A Tokyo, gli atleti dormiranno sul cartone

| Saranno di cartone riciclato le strutture dei letti destinati agli atleti delle prossime Olimpiadi ospitate in Giappone. Un altro segnale della volontà di dare un approccio sostenibile al più grande evento sportivo di sempre

+ Miei preferiti
Tokyo si prepara ad accogliere la XXXII Olimpiade, e con la consueta grandiosità, fervono i preparativi per impianti a infrastrutture, resi robusti dallo stanziamento di 400 miliardi di yen, 2,7 miliardi di euro al cambio attuale.

Ma saranno anche giochi ecorispettosi, i primi in senso assoluto a prevedere un approccio sostenibile a cui è dedicata una parte del sito ufficiale dell’evento. Nei mesi scorsi si era diffusa la notizia delle medaglie, realizzate riciclando apparecchiature elettroniche, e quella della torcia olimpica fatta con rifiuti di alluminio, e i podi in plastica riciclata. L’ultima curiosità è il letto destinato agli atleti che occuperanno le stanze del villaggio olimpico in fase di ultimazione sulla baia di Tokio. Sarà un giaciglio comodissimo, assicurano, in grado di garantire il relax ai 18mila atleti di tutto il mondo (più gli 8mila delle Paralimpiadi), ma del tutto innovativo e riutilizzabile. Sarà realizzato dalla “Airweave” in cartone riciclato: è lungo 2,10 metri e in grado di sopportare un peso fino a 200 kg.

I materassi invece saranno in polietilene, per essere anch’essi trasformati in oggetti di in plastica una volta finiti i giochi.

Ambiente
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà
Il polo che si squaglia
Il polo che si squaglia
I climatologi stanno lanciando l'allarme sugli effetti negativi che il riscaldamento delle aree artiche può avere: lo scioglimento del permafrost potrebbe provocare l’immissione in atmosfera di metano che provoca l’effetto serra
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto