Arriva El Niño!

| Le previsioni dei più importanti laboratori meteo-climatici lasciano presupporre che l’estate 2019 sarà particolarmente calda e afosa. In Italia i meteorologi prevedono temperature sopra i 40 gradi al Sud e intorno ai 39 al Centro Nord

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Ufficialmente il suo nome è ENSO, cioè “El Niño – Southern Oscillation” (Il bambino – Oscillazione meridionale) ed è un fenomeno climatico periodico. Provoca il forte riscaldamento delle acque dell’oceano Pacifico centro-meridionale e orientale (sul lato dell’America latina) tra dicembre e gennaio, in media ogni cinque anni.

Nonostante il nome all’apparenza inoffensivo (fa riferimento a Gesù Bambino, visto che il fenomeno avviene nel periodo natalizio), El Niño provoca inondazioni nelle aree direttamente interessate dall’evento e contestualmente siccità nelle zone più lontane, oltre ad altre perturbazioni molto poco prevedibili e quanto mai varie.

I Paesi che si affacciano sul Pacifico sono i più colpiti dal fenomeno - tra l’altro nazioni che dipendono da agricoltura e pesca e quindi particolarmente danneggiate - ma gli scienziati ritengono che El Niño ha effetti anche su scala globale con variazioni della circolazione atmosferica in tutto il pianeta.

Inoltre, l’ENSO è quella che i climatologi definiscono una “teleconnessione atmosferica accoppiata atmosfera-oceano”. A El Niño, che riscalda le acque dell’oceano Pacifico centro-meridionale e orientale, si abbina una componente atmosferica (l’Oscillazione meridionale, appunto) caratterizzata da cambiamenti dei livelli di pressione nella stessa area del Pacifico. E come se non bastasse, sempre in quella zona si manifesta anche La Niña che raffredda le acque. Queste componenti - El Niño, La Niña e l’Oscillazione meridionale - sono in pratica complementari: quando le acque si riscaldano, la pressione del Pacifico occidentale è alta, mentre quando si raffreddano, la pressione è bassa. Le oscillazioni sono in fase di studio e ancora non si è capito né da che cosa sono generate né perché sono così correlate con il clima globale.

In ogni caso, vista la prevedibilità con cui El Niño e La Niña si manifestano negli anni e sebbene siamo ancora in inverno e l’estate sia decisamente lontana, i meteorologi si sono già fatti un’idea sulle temperature che ci troveremo ad affrontare tra giugno, luglio e agosto. Aspettiamoci un caldo canicolare, decisamente afoso e con temperature superiori ai 40 gradi.

Le previsioni si basano sul fatto che nelle ultime settimane le acque superficiali del Pacifico hanno subìto un repentino innalzamento della temperatura: 0,3° Celsius in più rispetto alla media del periodo. Secondo le informazioni a disposizione dei meteorologi, pur sembrando un rialzo davvero minimo e per l’uomo impercettibile, questa escursione quasi certamente avrà effetti su scala mondiale, soprattutto in Europa dove le temperature inizieranno a essere superiori alla media – intorno ai 30° C – già alla fine di maggio con le prime ondate di caldo africano che raggiungeranno le regioni meridionali di Spagna, Italia e Grecia.

L’inizio di giugno coinciderà con l’arrivo dell’anticiclone africano sub-tropicale il quale causerà un innalzamento molto forte del tasso di umidità che renderà l’aria afosa e particolarmente fastidiosa.

Sarà quindi la volta di luglio e agosto, quando il caldo sarà davvero torrido sia di giorno sia di notte. Fino a ferragosto si prevede che le temperature nel Sud Italia raggiungeranno anche i 42-43° C, mentre al Centro-Nord i valori più elevati dovrebbero attestarsi intorno ai 38-39° C.

Ambiente
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve