Amazzonia, persi 10mila km di foresta

| Il tasso di deforestazione è salito al livello più alto in 11 anni, secondo i dati del governo brasiliano. Bolsonaro criticato per non aver difeso il polmone verde del mondo

+ Miei preferiti
Fino al luglio scorso, circa 9.762 chilometri quadrati di foresta pluviale sono andati persi in appena 12 mesi: è quanto rivela un comunicato dell’Istituto Nazionale per la Ricerca Spaziale, con un aumento del 29,5% rispetto ai 12 mesi precedenti. È il più alto tasso di perdita dal 2008.

L’aumento della deforestazione ha subito una profonda accelerazione da quando il paese è sotto la guida del presidente Jair Bolsonaro, eletto nell’ottobre 2018.

Bolsonaro è stato criticato da tutto il mondo per aver fatto molto poco nel tentativo di proteggere la foresta pluviale amazzonica, rifiutando persino 20 milioni di dollari di aiuti esteri per aiutare a combattere gli incendi giunti durante il vertice del G7 in Francia.

I rapidi tassi di deforestazione sono un “risultato diretto della strategia attuata da Bolsonaro per smantellare il Ministero dell’Ambiente”, secondo un comunicato stampa dell’Osservatorio sul clima, una rete brasiliana di organizzazioni a difesa dell’ambiente.

“Il livello di deforestazione è lontano da quello che volevamo, ma è anche lontano dai numeri a tre cifre che sono stati riportati”, ha sminuito il ministro brasiliano dell’ambiente Ricardo Sales in una conferenza stampa. Secondo lui, i crescenti livelli di deforestazione sono causati da attività illegali come il pascolo del bestiame, l’agricoltura, il commercio del legno e l’estrazione mineraria illegale. Il ministro ha aggiunto che il paese ha bisogno di “un’alternativa economica sostenibile per quella regione dell’Amazzonia” per fermare l’aumento dei livelli di deforestazione.

L’agenzia brasiliana di ricerca spaziale si riunirà mercoledì per discutere le strategie per combattere la deforestazione in Amazzonia.

Ambiente
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio