Arriva El Niño!

| Le previsioni dei più importanti laboratori meteo-climatici lasciano presupporre che l’estate 2019 sarà particolarmente calda e afosa. In Italia i meteorologi prevedono temperature sopra i 40 gradi al Sud e intorno ai 39 al Centro Nord

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Ufficialmente il suo nome è ENSO, cioè “El Niño – Southern Oscillation” (Il bambino – Oscillazione meridionale) ed è un fenomeno climatico periodico. Provoca il forte riscaldamento delle acque dell’oceano Pacifico centro-meridionale e orientale (sul lato dell’America latina) tra dicembre e gennaio, in media ogni cinque anni.

Nonostante il nome all’apparenza inoffensivo (fa riferimento a Gesù Bambino, visto che il fenomeno avviene nel periodo natalizio), El Niño provoca inondazioni nelle aree direttamente interessate dall’evento e contestualmente siccità nelle zone più lontane, oltre ad altre perturbazioni molto poco prevedibili e quanto mai varie.

I Paesi che si affacciano sul Pacifico sono i più colpiti dal fenomeno - tra l’altro nazioni che dipendono da agricoltura e pesca e quindi particolarmente danneggiate - ma gli scienziati ritengono che El Niño ha effetti anche su scala globale con variazioni della circolazione atmosferica in tutto il pianeta.

Inoltre, l’ENSO è quella che i climatologi definiscono una “teleconnessione atmosferica accoppiata atmosfera-oceano”. A El Niño, che riscalda le acque dell’oceano Pacifico centro-meridionale e orientale, si abbina una componente atmosferica (l’Oscillazione meridionale, appunto) caratterizzata da cambiamenti dei livelli di pressione nella stessa area del Pacifico. E come se non bastasse, sempre in quella zona si manifesta anche La Niña che raffredda le acque. Queste componenti - El Niño, La Niña e l’Oscillazione meridionale - sono in pratica complementari: quando le acque si riscaldano, la pressione del Pacifico occidentale è alta, mentre quando si raffreddano, la pressione è bassa. Le oscillazioni sono in fase di studio e ancora non si è capito né da che cosa sono generate né perché sono così correlate con il clima globale.

In ogni caso, vista la prevedibilità con cui El Niño e La Niña si manifestano negli anni e sebbene siamo ancora in inverno e l’estate sia decisamente lontana, i meteorologi si sono già fatti un’idea sulle temperature che ci troveremo ad affrontare tra giugno, luglio e agosto. Aspettiamoci un caldo canicolare, decisamente afoso e con temperature superiori ai 40 gradi.

Le previsioni si basano sul fatto che nelle ultime settimane le acque superficiali del Pacifico hanno subìto un repentino innalzamento della temperatura: 0,3° Celsius in più rispetto alla media del periodo. Secondo le informazioni a disposizione dei meteorologi, pur sembrando un rialzo davvero minimo e per l’uomo impercettibile, questa escursione quasi certamente avrà effetti su scala mondiale, soprattutto in Europa dove le temperature inizieranno a essere superiori alla media – intorno ai 30° C – già alla fine di maggio con le prime ondate di caldo africano che raggiungeranno le regioni meridionali di Spagna, Italia e Grecia.

L’inizio di giugno coinciderà con l’arrivo dell’anticiclone africano sub-tropicale il quale causerà un innalzamento molto forte del tasso di umidità che renderà l’aria afosa e particolarmente fastidiosa.

Sarà quindi la volta di luglio e agosto, quando il caldo sarà davvero torrido sia di giorno sia di notte. Fino a ferragosto si prevede che le temperature nel Sud Italia raggiungeranno anche i 42-43° C, mentre al Centro-Nord i valori più elevati dovrebbero attestarsi intorno ai 38-39° C.

Ambiente
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà
Il polo che si squaglia
Il polo che si squaglia
I climatologi stanno lanciando l'allarme sugli effetti negativi che il riscaldamento delle aree artiche può avere: lo scioglimento del permafrost potrebbe provocare l’immissione in atmosfera di metano che provoca l’effetto serra
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto