Amazzonia, persi 10mila km di foresta

| Il tasso di deforestazione è salito al livello più alto in 11 anni, secondo i dati del governo brasiliano. Bolsonaro criticato per non aver difeso il polmone verde del mondo

+ Miei preferiti
Fino al luglio scorso, circa 9.762 chilometri quadrati di foresta pluviale sono andati persi in appena 12 mesi: è quanto rivela un comunicato dell’Istituto Nazionale per la Ricerca Spaziale, con un aumento del 29,5% rispetto ai 12 mesi precedenti. È il più alto tasso di perdita dal 2008.

L’aumento della deforestazione ha subito una profonda accelerazione da quando il paese è sotto la guida del presidente Jair Bolsonaro, eletto nell’ottobre 2018.

Bolsonaro è stato criticato da tutto il mondo per aver fatto molto poco nel tentativo di proteggere la foresta pluviale amazzonica, rifiutando persino 20 milioni di dollari di aiuti esteri per aiutare a combattere gli incendi giunti durante il vertice del G7 in Francia.

I rapidi tassi di deforestazione sono un “risultato diretto della strategia attuata da Bolsonaro per smantellare il Ministero dell’Ambiente”, secondo un comunicato stampa dell’Osservatorio sul clima, una rete brasiliana di organizzazioni a difesa dell’ambiente.

“Il livello di deforestazione è lontano da quello che volevamo, ma è anche lontano dai numeri a tre cifre che sono stati riportati”, ha sminuito il ministro brasiliano dell’ambiente Ricardo Sales in una conferenza stampa. Secondo lui, i crescenti livelli di deforestazione sono causati da attività illegali come il pascolo del bestiame, l’agricoltura, il commercio del legno e l’estrazione mineraria illegale. Il ministro ha aggiunto che il paese ha bisogno di “un’alternativa economica sostenibile per quella regione dell’Amazzonia” per fermare l’aumento dei livelli di deforestazione.

L’agenzia brasiliana di ricerca spaziale si riunirà mercoledì per discutere le strategie per combattere la deforestazione in Amazzonia.

Ambiente
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Era il capo delle pattuglie di indios che tentano di difendere il polmone verde del mondo dai morbosi interessi di multinazionali che hanno iniziato una deforestazione sistematica
Il dazio che inquina
Il dazio che inquina
La guerra commerciale in atto tra Stati Uniti e Cina potrebbe influire negativamente sul miglioramento della qualità dell’aria. I maggiori costi spingono la nazione asiatica a utilizzare fonti più economiche, come il carbone
Jane Fonda arrestata a Washington
Jane Fonda arrestata a Washington
La celebre attrice protestava contro i cambiamenti climatici davanti al Campidoglio
Un iceberg colossale si è staccato dall’Antartide
Un iceberg colossale si è staccato dall’Antartide
D28 è grande quanto l’isola di Zanzibar, ma secondo gli esperti si tratta di un evento naturale atteso e del tutto normale. Li preoccupa di più la situazione dell’Antartide
I giovani in piazza per il clima
I giovani in piazza per il clima
Manifestazioni e cortei previsti in 130 paesi: in Italia la mobilitazione coinvolge 160 città. Speciale dispensa del ministro dell’istruzione per gli assenti da scuola
L’FBI ha preso di mira gli ambientalisti americani
L’FBI ha preso di mira gli ambientalisti americani
Malgrado numerose indagini non abbiano portato a nulla, molti attivisti dei gruppi che si battono per il pianeta sono classificati come potenziali terroristi interni. E la loro vita è cambiata