A Tokyo, gli atleti dormiranno sul cartone

| Saranno di cartone riciclato le strutture dei letti destinati agli atleti delle prossime Olimpiadi ospitate in Giappone. Un altro segnale della volontà di dare un approccio sostenibile al più grande evento sportivo di sempre

+ Miei preferiti
Tokyo si prepara ad accogliere la XXXII Olimpiade, e con la consueta grandiosità, fervono i preparativi per impianti a infrastrutture, resi robusti dallo stanziamento di 400 miliardi di yen, 2,7 miliardi di euro al cambio attuale.

Ma saranno anche giochi ecorispettosi, i primi in senso assoluto a prevedere un approccio sostenibile a cui è dedicata una parte del sito ufficiale dell’evento. Nei mesi scorsi si era diffusa la notizia delle medaglie, realizzate riciclando apparecchiature elettroniche, e quella della torcia olimpica fatta con rifiuti di alluminio, e i podi in plastica riciclata. L’ultima curiosità è il letto destinato agli atleti che occuperanno le stanze del villaggio olimpico in fase di ultimazione sulla baia di Tokio. Sarà un giaciglio comodissimo, assicurano, in grado di garantire il relax ai 18mila atleti di tutto il mondo (più gli 8mila delle Paralimpiadi), ma del tutto innovativo e riutilizzabile. Sarà realizzato dalla “Airweave” in cartone riciclato: è lungo 2,10 metri e in grado di sopportare un peso fino a 200 kg.

I materassi invece saranno in polietilene, per essere anch’essi trasformati in oggetti di in plastica una volta finiti i giochi.

Ambiente
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo