studio, “Anche l’oceano più profondo è ormai coinvolto nel problema dell’inquinamento: i risultati mostrano che le microplastiche affondano sui fondali”.

Per gli scienziati, la plastica “è una delle principali sfide ambientali di questa generazione” e una questione riconosciuta a livello internazionale. La plastica è una forma di inquinamento persistente che danneggia la fauna selvatica e c’è una crescente preoccupazione per i potenziali rischi sulla salute dell’uomo, ma è un problema destinato a peggiorare nei prossimi anni, con l’aumento della produzione e dell’inquinamento.

Uno studio recente ha suggerito che, anche se il mondo coordinasse uno sforzo immediato a livello globale per ridurre il consumo di plastica, si stima che entro il 2040 ci sarebbero ancora 710 milioni di tonnellate di plastica a inquinare l’ambiente.

Fra i più stupiti della ricerca la dottoressa Denise Hardesty: “Siamo rimasti colpiti dalla presenza dalle quantità di microplastica in un luogo così remoto. La nostra ricerca ha scoperto che l’oceano profondo è una sorta di pozzo nero in cui si depositano le schifezze del mondo intero”.

I campioni sono stati prelevati fra marzo e aprile del 2017 in una scala di profondità comprese tra 1.655 e 3.062 metri: i ricercatori hanno poi aumentato i prelievi al largo delle coste australiane per ottenere una stima globale del peso delle microplastiche nei sedimenti in alto mare, raggiungendo la stima di 14,4 milioni di tonnellate: una valutazione considerata prudente per via dell’ubicazione remota e assai lontana dai centri abitati.

Secondo il “World Economic Forum”, circa 150 milioni di tonnellate di plastica galleggiano nei nostri oceani, con altri otto milioni di tonnellate che ogni anno entrano in acqua.

Risultati che mostrano l’urgenza di trovare soluzioni efficaci per fermare l’inquinamento della plastica prima che si impossessi degli oceani. “Questo aiuterà a informare le strategie di gestione dei rifiuti e a creare cambiamenti comportamentali e opportunità per fermare l’accesso della plastica e di altri rifiuti nel nostro ambiente naturale”.

Ambiente
L’ultima sfida di Stati Uniti e Cina: salvare il mondo
L’ultima sfida di Stati Uniti e Cina: salvare il mondo
Dal summit alla Casa Bianca emerge il desiderio delle due superpotenze di guidare il pianeta fuori dall’emergenza climatica
Biden sprona i leader mondiali nella lotta ai cambiamenti climatici
Biden sprona i leader mondiali nella lotta ai cambiamenti climatici
Nel corso del summit online previsto alla Casa Bianca sono attesi “discorsi importanti” sia dal presidente americano che da quello cinese
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
È quello che auspica un nuovo rapporto delle Nazioni Unite sulla salute del pianeta: fra i suggerimenti quello di sfruttare l’anno della pandemia per un nuovo inizio
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Secondo gli scienziati si tratterebbe di un anomalo accumulo di metano dovuto ai cambiamenti climatici che stanno interessando una zona ricca di permafrost. È un altro messaggio di allarme di un pianeta che sta morendo
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
L’inviato speciale per il clima del presidente Biden si dice pronto a fare la propria parte, mentre dalla Casa Bianca partivano altri ordini esecutivi in favore dell’ambiente
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
Una nuova batteria per auto elettriche ideata un team di scienziati della Penn State University, in America: ha peso, volume e costi molto bassi, perché possa diventare patrimonio dell’umanità e cambiare le sorti del pianeta
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre