Arriva El Niño!

| Le previsioni dei più importanti laboratori meteo-climatici lasciano presupporre che l’estate 2019 sarà particolarmente calda e afosa. In Italia i meteorologi prevedono temperature sopra i 40 gradi al Sud e intorno ai 39 al Centro Nord

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Ufficialmente il suo nome è ENSO, cioè “El Niño – Southern Oscillation” (Il bambino – Oscillazione meridionale) ed è un fenomeno climatico periodico. Provoca il forte riscaldamento delle acque dell’oceano Pacifico centro-meridionale e orientale (sul lato dell’America latina) tra dicembre e gennaio, in media ogni cinque anni.

Nonostante il nome all’apparenza inoffensivo (fa riferimento a Gesù Bambino, visto che il fenomeno avviene nel periodo natalizio), El Niño provoca inondazioni nelle aree direttamente interessate dall’evento e contestualmente siccità nelle zone più lontane, oltre ad altre perturbazioni molto poco prevedibili e quanto mai varie.

I Paesi che si affacciano sul Pacifico sono i più colpiti dal fenomeno - tra l’altro nazioni che dipendono da agricoltura e pesca e quindi particolarmente danneggiate - ma gli scienziati ritengono che El Niño ha effetti anche su scala globale con variazioni della circolazione atmosferica in tutto il pianeta.

Inoltre, l’ENSO è quella che i climatologi definiscono una “teleconnessione atmosferica accoppiata atmosfera-oceano”. A El Niño, che riscalda le acque dell’oceano Pacifico centro-meridionale e orientale, si abbina una componente atmosferica (l’Oscillazione meridionale, appunto) caratterizzata da cambiamenti dei livelli di pressione nella stessa area del Pacifico. E come se non bastasse, sempre in quella zona si manifesta anche La Niña che raffredda le acque. Queste componenti - El Niño, La Niña e l’Oscillazione meridionale - sono in pratica complementari: quando le acque si riscaldano, la pressione del Pacifico occidentale è alta, mentre quando si raffreddano, la pressione è bassa. Le oscillazioni sono in fase di studio e ancora non si è capito né da che cosa sono generate né perché sono così correlate con il clima globale.

In ogni caso, vista la prevedibilità con cui El Niño e La Niña si manifestano negli anni e sebbene siamo ancora in inverno e l’estate sia decisamente lontana, i meteorologi si sono già fatti un’idea sulle temperature che ci troveremo ad affrontare tra giugno, luglio e agosto. Aspettiamoci un caldo canicolare, decisamente afoso e con temperature superiori ai 40 gradi.

Le previsioni si basano sul fatto che nelle ultime settimane le acque superficiali del Pacifico hanno subìto un repentino innalzamento della temperatura: 0,3° Celsius in più rispetto alla media del periodo. Secondo le informazioni a disposizione dei meteorologi, pur sembrando un rialzo davvero minimo e per l’uomo impercettibile, questa escursione quasi certamente avrà effetti su scala mondiale, soprattutto in Europa dove le temperature inizieranno a essere superiori alla media – intorno ai 30° C – già alla fine di maggio con le prime ondate di caldo africano che raggiungeranno le regioni meridionali di Spagna, Italia e Grecia.

L’inizio di giugno coinciderà con l’arrivo dell’anticiclone africano sub-tropicale il quale causerà un innalzamento molto forte del tasso di umidità che renderà l’aria afosa e particolarmente fastidiosa.

Sarà quindi la volta di luglio e agosto, quando il caldo sarà davvero torrido sia di giorno sia di notte. Fino a ferragosto si prevede che le temperature nel Sud Italia raggiungeranno anche i 42-43° C, mentre al Centro-Nord i valori più elevati dovrebbero attestarsi intorno ai 38-39° C.

Ambiente
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
È quello che auspica un nuovo rapporto delle Nazioni Unite sulla salute del pianeta: fra i suggerimenti quello di sfruttare l’anno della pandemia per un nuovo inizio
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Secondo gli scienziati si tratterebbe di un anomalo accumulo di metano dovuto ai cambiamenti climatici che stanno interessando una zona ricca di permafrost. È un altro messaggio di allarme di un pianeta che sta morendo
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
L’inviato speciale per il clima del presidente Biden si dice pronto a fare la propria parte, mentre dalla Casa Bianca partivano altri ordini esecutivi in favore dell’ambiente
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
Una nuova batteria per auto elettriche ideata un team di scienziati della Penn State University, in America: ha peso, volume e costi molto bassi, perché possa diventare patrimonio dell’umanità e cambiare le sorti del pianeta
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici