14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano

| È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna

+ Miei preferiti
È una verità ben documentata che ogni anno enormi quantità di plastica finiscano negli oceani inquinando i mari, sporcando le spiagge e mettendo in pericolo la fauna e la flora marina. Una forma di inquinamento inarrestabile riscontrata anche nelle regioni più remote della Terra, come l’Antartide.

Ma si sa relativamente poco sui livelli di plastica che si annidano sui fondali marini. L’inquietante risposta arriva da uno studio dell’agenzia scientifica nazionale australiana CSIRO pubblicato sulla rivista “Frontiers in Marine Science”, che ha fatto luce sul problema più nascosto della plastica, stimando in 14 milioni di tonnellate la presenza di microplastiche sul fondo degli oceani, una quantità 35 volte superiore a quella che si ritiene galleggi in superficie.

Secondo i ricercatori si tratta della prima stima globale delle microplastiche, come sono definite le particelle di materiale plastico ridotte dal mare e dalle correnti in frammenti minuscoli, spesso più piccoli di 5 millimetri.

Utilizzando un sottomarino robotizzato, il team ha raccolto campioni di sedimenti raggiungendo i 3.000 metri di profondità da sei siti del “Great Australian Bight”, 380 km al largo della costa del South Australia.

L’analisi dei 51 campioni prelevati ha evidenziato una media di 1,26 pezzi di microplastica per grammo di sedimento, 25 volte superiore ai precedenti studi realizzati in acque profonde.

Per Justine Barrett, una dei responsabili dello studio, “Anche l’oceano più profondo è ormai coinvolto nel problema dell’inquinamento: i risultati mostrano che le microplastiche affondano sui fondali”.

Per gli scienziati, la plastica “è una delle principali sfide ambientali di questa generazione” e una questione riconosciuta a livello internazionale. La plastica è una forma di inquinamento persistente che danneggia la fauna selvatica e c’è una crescente preoccupazione per i potenziali rischi sulla salute dell’uomo, ma è un problema destinato a peggiorare nei prossimi anni, con l’aumento della produzione e dell’inquinamento.

Uno studio recente ha suggerito che, anche se il mondo coordinasse uno sforzo immediato a livello globale per ridurre il consumo di plastica, si stima che entro il 2040 ci sarebbero ancora 710 milioni di tonnellate di plastica a inquinare l’ambiente.

Fra i più stupiti della ricerca la dottoressa Denise Hardesty: “Siamo rimasti colpiti dalla presenza dalle quantità di microplastica in un luogo così remoto. La nostra ricerca ha scoperto che l’oceano profondo è una sorta di pozzo nero in cui si depositano le schifezze del mondo intero”.

I campioni sono stati prelevati fra marzo e aprile del 2017 in una scala di profondità comprese tra 1.655 e 3.062 metri: i ricercatori hanno poi aumentato i prelievi al largo delle coste australiane per ottenere una stima globale del peso delle microplastiche nei sedimenti in alto mare, raggiungendo la stima di 14,4 milioni di tonnellate: una valutazione considerata prudente per via dell’ubicazione remota e assai lontana dai centri abitati.

Secondo il “World Economic Forum”, circa 150 milioni di tonnellate di plastica galleggiano nei nostri oceani, con altri otto milioni di tonnellate che ogni anno entrano in acqua.

Risultati che mostrano l’urgenza di trovare soluzioni efficaci per fermare l’inquinamento della plastica prima che si impossessi degli oceani. “Questo aiuterà a informare le strategie di gestione dei rifiuti e a creare cambiamenti comportamentali e opportunità per fermare l’accesso della plastica e di altri rifiuti nel nostro ambiente naturale”.

Ambiente
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie